PARLIAMONE a cura di Federico Castellani

Siamo ancora storditi dalle gioie dell’ultimo Europeo dove l’Italia intera, e Siena non è stata da meno, si è riversata nelle piazze in una felicità ritrovata. Magia del calcio che come dice un famoso scrittore “ non c’è posto al mondo in cui una persona non si senta così felice come in uno stadio”. Mi aggiungo al bellissimo editoriale fatto dal mio amico Nick in cui ricorda quanto è bello vincere. E allora, anche se siamo in una categoria modesta, aspettiamo con ansia di rivivere quei momenti. In fondo il calcio ti riserva sempre una sorpresa come ha fatto la Nazionale: in due anni dall’Inferno al Paradiso. E allora perché non crederci?

Quello che verrà

L’impianto è fatto. Manca ancora il Segretario che dovrà essere all’altezza e di buon grado al condottiero magico: Giorgio Perinetti. Vorrei fare un piccolo parallelo con la Nazionale di Mancini. Mancini ha lavorato e bene ma è stata la vittoria di tutto un team scelto e voluto da Lui. Senza imposizioni, libero di costruire e circondarsi di fedelissimi. Che sia di esempio. Ogni altra parola sarebbe superflua.

Intanto le voci si rincorrono e anche se non ci ripescano che lo facciano coi Rospi. Sarebbe già una mezza vittoria non averli di intorno anche se si perderà qualcosa da un punto di vista delle sfide. Solo rimandate. A presto. E sempre forza ROBUR.

Fonte: FOL