Padalino: “Servirà una squadra operaia, dobbiamo assolutamente portare a casa punti”

Questa mattina mister Pasquale Padalino ha incontrato la stampa per presentare la partita di sabato contro l’Olbia, in anticipo di un giorno vista l’imminente partenza della squadra per la Sardegna. Queste le sue dichiarazioni:

Modena – “Se mi trovo d’accordo con le parole di Tesser? D’accordissimo, mi avrebbe meravigliato il contrario. Il Modena è primo, è giusto che facesse la partita così come è normale che noi, dopo il periodo che abbiamo attraversato, non potessimo andare là a viso aperto. Ognuno mette in campo le proprie armi, le responsabilità di fare la gara era sua. Risultati sarebbe potuto essere anche più positivo se avessimo gestito meglio alcune situazioni, ma spettava a loro trovare le contromosse. Io guardo in casa mia e ho fatto i complimenti ai miei perché l’interpretazione del momento poteva essere solo questa”.

Olbia – “Ha delle individualità, è una squadra molto aggressiva nel proprio campo. Riescono ad esprimersi bene, hanno un’impostazione di squadra che va alla ricerca della palla e sono bravi anche quando ripartono”.

Prestazione – “Ormai alle assenze ci abbiamo quasi fatto l’abitudine. Bisogna continuare sulla prestazione di Modena, in queste ultime sei gare credo sia l’unica possibilità per venire fuori da una situazione di classifica molto corta. Siamo a tre punti dalla zona playout, un aspetto da tenere in considerazione. Non si dovrà dare nulla per scontato; loro non sono il Modena ma hanno vinto a Modena. Dovremo avere rispetto”.

Mente sgombra – “Oggi è il primo vero giorno di allenamento. La testa deve essere comunque sgombra, anche l’Olbia ha motivazioni forti quindi non regalerà nulla. Servirà una squadra operaia, cercando di mantenere i reparti stretti senza concedere ripartenze. Ma dovremo essere bravi anche nella gestione delle energie. Soprattutto nel reparto difensivo non siamo messi bene. Ci vorrà la mente sgombra ma dovremo essere concentrati perché dobbiamo fare assolutamente punti. Il come lo vedremo”.

Condizionamenti – “A volte ci si appesantisce nel pensare a ciò che è successo nel recente passato, che può condizionare. È la serenità che ti consente di affrontare l’avversario mettendo a disposizione le tue qualità a disposizione dei compagni. In questo contento non importa se fai un errore, perché è importante quello che fai dopo”.

Disanto – “Probabilmente non ci sarà. Nonostante il riposo accusa ancora questo malessere al flessore. Vediamo oggi cosa dice lo staff medico ma non sono molto positivo per il suo recupero”.

Difesa – “Viste le assenze di Terzi e Mora, il ritorno alla difesa a quattro è una possibilità. Abbiamo comunque Farcas e potremmo anche adattare Favalli, che con mansioni diverse potrebbe anche ricoprire il ruolo di centrale di sinistra. Crescenzi è rientrato, se è in condizione partirà dall’inizio”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol