Pagliuca: “Andati sotto immeritatamente, poi grande reazione di un gruppo splendido”

Nel post-partita di Ancona-Siena è intervenuto anche mister Guido Pagliuca, soddisfatto della prova fornita dai suoi ragazzi. Queste le sue considerazioni nella sala stampa del ‘Del Conero’:

Partita – “Ci siamo trovati sotto immeritatamente, i ragazzi sono stati davvero bravi ragazzi. Il nostro merito è stato quello di continuare a giocare e non buttando pallate in avanti. Dopo il pareggio potevamo fare qualcosa di più forse, e l’attenzione su situazioni come quella del gol subito deve essere maggiore. Poi qualche palla persa nostra poteva essere gestita meglio, sulle transizioni abbiamo rischiato qualche contropiede”.

Risultato – “Alla prima di campionato alle volte non sempre riesci a recuperare una partita. Per quello che avevamo espresso è un po’ bugiardo il risultato, abbiamo provato più noi a giocare. Noi abbiamo ambizioni diverse dall’Ancona, siamo stati costruiti per crescere il più possibile senza l’assillo del risultato”.

Ultimo passaggio – “Siamo stati bravi a riempire l’area di rigore quando sono arrivati i cross. Dobbiamo migliorarla molto quella fase, perché spesso siamo arrivati all’ultimo passaggio senza riuscire a metterla. A volte sviluppare tanta mole di gioco ti porta a bruciare energie, è un aspetto da dover limare anche questo. Fa parte della cattiveria che dobbiamo trovare nell’ambiente e in noi stessi, ma anche ambiente deve darcela per spingere a fare ancora di più”

Giocare – “Bisogna cercare di giocare, il nostro percorso di crescita come squadra deve convincerci che giocare è un aspetto importante del nostro modo di fare calcio”.

Gruppo – “Sono moderatamente contento di tutti i ragazzi. Ho un gruppo splendido, di persone dai valori morali altissimi, Tutti si stanno cimentando giorno dopo giorno per crescere. Oggi è il gruppo che ha dato qualcosa in più”.

Reazione – “È vero, va sottolineata. I ragazzi che sono entrati hanno fatto quello che dovevano fare. Lo ripeto, questo è un gruppo che veramente ci sente. Spero che la partita di oggi serva a far vedere l’attaccamento che questi ragazzi ci mettono. Avremmo potuto anche perdere questa partita, ma l’impegno e la bava alla bocca io li ho visti”.

Crescita – “Anche i ragazzi nuovi si inseriranno sempre meglio, giorno dopo giorno i nostri principi presto saranno più chiari anche per loro. Questo è un gruppo che può solo crescere, è importante credere forte nei nostri valori. Tutto passa dal lavoro settimanale”.

Tifosi – “Io mi aspetto che i tifosi riconoscano che noi daremo tutto per loro. Per noi sono fondamentali, perché ci trasmettono entusiasmo e ci fanno giocare con il sorriso sulle labbra. Grazie all’impegno che vogliamo portare in campo, se questo viene riconosciuto grazie al passaparola potremo riportare gente allo stadio. Saranno un valore aggiunto, sia come prestazioni che di classifica. Se riusciamo a ricompattare tutto l’ambiente avrebbe fatto un grande lavoro”.

Sogno – “Qualcuno forse ha un po’ strumentalizzato quello che volevo dire. Il nostro sogno è dare il massimo per il Siena, uscire dal campo sapendo di aver dato tutto. Vedere la gente in fila a riconoscerci di aver dato tutto. Ho detto e ripetuto che non abbiamo pressioni di classifica. Non vogliamo lasciare niente al caso ma non ci soffochiamo e nemmeno ci depotenziamo se non vinciamo una partita, pur volendo sempre fare il massimo. I tifosi devono essere il nostro cavallo di battaglia”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol