Ponte: “Avremo 15-20 soci, confermo le voci su Bonazzoli. Non solo Hellmich sul progetto stadio”

 “Vacanze zero, sarà cosi per tutta l’estate. C’e tanto da fare. Adesso ho uno staff altamente qualificato, ma non me la sento di lasciare la nave perchè sono il capitano”. E’ carico a mille il presidente Antonio Ponte, intervistato da ARE durante la trasmissione “Sport Estate”. E’ entusiasta dell’advisory board e del gran movimento societario (“avremo 15-20 soci”), si compiace per l’efficiente staff tecnico e il gran mercato che farà la Robur (“confermo le voci su Bonazzoli. Porteremo a Siena personaggi di altissimo livello”) e guarda con ottimismo al futuro del progetto stadio (“Non c’è solo Hellmich, ma anche altri imprenditori”).

I soci – “Credo che sia importatissimo l’aspetto finanziario, ma anche quello organizzativo. Chi entra come socio lo sta facendo con grande spirito, per dare una mano sul lavoro, più che sull’aspetto finanziario. Adesso siamo 11-12 soci, diventeremo 15-20. Stiamo pian pianino creando qualcosa di importante, dal cda all’advisory board in cui vogliamo portare dentro personaggi di altissimo livello, consulenti che ci diano una mano per i contatti che hanno. Sto facendo qualcosa di importante e spero che adesso lo staff tecnico è completato possiamo creare le basi per fare molto bene in Lega Pro”.

L’importanza di Pietro Mele – “Grazie a lui stanno entrando altri soci. Lo stesso Caselli, Beatrice e altri senesi, sono felicissimo di averli. Non so quanti saranno e quanti faranno parte del Board, ma ci tengo a far diventare la società parte fondamentale della senesità. Il convoilgimento dei tifosi è evidente, adesso è importante coinvolgere l’impresa, gli imprenditori”.

Bonazzoli e il mercato – “Dal nome capite quello che vogliamo fare. Vogliamo sorprendere i tifosi e portare a siena personagi d’altissimo livello, come Bonazzoli. Alcuni giocatori li porterà Atzori, ne vedremo delle belle. Vi possiamo solo garantire che stiamo lavorando per formare il più presto possibile una rosa di alto livello. Le trattative sono molte, tanti i tavoli aperti. I nomi che circolano sono veri. Appena chiudiamo confermiamo, è inutile illudere con certi nomi senza i fatti”.

Hellmich non è mica morto! – “Lo stadio è una componente importantissima per il futuro del Siena. Ci sto lavorando moltissimo senza parlarne molto. Abbiamo concluso lo studio di fattibilità per vedere se ci sono i presupposti dal punto di vista commerciale. Di Hellmich non se ne parla più, ma mica è morto! Ci stiamo lavorando, ma è inutile ora fare annunci. Hellmich non è l’unico, adesso ci sono diversi imprenditori interessati al tema stadio. Non ne parliamo perchè la priorità è completare la rosa e avere lo staff al completo”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fedelissimo Online