ROSI: DOBBIAMO SUPERARE LE NOSTRE PAURE

 

Non ha ancora raggiunto il top della condizione, ma per Aleandro Rosi “il top della condizione si raggiunge solo giocando, mettendo i minuti sulle gambe”. Ed è quello il suo obiettivo. “Lavorare, scendere in campo, dare il massimo, giocare bene: alla fine arriveranno anche i risultati”.
Rosi, ripartire da dove?
“Dal secondo tempo di Marassi. Avevamo preparato benissimo la partita, ma il gol subìto a freddo ci ha condizionato. Loro sono stati poi bravi a segnare la seconda e la terza rete e per tutto il tempo abbiamo sofferto. Non ci siamo però scoraggiati, abbiamo reagito: nella ripresa ci abbiamo messo il piglio giusto, abbiamo riaperto la partita, per poco non abbiamo pareggiato. Da lì dobbiamo ripartire”.
Proprio sui suoi piedi sono capitate le occasioni buone per…
“Pareggiare e perché no vincere. Sì, nella prima sono andato per prendere la palla, ma l’ho trovata all’ultimo. Nella seconda, la palla era buona, sarebbe stato meglio se al posto mio ci si fosse trovato Maccarone…”.
Ha detto che la preparazione alla partita è stata ottima: è quindi una questione mentale?
“Credo proprio di sì. E’ dura la situazione che stiamo vivendo: siamo ultimi in classifica, abbiamo perso tanti punti per strada, ci mancano almeno quattro lunghezze. Tutto ci appare difficile e scendiamo in campo con la paura di sbagliare, non siamo tranquilli. Ma giochiamo in serie A, siamo dei professionisti, e dobbiamo riuscire al più presto a trasformare le difficoltà in cattiveria e a semplificare il gioco”.
Come va con Baroni?
“Bene, sta imparando a conoscerci: ha avuto poco tempo all’inizio. Sta cercando di lavorare più che altro sulla testa: non vincere da tanto è un grosso peso, ci sta dando una grossa mano. Per quanto riguarda l’aspetto tattico, non abbiamo incontrato grosse difficoltà, perché il metodo è lo stesso di Giampaolo. A noi difensori non è cambiato tanto. Come chi l’ha preceduto è molto preparato". 
Il mister ha dichiarato che dovete stare più attenti all’avversario che alla palla…
“Ecco: la differenza sta tutta lì”.
Giovedì giocherete in Coppa Italia con il Grosseto: sentite, come squadra, l’ulteriore responsabilità che sia un derby?
“Sappiamo dell’importanza della gara e ci teniamo a passare il turno. Vogliamo giocarcela con il piglio giusto, lo stesso messo in campo nel secondo tempo di Marassi. Vogliamo vincere e ce la metteremo tutta”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line