Padalino: “Quasi mai efficaci sotto porta, ma l’impegno c’è stato. Non dimentichiamoci da dove siamo partiti”

Nel post-partita mister Pasquale Padalino ha rilasciato delle dichiarazioni all’ufficio stampa del Siena. Queste le sue parole:

Partita – “Avevamo impostato la gara provando a non farli ragionare, perché oltre ad avere valori assoluti sono una squadra rodata. Abbiamo preso gol nel momento in cui stavamo cercando di attaccarli alti, quando concedi qualche spazio di troppo può capitare di andare in difficoltà. Inizialmente avevamo creato noi i presupposti per fare gol, non ci siamo riusciti e abbiamo fatto qualche errore tecnico, ma tutto sommato i ragazzi hanno messo il massimo dell’impegno. Bisogna fare i complimenti all’Entella, si deve anche riconoscere quando una squadra è superiore. Noi abbiamo molto da lavorare e mettere a posto alcune cose che ci consentiranno in futuro di non cadere più in alcuni errori”.

Reazione – “Non siamo stati quasi mai efficaci sotto porta, ma abbiamo mantenuto vicini i reparti e nel secondo tempo abbiamo sofferto meno. Ho cambiato disposizione per essere più corti, ma recuperare due gol contro una squadra del genere non è facile. Non abbiamo la loro forza e la loro struttura, ma i ragazzi secondo me hanno onorato la maglia. Nel secondo tempo c’è stata reazione, qualcosa di positivo si è visto”.

Impegno – “L’impegno c’è stato da parte di tutti, anche da chi giocava per la prima volta dall’inizio come Ardemagni e Crescenzi. Quando giochi così tante volte non puoi pensare di andare avanti sempre con gli stessi. Ci mancava Disanto, per motivi muscolari, avevamo altre criticità su giocatori come Paloschi. In questo modo però ho potuto testare altri giocatori, dovevamo assolutamente far rifiatare qualcuno. Dire che sono contento dopo un 3-1 non è facile da accettare, ma lo spirito e la voglia non sono mancati”.

Carrarese – “Il tempo è quello che è. Dobbiamo recupere energie nervose e fisiche, e sapere che in questi momenti c’è da essere ancora più compatti. Sarà importante trovare subito il gol e mantenere un certo equilibrio. Oggi tante cose possono sembrare negative, ma non dobbiamo dimenticare da dove siamo partiti e cosa abbiamo fatto fino ad oggi. Certamente non ci accontentiamo e abbiamo già voglia di rimetterci in campo, perché vogliamo dare una risposta a noi stessi e ricambiare questa batosta, dimostrando che quello di stasera è solo un episodio”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol