Paolo Saracini: “Società solida, più fortuna e meno errori arbitrali”

Una solidità societaria, un po' più di fortuna e meno errori arbitrali»: ecco cosa vorrebbe dal 2014 per la Robur l'avvocato Paolo Saracini: in questi giorni sulle nostre pagine vogliamo dare voce al sostenitori bianconeri per capire quali sono le speranze e le aspettative della tifoseria, all'inizio di un anno in cui il Siena dovrà trovare conferme sia dal punto di vista sportivo che extracalcistico.
«Durante il girone di andata la squadra sul campo ha dimostrato di poter dire la sua – ha spiegato Saracini – Beretta sta facendo un buon lavoro, il gruppo, settimana dopo settimana ha trovato il suo assetto, ha qualità e quando gioca ci mette sempre grinta e voglia. Senza qualche svista arbitrale e con un pizzico di fortuna in più sarebbe in una posizione di classifica ancora migliore di quella attuale, che la vede comunque a ridosso della zona play off. Anche nelle ultime due partite, se non ci fossero state situazioni contingenti contrarie, sei punti sarebbero stati più che alla portata».

Paolo Saracini, che per la Robur ha anche vestito i panni del `cantante' Paolo di Siena, dedicando cover a tutti i protagonisti bianconeri, guarda quindi al futuro con ottimismo. “Credo che i play off siano nelle corde di questa squadra – ha dichiarato -. Sarebbero già un grande traguardo visto che l'obiettivo di partenza era una salvezza tranquilla. La conquista della serie A diverrebbe allora un'impresa straordinaria. Ma bisogna ragionare per gradi, intanto va fatto il primo passo: il campionato di B, si sa, è lungo e difficile e si risolve quasi sempre negli ultimi due mesi».
«Un piazzamento play off sarebbe raggiungibile ovviamente se la squadra rimarrà quella attuale ha aggiunto -, ma stando alle dichiarazioni rilasciate dal direttore non dovrebbero esserci stravolgimenti in questo mercato di gennaio. I pezzi pregiati dell'organico non dovrebbero essere ceduti». Senza dimenticare però la salvezza del club… «Un occhio alle esigenze di bilancio va gettato – ha chiuso Saracini -: una delle speranze che nutro per questo 2014 è proprio che sotto l'aspetto societario si sistemino le cose, che il Siena possa avere delle basi forti su cui costruire il suo futuro».
Angela Gorellini

Fonte: La Nazione