Non più ultimo e con la salvezza ancora alla portata: è uno Scandicci in ascesa

Ad inizio anno è stata la squadra più bersagliata dal Covid e anche per questo motivo ha faticato molto più delle altre a trovare continuità di risultati. Ad onor del vero, sul campo lo Scandicci si è sempre dimostrato all’altezza di questa categoria, sebbene abbia occupato l’ultimo posto della graduatoria in maniera continuativa da inizio campionato. In questo contesto, brava è stata la società a non mettere mai in discussione Claudio Davitti, che attraverso le prestazioni aveva ampiamente dato dimostrazione di come la squadra fosse in piena sintonia con il tecnico. La scelta sta pagando i risultati sperati, visto che i blues stanno attraversando il momento migliore da inizio stagione: con tre vittorie nelle ultime quattro, infatti, lo Scandicci ha abbandonato l’ultimo posto e si è portato a -4 dalla salvezza diretta, e con metà stagione da giocare tutto può ancora succedere.

Il tecnico fiorentino è passato dal 4-3-3 al 4-4-2, ma i punti di forza della squadra restano sempre gli esterni offensivi Saccardi (’98), il quale non sarà però della partita essendo infortunato, e Kernezo (’97); nella gara di andata i due misero in grande difficoltà la retroguardia senese. La rosa è stata puntellata con gli arrivi del centrocampista ex Prato e Sassuolo Marini (’99), del difensore Viola (’99), fratello dell’ex portiere bianconero Jacopo, e dell’attaccante ex Cuoiopelli Andreotti (’96), ai box insieme a Saccardi e Timperanza. Al centro delle voci di mercato c’è anche capitan Ferretti (’85), che secondo le indiscrezioni degli ultimi giorni sarebbe in procinto di vestire il bianconero, anche se la pista pare essersi raffreddata.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol