Paolo Rossi: “Mi sono affezionato alla Robur. Con Ponte una scuola calcio in programma”

In un’intervista ai mircofoni di SienaSport.it, Paolo Rossi ha parlato della mostra allestita in suo onore a Gaiole in Chianti, della sua esperienza azzurra in Spagna e dell’avventura europea della Juventus. Pablito si è anche soffermato sulla situazione della Robur di Antonio Ponte, che aveva incontrato in passato per discutere del settore giovanile. Queste le sue parole sui bianconeri:

“Il Siena? Ad essere sincero non l’ho mai visto giocare. Lo seguo essendo qua a due passi e ho avuto modo di conoscere il presidente, ci sono stato un paio di volte insieme. In un certo senso mi ci sono affezionato, spero che possa ritornare dove gli compete di più, perchè ha una storia che è di tutto rilievo. Il calcio oggi è diventato complicato, difficile. Non è sufficiente il nome, per riscalare le categorie ci vuole competenza e naturalmente forza economica”.

“Ho aperto la mia scuola calcio a Perugia (Paolo Rossi Accademy) e parlando col presidente abbiamo messo in programma la possibilità che possa nascere anche a Siena una cosa simile. Adesso vediamo se ci sono i presupposti, non è sempice. Non si puo dire ‘apro una scola calcio dall’oggi al domani’, ci sono una serie di situazioni, di componenti necessarie, prima fra tutte le strutture. Si parla solo degli stadi, ma bisogna trovare anche strutture dove allenarsi, dove far giocare i bambini. Quella è la base per pensare di ideare un progetto”.

Questo il link per vedere la video-intervista completa: https://www.youtube.com/watch?v=SR_vMF6okYE

Fonte: Fedelissimo Online