Portanova….storia vecchia

Leggendo le dichiarazioni di questi giorni sul presunto ritorno di Portanova, è difficile, per non dire impossibile, capire quale epilogo avrà questa trattativa che ormai va avanti da ….un anno.

Continuando di questo passo arriverà Manolo Portanova che nel frattempo è diventato un difensore bravo e affidabile come lo è il padre.

La situazione è veramente intrigata e abbiamo la netta impressione di assistere ad un braccio di ferro tra Mezzaroma e il Bologna. Ma forse ci sbagliamo.

Indiscrezioni attendibili riferiscono della disponibilità al trasferimento di Portanova con cui sarebbe stato raggiunto un accordo di massima nei giorni precedenti le festività natalizie.

Rimane da trovare l’accordo con la società proprietaria del cartellino del giocatore, il Bologna, che nel giro di 12 mesi ha già cambiato tre volte l’assetto societario e la proprietà.

Mezzaroma, dopo la vittoria sul Pescara, dichiarò alla nostra Angela Gorellini e ad altri giornalisti che:

 

“Il mercato? Chi non sa che deve fare, chi non sa quali decisioni prendere che lo faccia al più presto, sennò certe lungagnate rischiano di diventare romanzi a puntate da comprare in edicola. Io sono paziente, ma dopo un anno la mia pazienza inizia a essere messa a dura prova. Anche se mi sembra brutto parlare di certe questioni stasera, dopo una vittoria in un partita durissima sotto ogni punto di vista, contro un ottimo Pescara.”

 

Il riferimento a Portanova e al Bologna è inequivocabile e lascia intendere che il presidente non ha intenzione di aprire una trattativa al buio, ma solo dopo che il giocatore ha manifestato alla società di appartenenza, la volontà di concludere l’esperienza.

Questa tattica, per certi aspetti comprensibile, è già stata "sgamata" e ci ha pensato il procuratore di Portanova, Simone Canovi,  a farla uscire allo scoperto, con la seguente dichiarazione rilasciata a tuttomercatoweb:

 

"Che Mezzaroma voglia regalare Portanova ai tifosi del Siena è risaputo, però purtroppo  è un giocatore che il Bologna ritiene incedibile o comunque non lascia partire a zero. Quindi o si parla con la società oppure la vedo difficile".

 

Più chiari di così?

Siamo convinti che Mezzaroma non lascerà niente di intentato e pensiamo anche che le sue parole e la sua posizione derivino da qualche passaggio che non conosciamo, ma se Portanova è il giocatore che serve alla Robur per fare il salto di qualità, sarà necessario comunque parlare con il Bologna che, non dimentichiamolo, da gennaio 2010 ad oggi ha cambiato ben tre proprietà e, di conseguenza, tre interlocutori.

Se invece Portanova non vuole venire, o il Siena non è convinto, o in ultima analisi il Bologna non lo vuole cedere, che si metta una pietra sopra e si cerchi un alternativa altrettanto valida, anche perché, nel cosiddetto mercato di riparazione, l’utilità di un acquisto deriva dal suo valore,come il mercato di gennaio 2010 ha ampiamente dimostrato.

(Nicnat)

Fonte: Fedelissimo Online