Presentazione del Sassuolo di Luca Casamonti

Si ferma la serie A e va tutta, o quasi, alla domenica la Serie B. Per i bianconeri l’avversario del prossimo turno si chiama Sassuolo e ripensando alla gara di andata evoca tutt’altro che piacevoli ricordi. Contro i neroverdi arrivò una sconfitta rocambolesca, con due reti subite in pieno recupero e tanta disperazione per una partita che pareva ormai vinta. Da quella voglia di rivalsa e di rivincita covata fin dal triplice fischio finale di qualche mese fa la nostra Robur deve ripartire e vendicare l’andata. Il campionato arriva nel suo momento più caldo e adesso ogni partita è ancora più importante. Il margine messo fra noi e il Novara va difeso con tutte le forze e perché no incrementato. Domenica al Franchi arriva un Sassuolo ridotto all’osso dagli infortuni e che, per arrivare ai canonici 18, dovrà far affidamento su molti primavera. Il modulo verrà scelto tra il 4-3-3 o il 4-3-1-2 a seconda della posizione di Quadrini. Partendo da dietro in porta Pomini in difesa Bianco, Bocchetti Consolini e Rea. Centrocampo a 3 con Riccio, De Falco, al rientro dopo l’infortunio e capitan Magnanelli. Davanti il centravanti sarà Catinali con a fianco Martinetti e Quadrini ad agire da esterno o da trequartista puro.
Un Sassuolo in emergenza ma pur sempre da temere e costruito per fare benissimo. Che la classifica non inganni e faccia pensare ad una partita facile perché i neroverdi fuori casa non hanno mai demeritato, fermando il Novara sullo 0-1 e perdendo a Bergamo con il contestatissimo gol di Delvecchio. Ripartire in casa dopo aver cominciato ad ingranare anche fuori, questo il dovere degli uomini di Conte per continuare a correre forte e avvicinarsi sempre più all’obiettivo finale.
Fonte: Fedelissimo online