PRIMAVERA, SIENA-CATANIA 0-1: DECIDE CIBELE

Siena: Iacobucci, Serone, Mucci, Mazzuoli, Giommarelli (33′ st Pacini), Vazzana (15′ st Vettraino), Campinoti, Soudant (1′ st Arroe), Candiano, Coulibaly, Montagnani. A disposizione: Marcone, Cannoni, Gizzi, Vettraino, Rosseti. Allenatore: Mignani
Catania: Messina, Calapai, Rapisarda, Cuomo, Trovato, Strumbo, Grasso, Comegna (46′ st Irrera), Barberi, Malafronte (48′ st Adamo), Cibele (34′ st Melluzzo). A disposizione: Pandolfo, Mannino, Castellano, Nicastro. Allenatore: Amura
Marcatori: 6′ pt Cibele
Ammoniti: Comegna, Candiano, Strombo, Serone, Mucci
Recupero: 3′ pt, 4′ st
Arbitro: Aloisi di Avezzano (Croce-Del Bianco)

Un po’ di sfortuna, un po’ di imprecisione, una traversa e un rigore sbagliato negano alla Primavera bianconera di rimettere in piedi una partita che il Catania porta a casa con il minimo sforzo, grazie alla rete di Cibele al 6′ del primo tempo, un bel tiro al volo a battere Iacobucci. Il Siena prova subito a reagire, ma all’8′ l’ottimo traversone di Soudant non trova nessun compagno. Poi troppo debole il tentativo de Vazzana, sul fondo quello di Coulibaly, bravo a stoppare, girarsi e concludere dal limite. Primo tempo così e così con il Catania già pronto a difendere il vantaggio e il Siena mai davvero pungente: alla mezz’ora su angolo Mazzuoli di testa non centra la porta, Messina dice no a Campinoti (con Checchi squalificato è lui il capitano)con una parata in due tempi (45′). Nel primo di recupero Montagnani imbecca Coulibaly, non si va oltre l’angolo.
Soudant rimane negli spogliatoi, fa il suo ingresso in campo Arroe, classe innata, che presto Conte dovrà incanalare sui giusti binari. E il peruviano, al 4′ già scuote la gara: parte da solo e tenta la conclusione, fuori. Con il Catania dietro la linea della palla, il vero scossone arriva da Coulibaly, classe 1994, salito in Primavera dagli Allievi, fisico possente, bravo tecnicamente: al 14′ il suo tiro potente si stampa sulla traversa, la palla rimbalza, ma fuori dalla linea. Gli ospiti si affidano per lo più a conclusioni da fuori senza creare particolari problemi a Iacobucci, nelle ripartenze dietro la Robur fa buona guardia. Al 25′ Candiano passa a Campinoti  che apre per Vettraino: si alza la bandierina. Con lo scorrere dei minuti cresce Montagnani e dai piedi del bianconero partono le azioni più pericolose della Robur: è proprio suo al 28′ il passaggio giusto per Coulibaly che da ottima posizione manda incredibilmente fuori. Ed è lui a guadagnare al 35′ il rigore che potrebbe rimettere l’incontro in parità: batte Candiano, Messina para in due tempi. Gli ultimi minuti di gara con un Catania sempre più indisponente, servono alla Robur per collezionare angoli. Ma il risultato non si sblocca. Il Catania si porta a più quattro dalla Robur.
Numeroso il pubblico presente al Manni di Colle. In tribuna l’ex bianconero Federico Mannini, vittorioso con l’Inter al Torneo di Viareggio, Perinetti, Osti, Faggiano, il preparatore dei portieri del Siena A Savorani, il collaboratore tecnico di Conte Cristian Stellini.
“E’ importante che la società segua questi ragazzi – ha dichiarato il direttore sportivo bianconero -, non tanto per il risultato immediato quanto per un programma in prospettiva futura. Nell’ottica della risalita della prima squadra in serie A, è importante che la Primavera diventi sempre più un serbatoio dal quale attingere”. “Intanto – ha aggiunto Perinetti – dalla prossima settimana Arroe si aggregherà alla prima squadra: è un talento naturale, è un giocatore di classe, ma deve ancora smussare alcuni angoli del suo carattere. Conte può essere la persona giusta per aiutarlo nella sua maturazione”. (Angela Gorellini)

Tutti i risultati del girone C
GROSSETO-BARI 0-0
SIENA-CATANIA 0-1
LECCE-CROTONE 0-1
ASCOLI-FROSINONE 2-1
LAZIO-PESCARA 1-0
PALERMO-REGGINA 0-0
NAPOLI-ROMA 0-0

 La Classifica
Squadra Pti G V N P GF GS
ROMA 50 21 16 2 3 63 25
LAZIO 42 21 12 6 3 35 22
CATANIA 40 21 12 4 5 32 20
SIENA 36 21 11 3 7 27 19
NAPOLI 31 21 8 7 6 28 21
PALERMO 31 21 9 4 8 34 31
REGGINA 28 21 8 4 9 31 32
ASCOLI 25 21 7 4 10 27 34
BARI 24 21 6 6 9 34 36
FROSINONE 21 21 5 6 10 24 31
LECCE 21 21 5 6 10 24 38
PESCARA 20 21 5 5 11 25 35
CROTONE 20 21 5 5 11 18 33
GROSSETO 19 21 5 4 12 19 44
 

Fonte: Fedelissimo on line