Rondanini: “Avanti Robur! Derby da vincere”

Si fa il terzino, ma quanto gli piace vestire i panni del bomber. Se ci sono le telecamere poi… Ci scherza Ivan Rondanini, ma, sarà pure il caso, ha firmato tre gol e tutti e tre in diretta tv (ad Alessandria la lucina rossa era spenta e la traversa trema ancora). Il fatto è che al Franchi, domani sera, ci sarà la Rai. 

Passata l’amarezza? 
«Quella per il pareggio con il Gavoranno è passata grazie alla grande prestazione di Alessandria. Dopo il pareggio di Alessandria non c’era niente per essere amareggiati. Abbiamo giocato su un campo difficile una delle nostre miglior partite. Poi ci può stare che crei 2-3 occasioni e ne centri una, mentre gli altri segnano in un’azione insperata. Un infortunio può capitare. E non dimentichiamoci che Pane ha fatto parate che ci hanno salvato». 

Siena-Carrarese? 
«Dobbiamo fare risultato: siamo in casa nostra e giochiamo un derby stimolante. Dobbiamo affrontarlo a nostro modo, giocando palla a terra, facendola muovere, con azioni organizzate. Al Franchi abbiamo raccolto meno che in trasferta? Probabilmente facciamo più fatica con squadre che ci aspettano: dobbiamo forzare la giocata e ci esponiamo alle ripartenze. Ma domani vogliamo fare punti».

La Carrarese se la giocherà, secondo lei? 
«E’ una squadra molto aggressiva, che va a prendere gli avversari alti. Ma vedendo la tendenza credo ci aspetteranno bassi. Noi ci siamo preparati a tutto».

Rondanini, vuol togliere lo scettro a Marotta? 
«Ci provo (ride ndr). Nel settore giovanile, essendo un po’ più alto dei compagni, mi capitava spesso di andare in avanti e segnare. Da professionista le occasioni sono diminuite, ma mi è sempre piaciuto: anche a Savona, da quinto di centrocampo, una rete l’ho fatta».

E’ in scadenza di contratto: il suo futuro? 
«Spero che il rapporto possa continuare, non mi sono guardato in giro. Voglio essere positivo. A Siena mi sono trovato benissimo, anche l’anno scorso, che è stato complicato. Ma è nei momenti più difficili che conosci davvero chi hai intorno. Abbiamo una possibilità, io e la Robur, che mi auguro venga sfruttata (classe ’95 l’anno prossimo rientrerebbe tra gli over, ma essendo tesserato da due anni può rientrare tra gli under ndr)». 

Il campionato è aperto? 
«Il campionato può perderlo solo il Livorno. Noi, semmai, dovremo essere bravi ad approfittare di eventuali flessioni. E a consolidare il secondo posto». (Angela Gorellini)

Fonte: La Nazione