Notari: “A Siena la tifoseria è sempre vicina alla squadra”

Durante la trasmissione 'Minuto per minuto' su RadioSienaTV è intervenuto Aldo Notari, bianconero per ben otto stagioni a cavallo tra il 1973 e il 1980. "Sì, mi sento ancora una bandiera di quel periodo. In varie occasioni ho avuto modo di sentire i miei ex compagni e anche di venire a Siena e ritrovare tanta gente. Recentemente ho incontrato Lorenzo Mulinacci. La ripartenza dalla D mi ha dato molto dispiacere – prosegue Notari -, due fallimenti così vicini sono una cosa non da poco. Ma sono poche le città in cui dopo due fallimenti la tifoseria è così vicina alla squadra, grazie ai tifosi del Siena l'attenzione sulla squadra è sempre alta. Dopo quel che è successo nel trentennio successivo al periodo in cui ho smesso, trovarsi in queste vicissitudini dopo aver raggiunto la Serie A non è facile da digerire. Ho visto che la nuova società non è del posto: bisogna comunque credere che chi viene porta qualcosa, e poi cercare di proseguire con il lavoro portato avanti nel settore giovanile da Argilli e Voria e fare in modo che da questo si tragga una forza, anche economica, per poter risalire. Per quello che è l'affetto dei tifosi nei confronti della squadra, il Siena si merita di stare almeno in B". (J.F.)

Fonte: Fol