PESCARA-SIENA: I GIOCATORI

 


Emanuele Calaiò: “Siamo stati poco brillanti, eravamo impastati. Probabilmente si è fatta sentire l’emozione dell’esordio. La prima di campionato è sempre un’incognita. Il Pescara si è dimostrato un avversario agguerrito, l’ambiente era caldissimo. E forse i nostri avversari avrebbero meritato qualche cosa in più. Abbiamo sofferto la loro rapidità: sono una squadra giovane, ben messa in campo e fisicamente stavano meglio di noi. Noi davanti potevamo fare di più. Guardiamo allora a questa lunghezza conquistata con positività, come un punto di partenza da cui migliorare”.

Luca Rossettini: “Non saprei dire cosa è successo. Avevamo preparato la partita in maniera diversa da come l’abbiamo disputata. E’ sceso in campo un Siena diverso da quello che è in realtà. Non abbiamo fatto quello che potevamo e dovevamo fare. Li abbiamo gestiti nei primi venti minuti anche se loro sono partiti forte. Nella ripresa abbiamo cercato di ripartire ma non siamo riusciti a far male. Il gioco partiva solo da me? In campo abbiamo cercato di riproporre gli schemi provati in settimana, tutti. Sabato dovremo mettere in campo quella cattiveria che non abbiamo avuto oggi, dobbiamo giocare con un’altra mentalità. Questo Siena deve essere un altro Siena, siamo tutti arrabbiati e dispiaciuti”.

Ferdinando Coppola: “Contro il Pescara ci è mancato quell’approccio che avevamo avuto in Coppa Italia. Non parlerei di timore per l’esordio perché comunque in squadra ci sono giocatori di esperienza. Era la prima partita, ma potevamo fare di più. Sapevamo che i nostri avversari sarebbero partiti forte, in casa, con il supporto di un gran pubblico. Non siamo riusciti a controbatterli. L’aspetto positivo è che abbiamo comunque guadagnato un punto in trasferta e domani ci ritroveremo e analizzeremo questo pareggio nella convinzione che noi non siamo questi. Il loro gol? Un episodio strano: tutti ci aspettavamo l’intervento di Carobbio che invece non ci è arrivato”.

Emmanuel Cascione: “Per il Pescara è stato un esordio sicuramente positivo. Abbiamo giocato ordinati, pur non sfruttando le tante occasioni create. Abbiamo subito la rete su palla inattiva. Il pubblico ci è stato di grande sostegno. Dal Siena mi sarei aspettato qualche spunto in più a livello individuale, ma noi siamo stati aggressivi, non li abbiamo fatti giocare, togliendo loro gli spazi. Rimane il rimpianto di non aver conquistato i tre punti, ma siamo comune contenti: abbiamo dimostrato che in serie B ci possiamo stare”. (Angela Gorellini)
Ph. Nicnat
Fonte: Fedelissimo on line