Primavera, A e B restano insieme in gironi mischiati

La scissione del campionato Primavera tra Serie A e B potrebbe slittare. È quello che è emerso dal Consiglio federale di martedì. I tempi ristretti per modificare le Noif (oltre a qualche malumore sotto traccia) sembrano far propendere per un rinvio. E allora si valutano le proposte che al momento sono sul tavolo per rivedere e il campionato. La strada che sembra accontentare tutte le parti in causa sembra quella di mischiare i tre gironi, annullando così la suddivisione geografica. Un modo per mettere a confronto le realtà del nord con quelle del sud fin dalla stagione regolare senza aspettare la Final Eight. Per valutare il progetto è stata convocata una riunione per martedì 16 a Milano con tutti i responsabili dei settori giovanili per cominciare a stendere un primo piano d’azione e valutare quale proposta presentare al prossimo Consiglio federale. Il futuro, poi, è tutto da scrivere. Durante la stagione si valuteranno anche altre idee da usare dal 2014-15.

Seconde squadre Sempre nel Consiglio federale di martedì l’Aic ha rilanciato nuovamente l’ipotesi di far giocare le seconde squadre in Serie D. Un’idea che però difficilmente è percorribile sia per motivi contrattuali (professionisti insieme con dilettanti) sia dal punto di vista sportivo (la seconda squadra che vince dovrebbe salire in Lega Pro, ma qui ci si scontrerebbe con la chiusura già palesata da tempo). Infine parentesi sulla Coppa Italia: il sorteggio del tabellone dovrebbe tenersi il 23 o il 24 luglio a Milano.

Fonte: La Gazzetta dello Sport