Perinetti: “ricreare quel clima che c’era nell’anno della prima, promozione in A”

Fondamentale sarebbe ricreare quel clima che c’era nell’anno della prima, storica, promozione in A. Con quella situazione sarebbe tutto più facile. Non ci aggrappiamo agli infortuni, anche se un giocatore come Vergassola in questo momento potrebbe essere ancora più utile. Il nostro obbiettivo adesso non deve essere giugno ma domenica per domenica, partita per partita. Da lunedì il nostro obbiettivo si chiama Reggina, e così deve essere sempre, indipendentemente dal momento che si sta attraversando. Lo dico da mesi e non ho mai fatto proclami. Per questo giudico eccessive le critiche alla squadra: come detto la serie B è difficile e nonostante una prestazione sotto tono potevamo anche portare a casa i tre punti. Sono inoltre contento di come i ragazzi subentrati si siano fatti trovare: Sestu e Larrondo hanno dimostrato voglia e carattere al momento del loro ingresso in campo. Abbiamo ricambi validi e tante alternative. Dobbiamo lottare tutti insieme sapendo che ci saranno dei momenti di difficoltà e sempre rimanendo umili e concentrati.
Fonte: La Nazione