Questione campi per la Robur. Ci scrive Paolo

Spett.le Redazione dei Fedelissimi

Vi scrivo per esprimere delle opinioni in merito alla questioni dei campi di allenamento per la ROBUR Siena. Stiamo vivendo l'ennesime incertezze sul futuro della nostra squadra del cuore derivanti da questo problema mai risolto, il campo dove allenarsi. Non possiamo biasimare quelle piccole società sportive che si sono rifiutate o che non hanno la possibilità concedere alla prima squadra della città di allenarsi in quanto in passato alcune di loro sono state "scottate" dalle inadempienze "conosciute da tutti noi" delle precedenti scellerate gestioni targate AC Siena.  Quindi escludendo società come Taverne d'Arbia, Meroni, San Miniato e comunque tutte quelle società che devono mettere a disposizione l'impianto per le loro squadre, ve ne sono alcune che non sono mai state menzionate. Ad esempio San Rocco a Pilli, Sovicille, questi sono campi di tutto rispetto che non hanno una squadra nei campionati FIGC, perchè non considerarle? Mi vengono in mente campi minori che versano in completo stato di abbandono come Isola d'Arbia oppure Arbia, questi campi con piccoli investimenti, o perlomeno non superiori quelli che la società di Ponte preventivava, potrebbero diventare punti di riferimento per la ROBUR Siena. Nessuno ci ha mai pensato? Mi pare strano…

Ci sarebbe anche l'ex campo di Orgia. L'idea di rifare il manto erboso sintetico al Rastrello secondo me potrebbe essere un errore, a meno che non venga fatto considerando l'eventuale ristrutturazione dello stadio, infatti nel progetto vi sarebbe lo spostamento del rettangolo di gioco a ridosso della tribuna centrale coperta e cosi via tutte le tribune sfruttando gli spazzi dell'ex pista di atletica. Se venissero fatti i lavori richiesti lasciando la posizione attuale del campo poi sarà, per gli anni a venire, un pretesto per NON fare più la ristrutturazione allo stadio.. Questa cosa mi farebbe terribilmente arrabbiare!

Si accettano idee… meditate gente meditate…

 

Paolo B.