Paganese, oggi il Tar annuncia l’esclusione Serve un ripescaggio

Il Tar del Lazio si è ritrovato con 50 cause da discutere e solo a fine giornata ha fatto la camera di consiglio, finendo nella notte. La sentenza sulla Paganese quindi slitta a questa mattina ma l’aria che tirava ieri a Roma era molto pesante per il club campano, che dovrebbe essere escluso dalla Lega Pro come avevano deciso i vari gradi di giudizio sportivi.

I problemi con l’erario (gli stessi di un anno fa) avevano portato alla bocciatura anche dal Collegio di garanzia del Coni. La Paganese si è rivolta come un anno fa al Tar del Lazio e il tribunale (con decisione del solo presidente del collegio), molto precipitosamente e forse convinto di fare un favore per poter stilare i calendari pochi giorni dopo, decretò la sospensiva del provvedimento di esclusione; lo stesso Tar, invece di pronunciarsi sulla stessa sospensiva come fa di solito il 14 agosto, l’ha fatto solo ieri, a campionato iniziato, riservandosi di entrare nel merito (se necessario) più avanti. E adesso che sembra che questa sospensiva venga dichiarata in qualche modo nulla, escludendo di fatto la Paganese dal campionato, bisogna trovare in pochi giorni un altro club.

Oggi quindi il Consiglio federale dovrà riaprire il bando per i ripescaggi e bisogna vedere quante squadre avranno diritto. In pole position ci sarebbe la Cavese, se decadrà la preclusione che l’aveva esclusa da quelli di alcune settimane fa. Altrimenti potrebbe toccare ad altre squadre, come il Nardò o anche il Monza, che s’è detto disponibile anche a fare parte del girone C (è impossibile rifare gironi e calendari a campionato iniziato).

Alla vicenda, infine, sembra interessato anche il Catanzaro. Che, in cerca di un allenatore, è interessato a Grassadonia, che avrebbe dovuto allenare proprio la Paganese e invece oggi dovrebbe essere annunciato in Calabria.

Fonte: La Gazzetta dello Sport