Ora non molliamo: il primo posto è sempre possibile

Quello che ho imparato in tanti anni che seguo il calcio è il fatto che questo sport spesso si regge su equilibri a volte molto fragili e una motivazione in più o in meno, può fare la differenza. A promozione già acquisita, con i canti e i cori di giubilo ancora nelle orecchie, non si pensava certo a chiedere a questa squadra che ci ha regalato un traguardo importantissimo, gli straordinari di fine campionato, ma almeno di mantenere fino alla fine quella dignità e quel valore di squadra, dimostrati in questa avvincente cavalcata. Certo ci vuole equilibrio, come predica il bravo Perinetti, nel giudicare lo sfogo dei tifosi dopo la sconfitta di Ascoli, che non deve certo fare dimenticare quello che di buono è stato fatto quest’anno, ma sappiamo che determinate reazioni, scaturiscono nella maggior parte dei casi a botta calda ed i giudizi seguono inevitabilmente uno stato d’animo, condizionato da fattori emotivi. Quindi comprendo e condivido lo sfogo del Presidente del Club dei Fedelissimi, Lorenzo Mulinacci, quando esprime tutto il suo rammarico per una gara in cui ha prevalso quel senso di sazietà ormai raggiunto dal Siena,  facendo cadere tutte le altre motivazioni, soprattutto il rispetto e la dignità che si devono avere dinanzi ai propri sostenitori. Come Perinetti a suo tempo difese lo sfogo di Mister Conte dopo la gara con il Piacenza, sfogo nato con il preciso intento di difendere la squadra e i sacrifici compiuti da chi ha sempre creduto nel lavoro duro, così mi sento di difendere tutti quei tifosi che con il loro attaccamento, hanno onorato e continueranno a farlo con la loro presenza e il loro intramontabile amore, i colori bianconeri, aspettandosi sempre prestazioni all’altezza. Credo che nella vita oltre all’equilibrio, ci voglia qualche volta anche delle assunzioni di responsabilità. Con questo, noi tifosi,  non vogliamo certo processare un’impresa storica, raggiunta grazie all’apporto di tutti e che non verrà certo messa in discussione per una partita, ma un briciolo di impegno in più nelle ultime due gare di questa serie B, forse ce le meritiamo. (Lallo Meniconi).   
Fonte: Fedelissimo online