Perinetti: ” I bomber possono essere decisivi”

Abbiamo raggiunto ai nostri microfoni il direttore sportivo del Siena Giorgio Perinetti, con il quale abbiamo parlato dei temi più interessanti della sfida dell’Artemio Franchi di sabato pomeriggio.
Direttore Perinetti, quali sono secondo lei gli spunti più interessanti di Siena-Reggina?
Siamo ad inizio campionato, con due squadre ben attrezzate che possono competere fino al termine della stagione. E’ pur sempre inizio campionato, è un’incognita, ma sarà pur sempre una sfida interessante.
Quali sono i valori di questo Siena?
A livello materiale vanno ancora testati. A Pescara abbiamo sofferto. A centrocampo ancora soffriamo la mancanza di Vergassola, il nostro capitano, però abbiamo un buon impianto complessivo.
Lei ha citato il caso della gara di Pescara, ma la serie B è un campionato imprevedibile, che può mettere in difficoltà le grandi squadre. Come si è accostato il Siena a questa categoria?
Noi abbiamo puntato su calciatori motivati, che hanno come obiettivo quello di ritornare in serie A. Abbiamo preso un tecnico motivato e determinato come Conte. Speriamo di aver fatto la giusta scelta.
A suo modo di vedere, come ha operato la Reggina in sede di calciaomercato?
Credo che la Reggina sia un cantiere aperto e bisognerà aspettare l’1 settembre per dare giudizi definitivi. Sò che il presidente Foti è molto attivo sul mercato.
I possibili uomini decisivi della gara.
I bomber possono essere decisivi. Da una parte Calaiò e Mastronunzio e dall’altra Bonazzoli, però la Reggina ha dalla sua parte l’identità, il fatto che molti calciatori sono cresciuti al Sant’Agata e giocato per la squadra della propria città, può essere molto importante.
Fonte: tuttoreggina.com