ROMANO: IN TRENTINO DAL MIO VECCHIO SIENA

Mariano Romano, capitano della Primavera bianconera vicecampione d’Italia, appena ha potuto è corso in Trentino: seduto in tribuna ha assistito all’amichevole con il Mezzocorona. Ha salutato i ‘vecchi’ compagni di squadra, quelli con cui ha cavalcato verso la finale di campionato e quelli con cui ha vissuto le due convocazioni in prima squadra, a Torino contro la Juventus e a Reggio Calabria. Adesso, al Sassuolo, in serie B, avrà modo di misurarsi con il calcio professionistico. Con un occhio rivolto sempre alla Robur. “Avevo un giorno libero – ha detto Romano -, sono venuto a guardare il mio vecchio Siena. L’ho visto abbastanza bene, anche se è normale che le gambe siano un po’ pesanti per il lavoro iniziato neanche da un mese. Capita a tutte le squadre, in questo periodo. Ho salutato tutti, Larrondo, Joazinho, Giannetti, Capogrosso e gli altri. Stasera mi fermo”. “Con la Primavera – aggiunge -, abbiamo vissuto un’ottima stagione. Il titolo ci è sfuggito di un soffio, ma abbiamo comunque raggiunto un traguardo straordinario. Mi è mancato soltanto l’esordio in prima squadra”. Per Romano, il presente è colorato di neroverde. “Abbiamo giocato ieri la seconda amichevole – dice il centrocampista -. Un ottimo test, contro la Reggiana. Sono partito titolare, sono uscito all’80. Sono molto felice di come sta andando: a Sassuolo si sta bene, con i compagni (tra loro anche l’ex Riccardo Zampagna ndr) non ho avuto problemi di integrazione. Siamo un buon gruppo, io spero di dare il mio contributo”.  (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line