Pianese: la rosa a disposizione di Masi

Sono sette i giocatori ancora presenti dalla passata stagione in casa Pianese, molti dei quali non avevano mai avuto, prima di quest’anno, esperienze nei professionisti. Il DS Vagaggini ha cercato quindi di puntellare l’organico con qualche giocatore di esperienza, ed insieme a questi sono arrivati alcuni giovani di sicuro avvenire; come tutte le neopromosse infatti, anche gli amiatini hanno l’obiettivo di lanciare molti under, ed infatti la rosa è in gran parte costituita da ragazzi dal’98 in giù.

Reparto difensivo – La porta è difesa dagli under Fontana (’98), scuola Spezia, Vitali (’98), ex Virtus Flaminia. In difesa l’esperienza è garantita dal capitano Gagliardi (’88), senese che dal lontano 2011 veste la maglia della Pianese. L’altro centrale è Dierna (’87), stopper navigato in categoria, forte di testa e nell’anticipo. L’unico ex dell’incontro è Stefano Cason (’95), che alla Robur ha fatto il suo esordio tra i grandi in Serie D disputando una ottima annata, mettendosi in mostra come goleador sulle palle inattive; per il momento Masi lo sta utilizzando da terzino. Sulle corsie laterali ci sono anche Seminara (’98), terzino scuola Empoli con già alcune stagioni a referto tra i pro, Ambrogio (’00), che in questo inizio di campionato ha ben impressionato, e Vavassori (’98), all’occorrenza utilizzabile anche al centro.

Centrocampo – Importante è la presenza di Simeoni (’90), il costruttore di gioco della squadra, mediano strutturato, intelligente tatticamente, dotato di buone geometrie. Dall’anno scorso sono stati confermati anche Bianchi (’92), intermedio bravo in entrambe le fasi, e Giacomo Benedetti (’99), pianese doc, bravo negli inserimenti senza palla; della rosa fa parte anche il gemello Luca, mai impiegato fin qui. In mezzo sono stati presi anche Carannante (’99), reduce da una positiva stagione all’Audace Cerignola, Figoli (’00), ex settore giovanile dello Spezia, e soprattutto Regoli (’91), giocatore di grande gamba, bravo tecnicamente, voluto da Masi per la sua grande duttilità.

Attacco – Non è puramente un attaccante ma ha spiccate doti offensive Catanese (’93), che infatti è già andato a segno in tre occasioni; è un giocatore bravo a muoversi tra le linee e a fare da collante tra i due reparti. In avanti Masi può contare su giocatori molto estrosi come Rinaldini (’95), esterno funambolico, rapido e bravo nel dribbling, e Montaperto (’00), scuola Empoli, calciatore dalla cifra tecnica significativa, dotato di un mancino molto insidioso, abile nel tiro da fuori area e sui calci da fermo. Davanti è stato confermato Lorenzo Benedetti (’92), ex Lucchese e Prato, attaccante bravo a dialogare con i compagni e bravo a cercarsi gli spazi per la conclusione. Il reparto avanzato è stato rinforzato e appesantito con Udoh King (’97), attaccante esplosivo, dotato di forza fisica, partito col botto in questo campionato, e Momentè (’87), prima punta navigata, mobile e abile a difendere palla. (Jacopo Fanetti)

Foto: 

Fonte: Fol