Non è ancora finita!!!

Non è ancora finita. I numeri sono dalla parte del Siena che questa sera potrà godere, molto probabilmente, anche della certezza matematica della salvezza. Se il Lecce perde a Torino, il Siena, qualunque sia il risultato con la Lazio, sarà salvo. Oggi, quindi, dovremmo vivere felici ore di vigilia di una festa annunciata ed ampiamente meritata, anziché lo stato d’ansia di chi ha paura che qualcosa di più grande stia per accadere, senza averne minimamente capito le ragioni.

Stiamo parlando dell’ennesimo vero o presunto scandalo del calcio che sta coinvolgendo molte squadre, compresa la nostra. I rischi di cadere in un delirio di giustizia sommaria ci sono tutti. Troppi finti moralisti soprattutto tra i mass media nazionali, stanno emettendo condanne senza avere in mano nulla se non le parole di qualche disperato caduto tra le braccia della giustizia ed in cerca di una riabilitazione tardiva. Noi non abbiamo mai creduto ad un coinvolgimento diretto della Robur e continueremo a fare così. La gestione del calcio (moderno), però, ci ha abituato a tutto e di più e per questo, ci auguriamo che gli uomini di mister Sannino giochino queste ultime tre partite con il coltello tra i denti, alla ricerca di quei punti di distacco verso il baratro che potrebbero risultarci utili in caso di deferimento e quindi condanna. Sarebbe un’ingiustizia colossale, lo sappiamo benissimo, ma dobbiamo pensare al peggio, per poi godere di quello che di buono arriverà. Lo splendido campionato del Siena, quello che potrebbe diventare il migliore in fatto di numeri, non potrà mai essere macchiato dalle accuse lanciate a casaccio da qualcuno. Il Siena rigiocherà in serie A, com’è giusto che sia, perchè se lo merita per quanto fatto sui campi da gioco. Se il calcio italiano, nel suo insieme vuol ritrovare quella credibilità che si dice perduta, non è con la giustizia sommaria che può farlo, ma con un’attenta analisi di quanto accaduto e, magari, monitorare meglio tutto quanto accade in questo mondo bello e dorato, anche avvelenato da troppi facili guadagni e troppi interessi.

Forza ragazzi, non è ancora finita!!!

Antonio Gigli  

Fonte: Fedelissimo online