Putelli: “Siena e Spal il top della mia carriera nonostante le disavventure societarie”

Su Siena Tv è intervenuto il doppio ex Roberto Putelli, due anni a Siena (1994-96, 56 presenze e 26 reti) e la stagione successiva a Ferrara (30 presenze e 16 reti).

Ancora in campo – “Per non dimenticare il profumo del campo sto giocando con mio fratello e i suoi amici. Ci sono diversi acciacchi ma mi diverto ancora. La soddisfazione è andare a fare finali a Cesenatico, condite con delle grigliate tutti insieme”.

Allenatore dei Giovanissimi Città di Cologno – “Quando ho smesso ho preso la decisione di staccare col calcio e ho fatto l’agente di commercio. Poi mi è arrivata la proposta, è il terzo anno che alleno. Devo imparare tante cose però l’obiettivo è far migliorare questi ragazzi”.

Siena e Spal – “Entrambe le esperienze sono le migliori della mia carriera, arrivate al massimo della maturità. Entrambe le ho vissute tragicamente a livello societario. A Siena nonostante i giocatori importanti, abbiamo avuto sempre problemi con gli stipendi. A Ferrara è capitato di veder sfilare il presidente in manette, portato via dai carabinieri. Di positivo ci sono i gol e tante belle cose, però mancava qualcosa. A Siena ho fatto due stagioni importanti, salvandomi con Baldini in un contesto difficile il primo anno, mentre il secondo con De Canio non siamo riusciti a stare nei playoff”.

La partita di domenica – “Quando c’è programmazione i risultati arrivano. Se si fanno le cose per bene, i risultati vengono. La Spal sta facendo bene, i risultati si vedono sia in casa che fuori. Il Siena ha nel dna il fatto di lottare, sarà una gara bella con due squadre dal passato importante”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol