Rivoltata dopo il calciomercato e sugli scudi in trasferta. La Viterbese si è rimessa in carreggiata

Per larghi tratti della stagione è stata forse la delusione del campionato, considerate le premesse con cui si era presentata ai nastri di partenza. Che qualcosa non abbia funzionato in casa Viterbese lo dimostrano i tanti stravolgimenti che da inizio anno si sono susseguiti in seno alla società laziale. Come spesso capita, il primo a pagare è stato l’allenatore, nella fattispecie l’ex tecnico della Robur Alessandro Dal Canto, esonerato lo scorso 4 ottobre dopo la sconfitta in casa del Teramo. Meglio non è andata al suo successore, Giuseppe Raffaele, rimasto in carica un solo mese prima di essere allontanato e far posto al tecnico della Primavera Francesco Punzi.

I cambiamenti non sono rimasti confinati solo alla panchina: alla fine del 2021 l’esonero è stato infatti comunicato anche al direttore sportivo Mauro Facci, che ha pagato il pessimo andamento della squadra da lui costruita in estate. A farne le veci come sostituto è arrivato l’argentino Mariano Fernandez, ex calciatore a buoni livelli e già dirigente di Matera e Virtus Francavilla. È a lui che il presidente Marco Arturo Romano ha affidato le chiavi per operare una rivoluzione nel calciomercato invernale e provare a invertire una brutta tendenza.

A salutare Viterbo sono stati ben undici calciatori, tra i quali figuravano anche elementi importanti come Errico, Volpe e Foglia. È in entrata che però il club laziale si è scatenato, portando alla corte di Punzi giocatori esperti e – soprattutto – pronti all’uso, come il portiere ex Piacenza Fumagalli (’82), il terzino ex Pordenone Semenzato (’87), il forte centrocampista Mungo (’93), prelevato da una diretta concorrente come il Teramo, e gli attaccanti Bianchimano (’96) e l’ex bianconero Polidori (’92). Il tanto atteso cambio di direzione è arrivato proprio dopo la finestra invernale di riparazione, in cui i gialloblu hanno conquistato ben tre vittorie (tutte fuori casa con Imolese, Vis Pesaro e Grosseto) e sono andati ad un passo dal fermare la corazzata Modena, capace di espugnare il ‘Rocchi’ solo grazie ad un rigore dubbio realizzato nel finale da Ogunseye.

Tanti meriti di questa rinascita vanno a mister Punzi, che aveva provato a riassestare la situazione già a fine 2021, ottenendo pareggi importanti sui campi di Reggiana e Cesena. In vista della gara di domani, l’ex tecnico della Flaminia ritrova dopo la squalifica l’ex D’Ambrosio e recupera anche Martinelli. I due si andranno a piazzare nella retroguardia a tre con l’altro nuovo acquisto Ricci. Verso la conferma sulla fascia destra Calcagni, mentre davanti l’altro ex Polidori si lotterà una maglia da titolare con Bianchimano.

PROBABILE FORMAZIONE (3-5-2): Fumagalli; D’Ambrosio, Ricci, Martinelli; Calcagni, Adopo, Megelaitis, Iuliano, Urso; Volpicelli, Polidori.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol – Foto: Facebook U.S. Viterbese 1908