Parliamone a cura di Federico Castellani

Più o meno lentamente la situazione sta tornando alla normalità. Ovviamente i risultati ottenuti sono il pilastro su cui poggiare una ritrovata fiducia. Ma è pleonastico aggiungere che basta un niente per ritornare nella bufera. Il momento quindi è propizio anche se alcuni incidenti di percorso ci privano di elementi basilari. Ma tutto questo rientra nella norma e, anche se lamentarsi è lo sport preferito di qualsiasi squadra ( arbitri pali portieri fenomeni e infortuni vari), dobbiamo guardare avanti e non temere nessuno e niente.

La situazione

Il tempo ora si è rasserenato ma per volgere al bello bisogna continuare la striscia. Nella consapevolezza che anche i Pistoiesi sono quasi alle ultime spiagge e daranno battaglia. La mancanza dell’Orso Vano è un piccolo vantaggio ma anche noi abbiano qualche defezione di non poco conto. Insomma ci sarà da battagliare e la presenza del Padalino un po’ ci tranquillizza. Ma in campo vanno i ragazzotti. Ora sta a loro mostrare l’attaccamento alla propria professione e alla maglia.

Gli scenari

Al momento contentiamoci dopo le bufere di tutti i tipi passate. Si vive del presente e caso mai del futuro. Il passato è passato e mettiamoci una pietra sopra. Ancora una volta il popolo bianconero sarà indulgente e spera sempre in bene e migliorarsi. La squadra non è stata indebolita: vuoi perché ci sono state gradite soprese vuoi perché altri sono rimasti anche se ora fermi ai box. Vediamo e intanto facciamo un pullman che a questi chiari di luna non era scontato. Forza Siena, Forza la Robur

Fonte: FOL