Saccheggiate case di due calciatori

Ladri di nuovo in azione la scorsa notte nella nostra città. A parte qualche tentativo tra Petriccio e l'Acquacalda che non hanno portato (menomale) frutti ai soliti ignoti, a Scacciapensieri, invece, i malviventi hanno fatto razzie nelle case di due giocatori. Le vittime sono Daniele Portanova ex calciatore della Robur e attualmente in forza al Genoa e il difensore del Siena Carlos Matheu. Ed è stato proprio quest'ultimo una volta rientrato a casa a chiedere l'intervento dei carabinieri. Una pattuglia poco dopo era nel residenziale quartiere. I militari hanno fatto un sopralluogo nei due appartamenti che si trovano l'uno vicino all'altro. Il bottino è davvero cospicuo. Tra soldi, gioielli e orologi il valore totale degli oggetti trafugati ai due giocatori è di circa trentamila curo.
Sono le 23,30 di sabato quando sul 112 arriva la telefonata di Carlos Matheu. Il calciatore della Robur nel rientrare a casa ha trovato la sgradita sorpresa. Qualcuno aveva forzato la serratura di un'entrata e aveva messo sottosopra tutto il suo appartamento portandogli via denaro in contante e orologi per un valore di oltre tredicimila euro. Il Radiomobile poco dopo arriva. I militari fanno un sopralluogo nell'appartamento e accertano che Matheu prima di uscire aveva chiuso tutto e quindi i malviventi per entrare avevano dovuto forzare una serratura. Hanno agito in un breve lasso di tempo visto che il difensore del Siena era uscito per la cena ed era rientrato alle 23,30. Gli stessi ladri non contenti di quanto avevano «racimolato» hanno concentrato le loro attenzioni nell'appartamento attiguo abitato da Daniele Portanova. L'atleta pur giocando attualmente nella fila della squadra ligure ha mantenuto la sua residenza nella nostra città.
Anche in questo caso era stata scardinata una serratura e come accaduto nella casa di Matheu avevano rovistato ovunque alla ricerca di denaro contante e preziosi. Li hanno trovati tanto che alla fine lo stesso derubato affermerà che gli sono stati sottratti oggetti e soldi per un valore di oltre quindicimila euro. Nel momento dei furti i due appartamenti erano disabitati.
Nel corso del sopralluogo pare che i carabinieri non abbiano trovato tracce o elementi utili che possano aiutarli ad assicurare alla giustizia i responsabili della duplice razzia. E sono ancora «uccel di bosco» i malviventi che alcuni giorni fa svaligiarono una villa nell'immediata periferia della nostra città. In quell'occasione approfittando dell'assenza dei proprietari dopo aver forzato una porta sul retro entrarono e andarono diritti alla cassaforte dove erano custoditi numerosi e preziosi gioielli, orologi e soldi in contanti. Un bottino ingente anche se i derubati non hanno voluto renderlo noto. Anche in quel caso il furto fu denunciato ai carabinieri della compagnia di Siena.

Fonte: La Nazione