Pro Patria-Milan: sospesa la partita

ore 16.00 –  http://www.youtube.com/watch?v=jIPfNQGfPmk. Questo il video che riprende le parti salienti di questo increscioso episodio di razzismo: 

15.47 – Il presidente della Pro Patria, Pietro Vavassori intervenuto a Skysport24 ha commentato l'episodio di razzismo contro alcuni giocatori del Milan: “Sono state isolate quelle persone che hanno effettuato i cori razzisti. Persone che non vediamo allo stadio e che hanno utilizzato l'evento per rovinare questa festa. Sono amareggiato e non ho parole. Le società di fronte a questi fatti non possono fare nulla. La decisione del Milan? E' comprensibile poi alcuni giocatori del Milan non hanno volto ricominciare la gara perchè turbati dall'episodio”.

ore 15.35 – Intervenuto in conferenza stampa, l’allenatore del Milan Massimiliano  Allegri ha commentato così la sospensione della partita dovuta al ritiro della squadra dopo le manifestazioni razziste verso i giocatori di colore del Milan: “Ci dispiace che siano successi questi episodi. Soprattutto per gli altri tifosi, le famiglie e i bambini che erano qui per passare una bella giornata. Abbiamo promesso alla Pro Patria di tornare qui per queste persone. Ci  dispiace per i giocatori della Pro Patria e per la sua società ma dovevamo dare un segnale forte e spero che serva da esempio sia dai campionati maggiori fino alle serie minori”.

ore 15.30 – Il capitano del Milan, Massimo Ambrosini, ha parlato ai giornalisti presenti dopo la definitiva sospensione dell'amichevole contro la Pro Patria per i cori razzisti verso alcuni giocatori milanisti: “Dispiace molto per tutte le persone che erano allo stadio ma andava dato n segnale forte. Il Milan si impegnerà a tornare a Busto Arsizio soprattutto per  bambini e e persone che non hanno nulla a che fare con il razzismo ma un segnale andava dato contro questi incivili”.

Le notizie che ci giungono da Busto Arsizio rivelano come l'amichevole Pro Patria-Milan iniziata alle ore 14.30 sia definitivamente sospesa. La squadra di Max Allegri si ritira per i cori razzisti di cui sono stati oggetto i suoi giocatori, in primis Boateng, Niang, Muntari. Secondo quanto riferisce Sky è stato Massimo Ambrosini a compiere il gesto forte e significativo di ritirare la squadra dal campo. Tra poco i due allenatori, Allegri e Fricano, compariranno in sala stampa per la conferenza del dopo partita

Secondo quanto appreso da MilanNews, a Busto Arsizio si stanno svolgendo delle trattative tra la Pro Patria, i cui giocatori sono in campo, e la squadra rossonera, i cui giocatori sono negli spogliatoi e non hanno alcuna intenzione di riprendere a giocare. Inoltre, secondo indiscrezioni, stanno arrivando un cospicuo numero di forze dell'ordine sotto il settore dei padroni di casa, settore in cui erano partiti gli ululati razzisti.

Dopo 27' contraddistinti da continui insulti razzisti rivolti da una piccola porzione del pubblico di Busto Arsizio ai giocatori di colore rossoneri, il Milan abbandona il campo in segno di solidarietà nei confronti dei suoi giocatori. Dopo l'ennesimo episodio di razzismo, stavolta la vittima è Boateng, il giocatore ghanese si rifiuta di proseguire il match e togliendosi la maglia si dirige verso gli spogliatoi. A ruota il numero 10 del Milan viene seguito non solo dai compagni ma anche dagli avversari, che dopo un momento in cui hanno cercato di calmare il trequartista del Milan, abbandonano anch'essi il campo in segno di solidarietà. A quanto si apprende è stato Massimo Ambrosini a ritirare la squadra dal terreno di gioco.

Il Milan di Max Allegri inizia il 2013 a Busto Arsizio, in un'amichevole che lo vede impegnato contro la Pro Patria seconda in classifica (con una partita in meno) nel girone di Seconda Divisione. L'amichevole di quest'oggi, che Milannews seguirà per voi, è il primo test dopo la sconfitta di Roma. Inoltre mister Allegri avrà modo di provare diversi elementi in vista della ripresa del campionato, domenica 6 contro il Siena. Al centro della difesa ecco che rientra Daniele Bonera dopo aver smaltito l'infortunio. Al suo fianco Francesco Acerbi, che le voci danno in partenza ma che prova a convincere il mister toscano della sua importanza. A centrocampo si rivede Muntari, che ricoprirà la posizione di regista. Il ghanese è rientrato da poco e ha bisogno di mettere parecchi minuti nelle gambe, considerata l'importanza che Sulley rivestirà nelle prossime settimane, in virtù dei pochi centrocampisti a disposizione di Max Allegri. A suo fianco partirà Boateng, che torna a ricoprire il ruolo di mezzala. Davanti la coppia giovane per eccellenza: El Shaarawy e Niang, che ha una grossa occasione per dimostrare la sua importanza nella seconda parte di stagione. In porta ecco Gabriel, portiere brasiliano con molte richieste in serie B, che ha l'occasione per mettersi in mostra.

Queste le formazioni ufficiali di Pro Patria-Milan in campo tra poco allo stadio Carlo Speroni di Busto Arsizio (VA):

PRO PATRIA: Sala; Andreoni, Beccaro,Polverini, Botturi, Greco, Viviani, Bruccini, Falomi, Giannone, Cozzolino. A disp: Vavassori, Nossa, Bonfanti, Pantano, Ghisoli, Greco, Campinoti, Giorno, Artaria, Serafini, Scarabelli, Vernocchi, Dell’Acqua. All.: Firicano

MILAN: Gabriel; Abate, Bonera, Acerbi, Antonini; Flamini, Muntari, Boateng; Emanuelson, Niang, El Shaarawy. A disp.: Coppola, De Sciglio, Mexes, Nocerino, Traoré, Strasser, Montolivo, Constant, Ambrosini, Petagna, Carmona. All.: Allegri.
Arbitro: Gianluca Benassi di Bologna. Assistenti: Bonafede-Coly