Oggi il primo test stagionale

Sei giorni di lavoro ed ecco il primo test. Questo pomeriggio, contro la squadra locale di Prato allo Stelvio, si svolgerà una partitaamichevole (non ufficiale) dove probabilmente cominceremo a vedere qaule potrebbe essere l’impronta tattica. Con uno sguardo al mercato, cercando di capire dove intervenire. Dieci, considerando le cessioni e i giovani che sono in ritiro ma che non saranno confermati, gli acquisti da fare tra uomini cardine (uno per ruolo) e, almeno in partenza, comprimari

DIFESA– Una la certezza: la difesa sarà a 4. Questa sera i titolari dovrebbero essere Angelo, Belmonte (su cui pende però la squalifica), Dellafiore e Grillo. Gli altri, ad oggi sono Mulas, Turi e Rubin. Tutti, chi per un motivo chi per un altro, destinati a non far parte della rosa definitiva. Per tanto non è fantasia ipotizzare l’inserimento di almeno 5 giocatori per integrare il reparto. Terlizzi e Crescenzi sono nomi noti, e sono due centrali che potrebbero andare ad affiancare Dellafiore. Oltre a loro un altro centrale, un giovane che in attesa del rientro di Belmonte andrebbe a completare il quartetto dei difensori centrali. Inoltre due terzini, uno per fascia, da far crescere alle spalle di Grillo e Angelo e gettarli nella mischia all’occasione.

CENTROCAMPO– Rombo o linea? A 3 o a 4? Questo è ciò che deve decidere per il suo nuovo Siena. Le alternative al momento non mancano. Partendo da un centrocampo a rombo (come visto nelle stagioni di Beretta a Siena) il ruolo cardine è quello del trequartista. Al momento, il più indicato è Valiani (che potrebbe fare anche l’interno), bravo ad inserirsi e farsi trovare pronto in zona gol, ma sicuramente non nel suo ruolo naturale. Alternativa, tutta da verificare è Spinazzola. Per gli altri tre posti, al momento ci sono 5 giocatori (Bolzoni sarà ceduto). Vergassola dà garanzie, ma il prossimo gli anni sono 38 e la B conta 42 partite. Poi Filipe, una mezz’ala bravo negli inserimenti che resterà con ogni probabilità, e Schiavone ex capitano della primavera bianconera di cui si dice un gran bene e che potrebbe ritagliarsi uno spazio importante. Infine D’Agostino e Mannini, entrambi ben noti al pubblico senese ma, che se non venisse loro trovata una sistemazione, Beretta dovrebbe cercare di recuperare.  In questo reparto più che mai l’entrate saranno subordinate alle uscite. Giacomazzi e Pulzetti sono nomi, e potrebbero rendere al meglio in un centrocampo al tre.  Qualora si scegliesse il trequartista, Valiani potrebbe essere un soluzione provvisoria e urgerebbe un giocatore importante in quel ruolo. L’identikit perfetto sarebbe Brienza, ma per adesso è solo un sogno.

ATTACCO– Nove giocatori attualmente a disposizione di Beretta ma, ce ne vogliono, forse solo due faranno parte della Robur che affronterà la B. Rosina, Emeghara e Larorndo (prossimo d andare al Toro) sono in uscita. Rosseti, Redi, Monni e Doumbia tutti da vedere e scoprire. Restano quindi Giannetti e Paolucci, due elementi che in B possono recitare un ruolo importante. Giannetti deve confermare quanto di buono fatto a Cittadella (21 presenze e 5 reti) ed è atteso da una stagione importante. Paolucci a Vicenza fece bene (11 gol in 41 presenze). Da loro si ripartirà, ma almeno altri due elementi sono necessari. Si parla di Martinetti, una punta esterna che bene si trova nel 4-3-3 e qualche nome verrà fuori nei prossimi giorni.  

Fonte: Fedelissimo Online