Opiela nella top 11 del girone B

Quattro vittorie esterne, due interne e due pareggi: questo il ruolino di marcia dell'undicesima giornata del Girone B, dove per la prima volta si ha la classifica al completo, essendosi giocate tutte le gare da recuperare. Si chiudono a reti bianche le sfide tra Pontedera e Pistoiese e, soprattutto, quella tra Prato e Maceratese, con i marchigiani che servono alla Spal, corsara a Savona per 0-3, l'assist per riagganciare la vetta. Cade per la prima volta in casa il Pisa, battuto dalla Robur Siena per 1-2, stesso risultato col quale la Lucchese, dopo sei sconfitte consecutive, si impone contro l'Arezzo. Prima vittoria, seppur di misura (0-1) per la Lupa Roma, che si impone sul Santarcangelo. In casa viaggiano a ritmi spediti la Carrarese, che batte 3-0 il Rimini, e L'Aquila che si aggiudica per 2-0 il derby contro il Teramo. 

Questi i migliori undici dell'undicesima giornata. 
 
Portiere:

Daniele Cardelli (Pontedera): il baby portiere, contestato a inizio campionato, si sta rivelando sempre molto decisivo, soprattutto quando i suoi compagni faticano a segnare. Positivo anche nella prova di Coppa Italia, così come settimana scorsa, evita in più occasioni che la Pistoiese vada a segno: è maturato, e per fa respirare la difesa anche quando ci sono sbavature di troppo

Difensori:

Marco Sfanò (Lupa Roma): il suo più grande merito è quello di consegnare la prima vittoria stagionale alla truppa laziale, e non è poco. E' un gol, il suo, che consente alla Lupa Roma di abbandonare l'ultimo posto in classifica, e anche a livello morale e psicologico questo vuol dire tanto: magari anche l'inizio di un nuovo corso

Faísca Teixeira (Maceratese): al centro della difesa è ormai un pilastro, ha senso della posizione oltre a una chirurgica precisione negli interventi

Daniele Ghidotti (Prato): la Maceratese sulla fascia difesa dal calciatore laniero spinge molto ma lui, supportato anche dai compagni (Cavagna su tutti) reagisce bene ai colpi, deviando anche il pallone che potrebbe valere il vantaggio marchigiano. Prova solida ed efficiente

Centrocampisti:

Lukáš Opiela (Robur Siena): prova eccellente, e sempre su alti ritmi, quella che il bianconero propone contro il Pisa in un'Arena Garibaldi infiammata. Ottime le sovrapposizioni con Avogadri, copre e attacca senza mai andare in affanno, ed è sua buona parte del merito in occasione del gol che consegna al Siena i tre punti 

Luca Berardocco (Carrarese): alla quantità, non sbagliando praticamente niente a centrocampo e gestendo perfettamente il pallone, unisce la qualità, una punizione da cineteca che apre le danze alle marcature marmifere. Il play sembra davvero aver trovato la sua dimensione 

Lores Varela (Pisa): nel match di ieri parte nei 4 di centrocampo, ma svaria molto anche in avanti, la zona dove sa far male. Costringe spesso al fallo l'avversario – che trova un arbitro generoso in alcuni episodi – e propone tante ottime giocate, dimostrando di avere idee e qualità. Va vicino al gol sul finale, ma sulla sua strada trova Portanova

Giammario Piscitella (Pistoiese): sull'out sinistro sa far male, unendo velocità a colpi di astuzia. Manca di incisività in attacco, ma quello è un problema che tutta la rosa arancione ha, ma comunque è da lui che parte la più convincente manovra toscana: per due volte va vicino al gol, ma Cardelli è sempre reattivo 

Luca Mora (Spal): prova d'autore di tutta la squadra, che avrebbe diritto a una top 11 collettiva. Si sceglie il centrocampista perchè apre le marcature sfiorando anche la doppietta, detta i tempi di gioco macinando chilometri su varie zone del campo, è preciso nei contrasti. E non si stanca mai

Attaccanti:

Salvatore Sandomenico (L'Aquila): svaria benissimo in tutte le zone del campo, rispecchia in pieno il concetto del sacrificarsi per la squadra, e ci mette lo zampino in ambedue i centri che consegnano ai rossoblù il derby contro il Teramo: uno lo segna, nell'altro offre l'assist a Perna

Jacopo Fanucchi (Lucchese): l'esperienza e la malizia qualcosa vorranno pur dire. E il bomber rossonero lo dimostra segnando la doppietta che permette alla squadra toscana di tornare alla vittoria dopo 6 sconfitte consecutive: prova comunque di pregevole fattura anche oltre i gol, fatta anche di contrasti e recuperi di palle importanti

Allenatore:

Leonardo Semplici (Spal): una lieve battuta di arresto, poi la ripartenza, più forti di prima. E la vetta della classifica torna, a seguito di una prestazione eccellente: segno di un lavoro iniziato dall'anno scorso che sta maturando di settimana in settimana, sotto la guida di un preciso e attento condottiero

Fonte: tuttolegapro.com