Rassegna Stampa

19/10/09 00:00 | PUBBLICHIAMO MAIL RICEVUTA
PUBBLICHIAMO MAIL RICEVUTA

1) Indietro nel tempo non si può andare la società ha fatto degli errori di mercato giganteschi che già tutti conosciamo ed ha la sua grande responsabilità ma ormai i giocatori sono questi e con questi a parte qualche rinforzo (ma con quali soldi si prenderanno nuovi giocatori se Lombardi Stronati ha debiti enormi con il fisco?) dovremmo arrivare a maggio. Giampaolo ormai questa rosa ha dimostrato di non saperla gestire : i nuovi non li considera( Paolucci-Garofalo-Reginaldo-Genevier) e addirittura le poche volte che li fa giocare tende a bruciarli facendoli giocare in ruoli non loro .
Inoltre non si capisce perché non provi a cambiare schema di gioco. Il Siena non può giocare con il 4-3-1-2 se non hai un trequartista di ruolo ed e' inutile provarci giocatori fuori ruolo quali Ghezzal, Jarolim ed ultimo Genevier! Allora perché non provare nemmeno una volta il 4-4-2 ?
2) E' dalla partita con la Roma che il nostro "grande" allenatore ha sbagliato tutti i cambi e con il Livorno ha veramente raggiunto il tragicomico facendo quello che nemmeno l'allenatore dell'Alberino alla coppa F.Cresti avrebbe fatto, togliendo Vergassola (facendolo incazzare ) e restando con la difesa a 4, senza che gli esterni di difesa salissero sulle fasce, non inserendo una punta come Paolucci pagata 3,5 milioni! Un allenatore di serie A non può commettere questi errori, quindi le soluzioni sono 2:
a) e'veramente un incapace che non sa leggere le partite ma solo prepararle 
b) lo fa volutamente perché sa già che con questa squadra non si può salvare e si vuole far esonerare per non perdere il suo stipendio e dare tutta la colpa alla società.
Io non conosco che aria si respiri nello spogliatoio ma e' evidente che la squadra ha bisogno di una scossa e di un nuovo allenatore che provi a salvare la nostra amata Robur , aspettare ancora sarebbe sicuramente troppo tardi.

Riccardo

 
18/10/09 00:00 | GUIDOLIN: “CONTINUIAMO SU QUESTA STRADA”
GUIDOLIN: “CONTINUIAMO SU QUESTA STRADA”

Oggi siamo stati bravi e abbiamo giocato una buona partita. Io ho sempre visto giocar bene il Siena, ma oggi ho visto giocar meglio il Parma. Abbiamo meritato la vittoria anche, e soprattutto, in parità numerica”. Queste le prime parole rilasciate oggi in conferenza stampa da un soddisfatto Guidolin. L’allenatore ha proseguito parlando delle occasioni mancate: “Oggi le occasioni sono state molte, dobbiamo essere più cattivi sotto porta. Questo è poi un discorso che riguarda tutta la squadra e non solo gli attaccanti, ma sarei più preoccupato se non creassimo occasioni”. Poi una battuta sulla tattica: “Non c’è ancora niente di definitivo. Siamo ancora un cantiere aperto. Lavoriamo per provare a metterci in campo nel modo migliore possibile, non solo in funzione dell’avversario. Voglio avere una squadra che possa giocare in più modi senza avere scompensi”.

E’ stata una partita difficile, anche se nel primo tempo non lo sembrava.
“Oggi siamo stati bravi e abbiamo giocato una buona partita. Io ho sempre visto giocar bene il Siena, ma oggi ho visto giocar meglio il Parma. Abbiamo meritato la vittoria anche, e soprattutto, in parità numerica. Dopo il gol dovevamo concretizzare di più. Il nostro neo è stato l’aver costruito otto occasioni da gol e non aver chiuso l’incontro. Questo spiga infatti la nostra dimensione. Adesso so che mi chiederete dell’obiettivo finale del Parma. Bene, una squadra che lotta per il quarto, quinto posto questa partita la vince due a zero, o tre a zero. Questo era quello che diceva il campo e se non l’abbiamo fatto vuol dire che dobbiamo ancora migliorarci. Non so cosa riusciremo a fare. Per ora siamo contenti e ci godiamo questa bella classifica, ma sappiamo che è provvisoria. Mettiamo fieno i cascina che l’inverno sarà freddo”.
Nel primo tempo il Parma sembra aver dominato dal punto di vista fisico.
“Con l’andare dei minuti è normale che una squadra che gioca in dieci perda un po’ di forza, però noi stiamo molto bene in questo momento. Lo dico senza fare raffronti con la squadra avversaria. Stiamo lavorando bene, il gruppo segue e partecipa. Il fatto di aver sostituito in maniera indolore giocatori che fino ad oggi è un segno di crescita. Siamo migliorati nel possesso palla, sono molto contento. Dobbiamo continuare così”.
L’assetto sembra definitivo. Tre difensori, cinque a centrocampo e due in attacco.
“No, non c’è ancora niente di definitivo. Siamo ancora un cantiere aperto. Oggi non ero sicuro se schierare una difesa a quattro o a tre. Lavoriamo per provare a metterci in campo nel modo migliore possibile, non solo in funzione dell’avversario. Voglio avere una squadra che possa giocare in più modi senza avere scompensi”.
Il tormentone della settimane è stato il come sostituire Mariga, qualcuno pensava fosse quasi una missione possibile.
“La squadra ha dato una risposta importante, scendendo in campo concentrata, tonica. Convinta di poter fare risultato. Adesso ci auguriamo di continuare su questa strada. Dobbiamo essere ben sintonizzati sul campionato perché insidie si nascondono dietro ogni angolo”.
Quanto la preoccupa la difficoltà di non riuscire a concretizzare tutte le occasioni.
“Oggi le occasioni sono state molte, dobbiamo essere più cattivi sotto porta. Questo è poi un discorso che riguarda tutta la squadra e non solo gli attaccanti, ma sarei più preoccupato se non creassimo occasioni”.
Zenoni ha fornito oggi una prova convincente, anche se spesso in passato ha ricevuto delle critiche.
“Prima di tutto è un ragazzo che si fa ben volere. Una persona di grande sensibilità e serenità. Poi lo apprezzo anche come giocatore. Lui deve rimboccarsi le maniche e mostrare domenica dopo domenica quanto vale. L’anno passato sono arrivato proprio in questo periodo che veramente sembrava non poter scendere in campo, poi invece, assieme a tutta la squadra, ha saputo ricreare qualcosa di positivo e siamo tornati competitivi”.
Domenica ritroverà Conte, allenatore-rivale nella passata stagione.
“Ho parlato con lui proprio poco fa e ho trovato una persona squisita. Non ci sono rivalità personali tra noi due. Entrambi abbiamo solo voglia di vincere la prossima partita”.
Fonte: www.fcparma.com

 
18/10/09 00:00 | S’infrange contro il Firenze il sogno della Coppa Italia
S’infrange contro il Firenze il sogno della Coppa Italia

 

      ASD SIENA CF – FIRENZE ASD: 0 - 3 (0 - 0) dopo t.s.   SIENA CF: Mazzola, Pecorelli, Frizza, Catastini, Bianchini, Fiorilli (57’ Marraccini), Pecchia, Santacroce (73’ Piazzini), Fambrini, Talanti (75’ Ballotti), Migliorini. A DISPOSIZIONE: Dainelli, Ghilli, Mundi, Gurgugli. ALL: Bongi.   FIRENZE ASD: Leoni, Benucci (46’ Anaclerio), Guagni (67’ Crespi), Perini, Pitzus, Bruno, Peruzzi, Orlandi, Brugi (55’ Principi), Patu, Parrini. A DISPOSIZIONE: Strada, Binazzi, Magni. ALL: Ciolli.   ARBITRO: Sig. Pagliardini di Arezzo; Assistenti: Sig. Bargagli di Grosseto e Sig. Buoncompagni di Arezzo. RETI: 5’ 1 t.s. - 10’ 2 t.s. e 13’ 2 t.s. Patu. NOTE: Ammonite: 81’ Anaclerio, 7’ 1 t.s. Crespi, 10’ 1 t.s. Parrini’; Espulse: nessuna: Calci d’angolo 11 a 1 per il Firenze; Recupero 6’ (1’ + 5’).   SIENA – La Coppa Italia del Siena Calcio Femminile finisce al terzo turno, dopo oltre 120 minuti di battaglia contro il Firenze. Le bianconere costringono la corazzata viola ai tempi supplementari, tengono bene per 100 minuti di gioco e crollano solo nel finale, incassando una tripletta del capitano fiorentino, Patu, che non rende merito all’andamento generale della gara. Il Firenze si conferma una gran bella squadra, con una buona organizzazione di gioco e alcuni elementi di indubbie qualità tecniche, ma le bianconere dimostrano con grinta e determinazione di meritare a pieno la categoria (le due squadre si incontreranno di nuovo in campionato) e di poter tenere testa a chiunque, compresa la blasonata formazione viola. La partita è vivace e intensa; nel primo tempo le squadre si studiano e hanno, entrambe buone occasioni da gol che non si concretizzano. Nelle ripresa il Firenze parte con grande aggressività, crea, fa girare la palla e si presenta spesso dalle parti di Mazzola, ma le attaccanti viola si vedono più volte chiudere ogni spazio, sia dalla prontezza del portiere bianconero che dall’ottima prestazione di tutto il reparto difensivo. Al 19’ del secondo tempo, inoltre, le ospiti perdono Alia Guagni – fuoriclasse che ha vestito spesso la maglia azzurra – costretta ad abbandonare il campo in barella, dopo uno scontro con Frizza. Il Siena tiene bene, ma crea poco e le attaccanti faticano a presentarsi di fronte a Leoni; al 36’della ripresa Marraccini salva un pallone sulla propria linea di porta e al 42’ Migliorini serve benissimo Ballotti, ma il guardalinee segnala il fuorigioco. Sullo 0-0 finale il regolamento obbliga ai tempi supplementari. La prima frazione inizia con due belle azioni del Siena – Ballotti, prima, e Marraccini per Migliorini dopo – ma al 5’ arriva la svolta. Crespi serve una palla in profondità per Patu che aggancia al meglio e fa partire un missile che s’insacca sotto la traversa per l’1-0. Le bianconere non mollano. Al 7’ del secondo supplementare Migliorini batte una punizione su cui s’inserisce Fambrini; il capitano calcia sul portiere poi, sul batti e ribatti, ci provano Ballotti di testa e Frizza al volo, senza successo. A quel punto, il Firenze dilaga e negli ultimi cinque minuti va ancora a segno con Patu, prima su punizione e poi con un bell’inserimento sul pallone che arriva dal calcio d’angolo. Il cammino in Coppa Italia del Siena, quindi, finisce; le bianconere, tuttavia, possono cogliere dalla partita con il Firenze buoni spunti e tanta fiducia per il proseguimento di una stagione che sarà, certamente, alla loro portata. Adesso per le ragazze di mister Bongi ci sono 15 giorni di riposo: si torna in campo domenica 1 novembre, alle 14,30, per la gara di A2, in trasferta a Chieti contro l’Ariete. Fonte: Siena Calcio Femminile  

 
18/10/09 00:00 | INFORTUNIO PER COPPOLA, STAGIONE A RISCHIO
INFORTUNIO PER COPPOLA, STAGIONE A RISCHIO

Tegola sul Torino: Coppola ha subito un grave infortunio e la sua stagione è a rischio. Il centrocampista ha riportato la frattura del malleolo peronale. Il giocatore è stato subito portato in ospedale, poi è partito per Roma. Domani mattina sarà sottoposto a ulteriori esami per verificare l'eventualità di un'operazione.

La squadra si è stretta intorno a Coppola, e Bianchi gli ha dedicato il gol-vittoria contro l'Ascoli. Fiducioso il presidente Cairo: «Coppola è il nostro Gattuso, vedrete dimezzerà i tempi della convalescenza».

Fonte: Tuttosport

 

 
17/10/09 00:00 | GUIDOLIN DIMENTICA GLI INFORTUNATI: “ABBIAMO TANTE SOLUZIONI”
GUIDOLIN DIMENTICA GLI INFORTUNATI: “ABBIAMO TANTE SOLUZIONI”

 

“Abbiamo tante soluzioni e in settimana abbiamo provato almeno tre diversi modi di giocare”. Francesco Guidolin, alla vigilia di Parma-Siena, non si lamenta degli infortunati e guarda avanti: “La sosta toglie e dà, ci sono diversi giocatori ad esempio che hanno avuto modo di lavorare ed entrare in piena forma, anche se spiace per Biabiany e Paloschi, che sarà a mezzo servizio”. I fischi alla Nazionale? “Un problema culturale, ma a Parma c’è uno spirito sano”.    Guidolin, domani non ci sono Mariga e Biabiany: come cambierà il Parma? “Abbiamo anche Paloschi a mezzo servizio, dopo che l’Under 21 lo ha restituito un po’ acciaccato. E questo ci dispiace perché siamo orgogliosi che i nostri giocatori vadano in Nazionale, anzi vorremmo ce ne andassero anche di più perché vorrebbe dire che va tutto bene, ma ci piacerebbe anche tornassero in buone condizioni. Domani non sarà disponibile al cento per cento e andrà in panchina. Tutti gli altri stanno bene e hanno lavorato tanto. Sappiamo che il Siena ci potrà creare dei problemi e dovremo essere bravi noi a crearne altri a loro”. Bojinov invece come è tornato dalla Nazionale? “Bene, abbiamo provato anche lui ed è una delle soluzioni. La coppia con Amoruso? Io di attaccanti domani ne ho solo tre, più Paloschi che recupero per la panchina”. Lei si schiera dalla parte di Galliani che aveva parlato di maggiore tutela per i club che portano giocatori in Nazionale? “No io mi schiero dalla parte di quelli che dicono che la A dovrebbe essere a 18 squadre, perché darebbe a tutti più tempo di riposare. Senza partite infrasettimanali. Poi i migliori devono andare in Nazionale”. Giovedì avete provato diverse soluzioni… “Ne abbiamo provate tre, noi ci modelliamo durante la settimana in modo diverso per affrontare un Siena che ha fatto bene nelle ultime partite. Per questo dovremo essere molto attenti”. Ieri un ex, Galloppa, ha parlato dei punti di forza della squadra toscana: organizzazione, allenatore e reparto offensivo… “Lui conosce l’ambiente di Siena meglio di tutti e sono d’accordo, anche se penso che sia forte pure il centrocampo con Vergassola. E’ una squadra che ha la capacità e l’esperienza di mantenere la categoria con una buona dose di serenità, quello che sarebbe il nostro obiettivo”. Zaccardo e Dzemaili adesso sono in forma? La pausa li ha aiutati? “Sì, hanno lavorato bene. Se la sosta toglie qualcosa in termini di infortunati e di gruppo, dall’altra dà anche un po’ di tempo per crescere a chi ha bisogno di lavorare, come appunto Zaccardo, Dzemaili e anche Amoruso. Poi abbiamo recuperato Paci…”. Circa i fischi alla Nazionale? “Premesso che la gente può disapprovare, in Italia manca lo spirito di appartenenza, qualità che in altre parti d’Europa c’è. Una questione culturale, che nasce dal fatto che siamo una nazione giovane. Non abbiamo dunque nello sport e nel calcio, che è la disciplina più popolare, l’attaccamento ad una squadra. Così, spesso, la gente va allo stadio con diffidenza e poca tolleranza. Poi, lo ripeto, se non è contento uno può disapprovare ma l’approccio alla partita altrove è da amico, qui invece più ostile”. Parma però lei l’ha definita una città anglosassone proprio una settimana fa… “A Parma mercoledì sono venute tante persone da fuori, per quanto mi riguarda la gente qui ha il giusto senso critico e di affetto verso la squadra, come dimostrano le tante presenze l’anno scorso in B. Ma io parlo in generale: in Italia non si va allo stadio con la giusta serenità”.   Fonte: www.fcparma.com  

 
17/10/09 00:00 | I CONVOCATI DEL PARMA
I CONVOCATI DEL PARMA
Constatata l’indisponibilità di Biabiany, Manzoni e Mariga, mister Francesco Guidolin ha convocato per la partita Parma-Siena in programma domani, ore 15 allo stadio Tardini, 20 giocatori: Portieri: Mirante, Pavarini Difensori: Antonelli, Castellini, Dellafiore, Lucarelli, Paci, Panucci, Zaccardo, Zenoni Centrocampisti: Budel, Cordova, Dzemaili, Galloppa, Lunardini, Morrone Attaccanti: Amoruso, Bojinov, Lanzafame, Paloschi   Fonte: www.fcparma.com

 
17/10/09 00:00 | LEGA CALCIO: I TERRENI DI BERGAMO, BOLOGNA, ROMA E SIENA SONO PERFETTI
LEGA CALCIO: I TERRENI DI BERGAMO, BOLOGNA, ROMA E SIENA SONO PERFETTI

Genoa-Inter a Marassi? La soluzione del problema non era poi così scontata. Il big match di stasera, infatti, rischiava di giocarsi da un'altra parte. Se la situazione del terreno di gioco non fosse migliorata in queste due settimane di pausa del campionato, la Lega Calcio avrebbe imposto il cambio d'itinerario.

 

Con l'autunno e il primo freddo, infatti, i campi da calcio rischiano grosso. Il Ferraris, in verità, è sempre stato lontano parente di un campo accettabile: "Ma il Comune si è dato una mossa - ha detto l'agronomo della Lega, Castelli, alla 'Gazzetta dello Sport' - e l'emergenza è stata tamponata. Ma la prognosi resta riservata e andrà valutata con attenzione. Ci vuole poco per perdere gli attuali benefici".

 

Marassi, quindi, sarà nell'occhio del ciclone. Difficile trovare di peggio: forse Crotone in Serie B. Per il resto, i campi italiani non godono di problemi insormontabili: "Firenze andrà totalmente rifatto, ma al momento abbiamo risolto i problemi". Ad agosto era inguardabile e impraticabile. Poi Torino: "In tv sembra ottimo, ma le radici non sono perfettamente aderenti al terreno. Va tenuto sotto controllo".

 

Udine e Milano saranno 'vittima' di due incontri di rugby, poi andranno rifatti. Ma qualcuno raggiunge l'eccellenza: "Bergamo, Bologna, Roma e Siena sono perfetti" ha concluso Castelli. Almeno lì non soffriranno il cambio di stagione.

Fonte: Goal.com

 

 
17/10/09 00:00 | 21 I CONVOCATI DA GIAMPAOLO PER PARMA
21 I CONVOCATI DA GIAMPAOLO PER PARMA

La squadra ha effettuato la seduta di rifinitura questa mattina a Castellina Scalo. Prosegue nel lavoro differenziato Rossettini ed anche Jaakkola,mentre Ficagna si è allenato regolarmente.

Nel primo pomeriggio i bianconeri partiranno per Parma.

21 giocatori convocati

 

Brandao

Calaiò

Codrea

Curci

Del Grosso

Ekdal

Ficagna

Fini

Garofalo

Genevier

Ghezzal

Jajalo

Jarolim

Larrondo

Maccarone

Pegolo

Reginaldo

Rosi

Rossi

Terzi

Vergassola

fonte: www.acsiena.it

 

 
17/10/09 00:00 | CURIOSITÀ E STATISTICHE DI PARMA-SIENA
CURIOSITÀ E STATISTICHE DI PARMA-SIENA

Queste le curiosità relative a Parma-Siena di domenica, ore 15 al Tardini, fornite da Football Data, agenzia giornalistica leader in Italia nell'archiviazione di numeri e statistiche legati alla storia del calcio nazionale e internazionale. 

 

Parma 2009/10 già in gol con tutti i reparti                

Il Parma è una delle 6 formazioni di serie A che, dopo 7 giornate, ha segnato gol già con tutti i reparti della propria rosa. Come i gialloblu anche Genoa, Inter, Juventus, Roma e Sampdoria.

 

Lucarelli ad un passo dalla 200° presenza in A

Alessandro Lucarelli, se gioca, festeggerà la 200° gara della propria carriera in serie A. La prima delle attuali 199 presenze – collezionate con le maglie di Piacenza, Livorno, Reggina, Genoa e Parma – risale al 13 settembre 1998 in Piacenza-Lazio 1-1.

 

Siena inviolato solo in una delle ultime 15 trasferte

Nelle ultime 15 trasferte di serie A solo una volta il Siena non ha subito gol: è accaduto l’8 marzo scorso, quando vinse 3-0 a Catania. Nelle restanti 14 gare esterne i bianconeri hanno subito 23 reti.

 

Maccarone vicino ai 100 gol italiani

Massimo Maccarone è salito a 98 reti in gare ufficiali con club italiani, sommandone finora 36 in serie A, 26 in serie B, 24 in C-2, 7 in coppa Italia, 2 nelle eurocoppe, 3 in altri tornei. Mancano 2 centri per toccare quota 100.

 

Le sfide Guidolin-Giampaolo

Francesco Guidolin sconfitto nei due precedenti tecnici ufficiali disputati contro Marco Giampaolo, entrambi relativi alla serie A 2006/07, doppia sfida Palermo-Cagliari: Palermo-Cagliari       1-3       0-1

 

Le sfide Guidolin-Siena

Nei 9 precedenti ufficiali tra Guidolin e la formazione toscana, il tecnico gialloblu ha uno score – a proprio favore - di 5 successi, 3 pareggi ed 1 sola sconfitta. Da segnalare che nelle 5 sfide casalinghe disputate le squadre di Guidolin hanno sempre segnato, per un totale di 8 reti:

 

1991/92            serie C-1           Empoli-Siena    2-0       0-0

 

1992/93            serie C-1           Ravenna-Siena  1-0       1-0

 

2004/05            serie A             Palermo-Siena  1-0       0-0

 

2006/07            serie A             Palermo-Siena  2-1       1-1

 

2007/08            serie A             Palermo-Siena  2-3       ----

 

Le side Giampaolo-Parma

Quarto confronto tecnico ufficiale tra Marco Giampaolo ed il Parma, contro cui il tecnico dei senesi non ha ancora vinto, avendo collezionato 2 pareggi ed 1 sconfitta.

 

2006/07            serie A             Cagliari-Parma  0-0       1-2

2007/08            serie A             Cagliari-Parma  ----        1-1

 

 

I precedenti Parma-Siena

1946/47            serie B             Parma-Siena                 2-1       1-3

1976/77            serie C             Parma-Siena                 0-0       1-1

1977/78            serie C             Parma-Siena                 2-1       3-2

2003/04            serie A             Parma-Siena                 1-1       2-1

2004/05            serie A             Parma-Siena                 0-0       1-0

2005/06            serie A             Parma-Siena                 1-1       2-2

2006/07            serie A             Parma-Siena                 1-0       2-2

2007/08            serie A             Parma-Siena                 2-2       0-2

Fonte: FC Parma

 

 
16/10/09 00:00 | GALLOPPA: “RISPETTO IL SIENA MA DARO’ IL MASSIMO
GALLOPPA: “RISPETTO IL SIENA MA DARO’ IL MASSIMO

Daniele Galloppa ha incontrato oggi a Collecchio i giornalisti trovando occasione per parlare della sua ex squadra ed in particolare di mister Giampaolo: “E’ l’allenatore che mi ha insegnato di più. Credo che davanti a sé abbia una grande carriera e se lo merita sia come allenatore che come uomo”. Sensazioni particolari domenica per il giovane centrocampista che ha comunque le idee chiare: “Mi troverò di fronte ai ragazzi con cui, in tre anni, ho condiviso emozioni bellissime. I tifosi e la gente di Siena mi chiamano ancora per farmi gli auguri, ma dopo il fischio d’inizio mi calerò nella parte, come è giusto che sia, e darò il massimo cercando di fare il bene del Parma lottando per i tre punti”.
Mercoledì sera era in tribuna a vedere Italia-Cipro?
“Sì, mi sono visto la partita con grande serenità, poi è successo quello che è successo. Sono dispiaciuto perché non è mai bello sentir fischiare la Nazionale, campione del mondo e già qualificata. Ovvio che il tifoso ha tutto il diritto di esprimere ciò che sente. Credo che Lippi abbia fatto bene a difendere il gruppo perché in Italia abbiamo forse un mentalità un po’ sbagliata: per 80 minuti ho sentito incitare poco l’Italia ed è scattato il delirio solo dopo la rimonta. Si passa dal nero al bianco nel giro di un minuto”.
Biabiany e Dzemaili hanno già provato sulla loro pelle cosa vuol dire prendere fischi al Tardini. Forse ci sono tifosi più esigenti di altri.
“Parma è una piazza esigente perché ha alle spalle un passato importante. Dobbiamo essere bravi noi a prenderci le nostre responsabilità e sapere che, se le cose vanno male, possiamo anche andare incontro alle critiche. Il calcio, alla fine, è un campo dove due squadre si affrontano per vincere. Tutto il resto è solo un bel contorno”.
Mercoledì sera, vedendo Gattuso, D’Agostino e Pepe in molti pensavano che Galloppa ci poteva stare…
“E’ facile dire così quando le cose non vanno bene, se Gattuso, D’Agostino e Pepe avessero fatto una grande partita si sarebbe detto che era giusta l’assenza di Galloppa. Questo è il calcio. Io devo solo pensare a far bene, poi sarà il mister a fare le sue scelte. In realtà non penso molto alla Nazionale e cerco di dare tutto col Parma per avere poi la coscienza a posto”.
Domenica affronterete una squadra che lei conosce molto bene. Quali sono i punti di forza del Siena?
“Credo che il Siena sia una delle squadre più organizzate della serie A. L’anno passato abbiamo avuto un cammino molto regolare con 22 punti all’andata e 22 al ritorno e questa non è certo una casualità. Il punto di forza è proprio questo e ad esso vanno aggiunti giocatori di qualità come Maccarone, Calaiò e Ghezzal che possono risolvere la partita da un momento all’altro. Gente che gioca in serie A da molto tempo. I punti di forza quindi sono l’allenatore e gli attaccanti. Dovremo rimanere corti ed esser bravi a conquistare la seconda palla”.
Se il punto di forza è l’attacco, forse in difesa sono un po’ più vulnerabili.
“Io credo che dietro si affidino molto all’organizzazione data dal mister. L’anno scorso hanno giocato ragazzi che erano esordienti in serie A. Sono stati bravi, ma fondamentale è stato il lavoro del mister che ha dato loro fiducia. La cessione di Portanova è stato un duro colpo, era fondamentale per gli equilibri difensivi. Speriamo sia un vantaggio per noi”.
Si parla di Gianpaolo come di uno degli allenatori più promettenti della serie A. Lei ha avuto modo di conoscerlo bene. Che opinione si è fatto?
“Giampaolo è l’allenatore che mi ha insegnato di più. Ha metodi quasi maniacali, lavora molto davanti al video e cerca di curare il dettaglio. Al sabato, in ritiro, si facevano anche tre sedute davanti video. Credo che davanti a sé abbia una grande carriera e se lo merita sia come allenatore che come uomo”.
Questa è la prima volta che affronta il Siena da avversario. Sarà un momento particolare?
“Sicuramente ci saranno sensazioni diverse dalle altre partite perché mi troverò di fronte ai ragazzi con cui, in tre anni, ho condiviso emozioni bellissime. I tifosi e la gente di Siena mi chiamano ancora per farmi gli auguri, ma dopo il fischio d’inizio mi calerò nella parte, come è giusto che sia, e darò il massimo cercando di fare il bene del Parma lottando per i tre punti”.
Esulterà in caso di gol?
“Sono contro il non esultare, perché si gioca per segnare. Se esulterò qualcuno dirà che ho mancato di rispetto ai tifosi del Siena, se non lo farò qualcuno dirà che ho mancato di rispetto a quelli del Parma. Probabilmente farò un’esultanza moderata, almeno metterò d’accordo tutti”.

Fonte: www.fcparma.com

 
16/10/09 00:00 | Prevendita Siena-Juventus
Prevendita Siena-Juventus

L’A.C. Siena comunica che dalla mattinata di lunedì, 19 ottobre 2009, saranno in vendita i biglietti per la gara Siena – Juventus in programma domenica 25 ottobre alle ore 15,00.

I prezzi dei biglietti, al netto dei diritti di prevendita, sono i seguenti:

Tribuna Vip Danilo Nannini € 150,00

Tribuna coperta Danilo Nannini € 135,00
Ridotto € 115,00
Under € 50,00

Gradinata Paolo De Luca € 45,00
Ridotto € 40,00
Under € 14,00

Curva Robur e Curva San Domenico € 25,00
Ridotto € 20,00
Under € 10,00

Ridotti: donne, over 65 (nati entro il 31/12/1944), diversamente abili (invalidità superiore al 75%) e ragazzi nati dal 1/01/1991 al 31/12/1995.
Under: ragazzi nati dal 1/01/1996.


I biglietti possono essere acquistati presso le seguenti rivendite autorizzate della città:

• Fabbri Emanuele& C., Via Pantaneto, 154 – tel. 0577.284352
• Siena Club Fedelissimi, Via Mencattelli, 11 – tel. 0577.236677 (dalle 21.30 alle 24)
• Sogno Siena, Via dei Termini, 54 – tel. 0577/225703
• Tabaccheria Narghilè, Via Aretina, 6 – tel. 0577.247641
• Disco Laser, Via Montanini, 94 – tel. 0577.289340
• Tabaccheria Scacciapensieri, via Orlandi 6 - tel. 0577.334040
• Bar Acquacalda, via delle Province 14 - tel. 0577.51568
La Biglietteria dell’A.C. Siena, situata al sottopassaggio “La Lizza” sarà aperta nelle giornate di sabato 24 ottobre (dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00) e di domenica 25 ottobre dalle ore 10,00 fino alle ore 15,45.  

 
15/10/09 00:00 | Bianconere, domenica arriva la “corazzata” Firenze. In campo anche Primavera e Giovanissime
Bianconere, domenica arriva la “corazzata” Firenze. In campo anche Primavera e Giovanissime

In casa bianconera si attende un finesettimana molto intenso. Tutte e tre le squadra saranno, infatti, impegnate tra sabato e domenica in gare ufficiali.
Una vera e propria lotta all’ultimo sangue attende le ragazze della serie A2; per il terzo turno di Coppa Italia arriva, infatti, il Firenze che le bianconere incontreranno anche nel girone di campionato. Una società quadrata e organizzata, quella fiorentina, ormai da anni ai vertici del calcio femminile e candidata per la promozione in serie A che si presenta con un biglietto da visita che parla da solo: si chiama Alia Guagni – protagonista della Nazionale maggiore – che lo scorso anno segnò oltre trenta reti in campionato.
La gara è a eliminazione diretta: le bianconere dovranno lasciarsi alle spalle la delusione di domenica scorsa e dovranno, invece, mettere in campo tutta la loro grinta e la forza del loro spogliatoio per spuntarla contro la corazzata viola.

VIA AL CAMPIONATO PRIMAVERA   Sabato alle 17.30 al campo di Cerchiaia, inizierà anche l’avventura della squadra Primavera: l’obiettivo delle giovani bianconere è disputare un girone da protagoniste, migliorandosi rispetto alla passata stagione che fu, in particolare all’inizio, molto travagliata. L’esordio non è certo dei più semplici, visto che di fronte c’è la Grifo Perugia, una squadra che è da anni una delle realtà più importanti sia a livello giovanile che a livello nazionale.   Le ragazze del Siena, tuttavia, possono contare quest’anno su un ottimo gruppo: alcune fuoriquota esperte della categoria (Meattini, ad esempio, è al suo quarto campionato), diverse giovani promesse provenienti dal campionato Giovanissime, un paio di atlete in arrivo dalla Laurenthiana Firenze (Auletta e Falorni). Al gruppo sono state inoltre aggregate De Regis (in rosa nella prima squadra) e Ceci, cinque gol in serie B l’anno scorso e alcune presenze in nazionale giovanile.   Il girone del campionato Primavera è composto da sei squadre (Lucca, Fiorentina, Firenze, Spello, Perugia e appunto Siena) che si affrontano in gare di andata e ritorno: la vincitrice passerà alla fase nazionale. Mister Massimo Coltellini è cauto: “Ci sono tutti i presupposti per fare bene – dice – ma per vincere il girone dovremo battere almeno una volta il Firenze che l’anno scorso ha chiuso il campionato a punteggio pieno ed ha perso 1-0 solo la finale scudetto. Noi faremo la nostra parte, partita dopo partita, senza mai partire sconfitti, poi si vedrà”.
GIOVANISSIME, PRONTE PER UNA BELLA SCOMMESSA
  Inizia domenica mattina anche l’avventura della squadra Giovanissime (bambine tra i 12 e i 14 anni); le bianconere allenate da Daniele Fantocci saranno impegnate subito in trasferta, a Scarperia, con fischio d’inizio alle 10,45. Un’esperienza molto formativa attende le baby bianconere che hanno di fronte un campionato lungo e difficile; 18 giornate durante le quali incontreranno le pari età di molte società importanti a livello regionale, dal Firenze al Livorno fino alla nobile decaduta, Agliana.     IL PROGRAMMA del weekend   SABATO 17 ottobre 2009 – ore 17, 30 Campo Sportivo “Cerchiaia” (Siena) SIENA CF – GRIFO PERUGIA Campionato regionale Primavera   DOMENICA 18 ottobre 2009 – ore 10,45 Stadio comunale “Le Cortine” (Scarperia) SCARPERIA 1920 ASD – SIENA CF Campionato regionale Giovanissime a 7   DOMENICA 18 ottobre 2009 – ore 15 Campo Sportivo “Cerchiaia” (Siena) SIENA CF – FIRENZE ASD Coppa Italia – 3 turno Fonte: ufficio stampa Siena Calcio femminile www.sienacalciofemminile.com  

 
15/10/09 00:00 | SIENA-ALLIEVI STASERA SU SIENA TV
SIENA-ALLIEVI STASERA SU SIENA TV

 

Questa sera su Siena Tv alle 21 potrete seguire l'amichevole del pomeriggio che la Robur disputerà contro la formazione degli allievi a Castellina Scalo. (Tommaso Salomoni)
Fonte: Siena TV

 
15/10/09 00:00 | LANZAFAME: CONTRO IL SIENA LA MASSIMA CONCENTRAZIONE
LANZAFAME: CONTRO IL SIENA LA MASSIMA CONCENTRAZIONE

Davide Lanzafame vede la partita di domenica con il Siena molto simile a quella giocata con il Cagliari: ”Come allora veniamo da una buona prestazione e incontriamo una diretta concorrente per la salvezza”. Ovvio però che quelle analogie all’attaccante fanno anche paura: “Sì, la trovo una partita molto insidiosa e non dobbiamo ripetere gli stessi errori fatti con i sardi. Dobbiamo mettere in campo la stessa umiltà di Genova”.  

L’assenza di Biabiany comporta necessariamente novità in attacco. Come potrebbe cambiare l’assetto anteriore del Parma?
“Il mister senz’altro in questi giorni proverà situazioni diverse e sceglierà chi farà giocare. Ci sono molteplici soluzioni e lui individuerà senz’altro la migliore, anche se non ci ha ancora fatto intendere nulla”.
E con il Siena che partita si aspetta?
“La vedo una partita molto simile a quella con il Cagliari, dove venivamo da un risultato esterno positivo, con la Lazio così come due settimane è successo con la Sampdoria, e incontravamo una squadra sulla carta diretta concorrente per la salvezza. Per queste analogie quella con il Siena è una partita insidiosa”.
Come esce il Parma da questo periodo di sosta?
“E’ un Parma rivitalizzato dal pareggio di Genova, un risultato importante per come è avvenuto. Un’iniezione di autostima conquistata con tanta umiltà, la stessa che dobbiamo avere domenica con il Siena”.
Fisicamente questo stop ha inciso, visto che a Genova andavate fortissimo?
“Penso di no anche perché siamo in mano ad ottimi preparatori. Eravamo e restiamo in ottime condizioni”.
Quando è uscito dalla primavera della Juventus si è parlato di un suo interessamento del
Siena…

“C’era un’opportunità importante, poi ho preso un’altra strada. Sarebbe stato un onore per me giocare a Siena, società che da diversi anni fa ottimi campionati di A”.
A proposito del Cagliari, in quali situazioni il Parma, domenica prossima, dovrà essere più bravo?
“Nell’approccio alla gara, soprattutto dal punto di vista della concentrazione, e nell’evitare errori che in quella partita abbiamo commesso. Tutti”.
E’ vero che questo Parma, per come è impostato, va meglio in trasferta che in casa?
“Secondo me no e lo dimostrano le vittorie con Palermo e Catania. A parte la brutta prestazione contro il Cagliari non ricordo prestazioni negative in casa”.

Fonte: www.fcparma.com
Foto: datasport

 
15/10/09 00:00 | GEROLIN: “LA MIA GRANDE SQUADRA SI CHIAMA SIENA”
GEROLIN: “LA MIA GRANDE SQUADRA SI CHIAMA SIENA”

Il direttore sportivo del Siena, Manuel Gerolin, intervenendo sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni:

“L’organico del Siena è molto interessante: abbiamo giovani validi, credo che ci siamo rinforzati in attacco. Maccarone, Paolucci, Calaiò, Ghezzal, sono tutti calciatori importanti. Dobbiamo solo perfezionare i nostri meccanismi, spetterà al nostro ottimo allenatore, Marco Giampaolo, trovare l’alchimia giusta. Il nostro tecnico è uno dei migliori in circolazione, ha la nostra totale fiducia e non è assolutamente in bilico. Ci aspetta ora la trasferta con il Parma, una squadra frizzante. Sarà difficile fare risultato contro i gialloblu, tra l’altro poi incontreremo la Juventus. La forza del Siena, ad ogni modo, è il gruppo: abbiamo fiducia nei nostri mezzi.

Il Napoli? Si è sempre detto e scritto di un mio passaggio in azzurro, è un grande club ma per ora però la mia grande squadra si chiama Siena. Poi, si vedrà. Zuniga a sinistra è una forzatura, per rendere al meglio deve giocare sulla fascia destra. Giampaolo l’ha preparato benissimo da terzino, sull’altro versante è normale incontrare qualche difficoltà”.

Fonte: NapoliSoccer.NET

 

 
14/10/09 00:00 | QUI PARMA: MARIGA E BIABIANY OUT COL SIENA
QUI PARMA: MARIGA E BIABIANY OUT COL SIENA

Allenamento pomeridiano per Morrone e compagni. In attesa del rientro di Paloschi che giocherà stasera con la nazionale under 21, mister Guidolin ha iniziato ad affrontare la settimana di lavoro che porterà al match casalingo contro il Siena. Sicuri assenti Mariga e Biabiany. Saranno valutati durante questi giorni di lavoro Pisanu, Paci e Pavarini. Dei tre il difensore dovrebbe essere della partita. Paci sembra, infatti, aver smaltito l’infortunio che l’ha costretto a rinunciare alla trasferta di Genova contro la Sampdoria. Si dovrebbe così ricomporre la coppia centrale titolare, quella costituita dal calciatore di Ancona e da Panucci. L’altro tema della settimana è la sostituzione di Mariga a centrocampo. L’ipotesi più probabile vede l’accentramento di Morrone con Dzemaili e Galloppa ai suoi fianchi per una linea mediana in cui Zenoni o Castellini si alternano sulle corsie laterali opposte a sostegno dei faticatori di metà campo.  (P.Raz.)

Fonte: Gazzetta dello Sport

 

 
14/10/09 00:00 | LUCARELLI: "IL SIENA? A LIVELLO TATTICO NON SBAGLIA UNA PARTITA. SARÀ UN DIFFICILE SCONTRO DIRETTO"
LUCARELLI: "IL SIENA? A LIVELLO TATTICO NON SBAGLIA UNA PARTITA. SARÀ UN DIFFICILE SCONTRO DIRETTO"

«La gara di domenica contro il Siena sarà una  delle più difficili tra quelle affrontate finora, trattandosi di uno scontro diretto. E questo non dobbiamo dimenticarlo».

Lo ha detto Alessandro Lucarelli, difensore del Parma, soffermandosi sul prossimo impegno della squadra di Guidolin. «Contro il Cagliari forse inconsciamente avevamo dimenticato di affrontare una nostra diretta concorrente, perché eravamo reduci da due vittorie  consecutive contro squadre di fascia più alta e quindi è andata male - spiega il  calciatore -.  Affronteremo i toscani a testa bassa, come abbiamo fatto fino ad ora, cercando di preparare al meglio questa partita in casa e  cercando di sfruttare al meglio il fattore campo. Fare dei punti contro una diretta concorrente potrebbe essere l’arma vincente per la permanenza in serie A, perché alla fine gli scontri diretti valgono tantissimo. Mi auguro che alla fine del campionato non  serva proprio uno scontro diretto per rimanere in serie A. Dovremo già da domenica cominciare a fare punti».

Finora il miglior Parma  si è visto in trasferta.

«Fuori dalle mura amiche fino ad adesso  abbiamo disputato delle ottime partite, ma tante squadre in serie  A giocano meglio fuori, avendo la possibilità di giocare di  rimessa. A volte, anzi spesso, quando siamo in casa siamo noi a  dover fare la partita, e perciò troviamo delle squadre che  vengono qui e si chiudono, mettendoci in seria difficoltà».

 

«Il Siena è allenato da un tecnico emergente, a livello tattico le squadre di Giampaolo non sbagliano una partita - prosegue  Lucarelli -. Abbiamo già cominciato a vedere alcune gare del Siena ed abbiamo notato la loro prerogativa principale, ovvero quella di essere una squadra molto ben organizzata, tra l’altro composta da  giocatori che provengono da un’ottima annata. Il Siena da quando  è arrivato in serie A non è mai retrocesso, e questo vuol dire che alla base c'è un ottimo lavoro. Domenica potrei trovarmi di fronte Reginaldo con il quale abbiamo festeggiato insieme la  promozione pochi mesi fa. È un ragazzo che ho conosciuto l’anno  scorso, ed anche se aveva qualche problema a giocare qui a Parma  si è sempre comportato alla grande all’interno del gruppo, ed ha  dato un contributo non indifferente alla squadra per raggiungere  la promozione in serie A, perciò è un giocatore che potrà metterci in difficoltà, soprattutto adesso che milita in una  squadra come il Siena che gioca di rimessa. Forse non è riuscito  a trovare quella continuità di rendimento che magari gli avrebbe  fatto fare il salto di qualità. Mi viene in mente solo questo, perché ha doti sia tecniche che fisiche non indifferenti, perciò  se fino ad adesso ha fatto fatica, può essere dipeso da questo. Forse a Parma non sentiva la fiducia di tutti, e perciò non è  riuscito a rendere come avrebbe voluto».

Fonte: Gazzetta di Parma

 

 
14/10/09 00:00 | Croazia-Serbia 3-1, Jajalo in campo 70'
Croazia-Serbia 3-1, Jajalo in campo 70'

 

La Croazia ha battuto la Serbia 3-1 nel turno di qualificazione all'Europeo Under 21.
Mato Jajalo ha giocato fino al 70'. Le reti sono state messe a segno da Oremus al 32', Kramaric al 52' e Ljubicic al 83', per la Serbia ha segnato Tomic al 69'.
Fonte: acsiena

 
14/10/09 00:00 | ENRICO CHIESA A UN PASSO DALLE 500 PRESENZE NEI PROFESSIONISTI
ENRICO CHIESA A UN PASSO DALLE 500 PRESENZE NEI PROFESSIONISTI

Un traguardo non da poco per il 39enne attaccante genovese, che, intervistato da Il Corriere dello Sport/Stadio, si è mostrato quasi sorpreso della cifra raggiunta: "Non lo ricordavo. Dopo le 400 gare ho iniziato a pensarci, ma non sono un fanatico delle statistiche come Pippo Inzaghi. Certo, è un traguardo importante" ha commentato Chiesa.

 

Rispondendo poi alle varie domande del giornalista, Chiesa ha poi commentato i passaggi chiave della sua carriera: "Il mio gol più bello? Mi ricordo un Fiorentina-Roma del 2001 e un tiro spettacolare in Siena-Bologna all’amico Pagliuca. Il mio passaggio dalla A alla C2 nel '92 è stato importante. La gavetta è stata fondamentale per arrivare alla nazionale. Per un giovane talento, tuttavia, è più difficile passare dalla C alla A. Il mio rimpianto più grande è l'infortunio alla Fiorentina nel 2001, altrimenti a quest'ora le 500 presenze le avrei già superate"

 

Interrogato poi sul futuro: "Un altro anno e poi smetto - ha confessato l'attaccante -  vorrei fare l’allenatore ed iniziare proprio dal Figline. Ho già il patentino di base. Mi chiedete chi possa essere il mio erede? In serie A mi somiglia Paloschi” (Stefano Orengo)

Fonte: sampdorianews.net

 

 
14/10/09 00:00 | Reginaldo e Codrea pronti per Parma.
Reginaldo e Codrea pronti per Parma.

Dopo i due giorni di riposo concessi da Marco Giampaolo, il Siena riprende questo pomeriggio a Castellina Scalo la preparazione fisica in vista della trasferta di Parma. Partita difficile, da preparare con la consueta dovizia e con la necessaria concentrazione fin dalle prime sedute settimanali. I nazionali Oggi pomeriggio dovrebbero essere regolarmente al loro posto Brandao, Ekdal e Ghezzal, mentre il rientro di Jajalo è in programma per giovedì; infine il terzo portiere Ivanov sarà l'ultimo a rientrare: si allenerà venerdì con il gruppo. Naturalmente saranno fatte valutazioni anche sulle condizioni di questi giocatori, ma non ci dovrebbero essere problemi, facendo gli adeguati scongiuri. E' il solito cruccio: da una parte è prestigioso e dà importanza al lavoro del club e dello staff tecnico avere elementi in nazionale, dall'altra impedisce di averli a disposizione e li espone ad infortuni ed acciacchi. L'infermeria Per quanto riguarda la situazione dell'infermeria. Reginaldo (trauma alla spalla) e Codrea (flascite plantare) non dovrebbero avere problemi a recuperare per la trasferta di Parma: la settimana scorsa hanno lavorato a parte, ma le loro condizioni non sono apparse preoccupanti. Qualche dubbio in più per Rossettini: la tendinite al rotuleo del ginocchio destro persiste ormai da un mese e mezzo, il difensore pare sulla via del recupero, ma è da capire se e quando tornerà a disposizione di Giampaolo. Il punto Il tecnico del Siena comincerà a lavorare da oggi, in maniera più specifica, alla partita con il Parma. Si è vociferato, in settimana scorsa, di un possibile cambiamento di modulo, ma questo aspetto è tutto da verificare nelle sedute a Castellina Scalo. Di certo il Siena potrà contare su un Rosi con diversi giorni in più di allenamento nelle gambe. Dall'ex livornese ci si aspetta quella spinta a destra che può diventare fondamentale nello sviluppo della manovra bianconera. Verso Parma Il Parma è una squadra difficile da affrontare, attraversa un buon momento di forma piscofisca ed ha una rosa che, seppure senza Biabiany (il giovane e fantasioso attaccante transalpino ha un problema muscolare rimediato nel match giocato con la nazionale francese under 21), unisce qualità e quantità. (Alessandro Lorenzini)
Fonte: Corriere di Siena
Foto: NicNat

 
13/10/09 00:00 | RIPRESA LA PREPARAZIONE
RIPRESA LA PREPARAZIONE

La squadra ha ripreso oggi la preparazione in vista della gara di domenica prossima a Parma.

Sono rientrati in gruppo Codrea e Reginaldo, si è allenato con la squadra anche Ghezzal rientrato dagli impegni con la nazionale, mentre Brandao ed Ekdal, anche loro rientrati dalla nazionale hanno effettuato un lavoro differenziato, Rossettini prosegue nel suo programma personalizzato.

Ancora assenti i nazionali Jajalo e Ivanov.

Domani i bianconeri effettueranno una doppia seduta di allenamento.

fonte: www.acsiena.it

 

 
13/10/09 00:00 | GUIDOLIN: CONTRO IL SIENA GARA PERICOLOSA E DIFFICILE
GUIDOLIN: CONTRO IL SIENA GARA PERICOLOSA E DIFFICILE

“Il Siena – dice l’allenatore del Parma FC Francesco Guidolin – ha caratteristiche tutte sue, diverse dalle squadre affrontate finora al Tardini, così come ogni squadra si differenzia dalle altre per le caratteristiche dei giocatori, per il sistema di gioco, per le idee del proprio allenatore, ma quella toscana è una squadra che ha raccolto meno di quanto non abbia fatto finora, quindi è una squadra ben allenata, perché secondo me Giampaolo è un ottimo allenatore; è una squadra che ha ottimi elementi. Sarà una gara pericolosa e difficile.”


Francesco Guidolin, il Parma si appresta a vivere un momento difficile per i troppi infortuni subiti da diversi calciatori…
“Sì, sono i primi infortuni da tre mesi a questa parte, e fino a ieri era andato tutto bene. Adesso abbiamo un paio di infortuni che non ci volevano. Però bisogna far fronte a questo tipo di realtà: ci sono squadre che convivono con sette o otto calciatori in infermeria, e per noi questo problema non si era mai posto fino a tre giorni fa. Adesso lo dobbiamo affrontare, e possibilmente superare”.
Tra l’altro Biabiany e Mariga non sono due giocatori qualsiasi…
“Hanno caratteristiche particolari, e per alcune settimane dovremo fare a meno di loro. Dovremo lavorare per trovare altre strade ed altre soluzioni senza fasciarci la testa e dando la responsabilità ad alcuni altri giocatori altrettanto validi”.
Fino ad ora, nelle partite casalinghe, in quale gara si è visto il miglior Parma?
“Un’ora buona contro il Palermo.”
Il Siena può ricordare qualcuna tra le squadre affrontate finora al Tardini?
“No, il Siena ha caratteristiche tutte sue, così come ogni squadra si differenzia dalle altre per le caratteristiche dei giocatori, per il sistema di gioco, per le idee del proprio allenatore, ma quella toscana è una squadra che ha raccolto meno di quanto non abbia fatto finora, quindi è una squadra ben allenata, perché secondo me Giampaolo è un ottimo allenatore; è una squadra che ha ottimi elementi. Sarà una gara pericolosa e difficile.”
La sconfitta casalinga contro il Cagliari può essere diventato un vaccino?
 
“Magari… Non si tratta di  questo. Il nostro problema non è che mettiamo meno attenzione sul piano nervoso contro una squadra piuttosto che contro un’altra. Noi sappiamo di essere una compagine neopromossa, sappiamo di essere rientrati in questo gruppo che è la Serie A alla fine di una lunghissima rincorsa, e non possiamo permetterci di non considerare al top qualsiasi avversario, perché sono tutti partiti davanti a noi, o perché hanno più esperienza o perché sono squadroni. Le insidie che ci porterà il Siena domenica prossima, saranno le insidie che porteranno in casa nostra tutte le squadre che affrontiamo partita dopo partita. Non c’è bisogno di un vaccino”.
Il Parma, fino ad adesso, ha dato la sensazione di  giocare meglio in trasferta che in casa…
“Potrebbe essere un’affermazione vera, ma è ancora troppo presto per poter dire che questa sia una caratteristica ben  definita del gruppo e della squadra”.
Una gara come quella contro il Siena potrebbe servire a far mostrare dei miglioramenti anche tra le mura amiche…
“Noi tenteremo di far vedere dei progressi: è anche vero che anche con il Cagliari, se le cose fossero andate in un certo modo, avremmo potuto poi parlare di un'altra gara. Sappiamo che dovremo fare progressi ovunque, sia individualmente che come collettivo”.
Cosa comportano gli infortuni di Mariga e Biabiany: cambio di sistema di gioco o semplice cambio di uomini?
“Alcune decisioni le prenderò quando saremo tutti, e questo avverrà solo dopodomani. Per esempio, sabato contro il Lugano era per me un test importante, che mi avrebbe consentito di provare il 3 4 3, ma purtroppo ho perso Lanzafame un minuto prima del fischio d’inizio. Sono tutte situazioni di lavoro che mi consentono di capire come muovermi, e perciò solo al termine di questa settimana potrò valutare al meglio”.
Giocare partite contro le squadre che come il Parma lottano per la salvezza nel girone d’andata può essere pericoloso, a lungo andare?
“Non me lo sono posto questo problema: io il calendario lo conosco solo fino alla gara di Bergamo contro l’Atalanta, e non voglio conoscerlo. Io so solo che non ho mai fatto queste valutazioni, e fino ad ora le cose sono andate bene: se sei bravo fai bene con l’Inter o contro qualsiasi altra squadra. La cosa importante è concentrarsi sull’obiettivo immediatamente prossimo, senza pensare al futuro”.
Che bilancio traccia del suo Parma dopo sette partite?
“Siamo ad un quinto di campionato, neanche. Quindi è troppo presto per fare bilanci o valutazioni. Siamo partiti bene, ma tutto ciò può restare lì se non continueremo su questa strada, anzi se non miglioreremo. Certo, io mi auguro di fare dieci o undici punti ogni sette partite, perché vorrebbe dire disputare un campionato ottimo. Cerchiamo di raggiungere il più presto possibile l’obiettivo che ci siamo prefissati ad inizio stagione, affrontando un avversario alla volta.”


Fonte: www.fcparma.com
Foto
: datasport

 
13/10/09 00:00 | PREVENDITA PARMA-SIENA
PREVENDITA PARMA-SIENA

L’A.C Siena comunica che sono già in vendita, al costo unitario di € 15,00 (esclusi i diritti di prevendita) i tagliandi per il settore ospiti per la gara Parma - Siena di domenica 18 ottobre alle ore 15:00.
I biglietti potranno essere acquistati presso tutto il circuito nazionale Ticket One (www.ticketone.it) e a Siena, presso i seguenti punti vendita:

- Corsini Dischi, Piazza Matteotti, 5
- Sena, Sottopassaggio La Lizza
- Bar Rossano di Via Diaz 4, Poggibonsi

La Società invita i propri sostenitori a non partire per Parma prima di aver acquistato il biglietto e ricorda, inoltre, che per le disposizioni vigenti, i tagliandi del settore ospiti potranno essere acquistati fino alle ore 19,00 di sabato 17 ottobre.

 
12/10/09 00:00 | MACCARONE: "I 3 PUNTI PER DIMENTICARE IL RIGORE SBAGLIATO"
MACCARONE: "I 3 PUNTI PER DIMENTICARE IL RIGORE SBAGLIATO"

"Contro il Parma sarà una partita delicata che dobbiamo affrontare nella maniera giusta, ma sono sicuro che riusciremo a fare una buona prestazione anche perchè ultimamente non ci sta dicendo molto bene".

Massimo Maccarone commenta così l'inizio di stagione della Robur ai microfoni di "LaRoma.net"

a margine della partita di beneficienza giocata per il "Comitato Aurora".

Crisi di risultati più che di gioco, di questo ne è covinto anche l'attaccante bianconero: "In campo abbiamo fatto vedere sempre cose buonissime, la fortuna poi non ci ha aiutato visto che non demeritavamo in diverse partite che abbiamo perso. Quando la fortuna comincerà a sorriderci arriveranno anche i risultati".

Per big Mac c'è voglia di riscatto dopo l'errore dal dischetto di domenica scorsa:

"Ho voglia di cancellare questo episodio. Ho voglia di fare gol e di vincere con il Siena che è la cosa più importante e che eliminerebbe tanti problemi".

A Parma il Siena ritroverà da avverasario Galloppa:

"Con Daniele siamo rimasti amici, dopo tanti anni trascorsi insieme domenica giocheremo contro… Speriamo di batterlo e di prenderlo un po' in giro a fine gara (sorride n.d.r)".

Sulla salvezza Maccarone non ha dubbi:

"E' molto possibile, ne sono convinto". (Marco Montanari – laroma.net)

Fonte: Tuttomercatoweb

 

 
12/10/09 00:00 | VERGASSOLA: "SONO SICURO CHE CENTREREMO LA SALVEZZA"
VERGASSOLA: "SONO SICURO CHE CENTREREMO LA SALVEZZA"

 

"In questa stagione non siamo partiti molto bene, in un campionato dove

abbiamo incontrato qualche difficoltà all'inizio. Siamo consapevoli che c'è

molto da lavorare e che già domenica è una sfida importante. Ogni domenica

per noi i punti valgono tanto e per questo andremo a Parma per cercare di

fare la nostra partita. Proveremo a portare a casa un risultato

positivo".

Questo il pensiero di Simone Vergassola rilasciato in esclusiva a "LaRoma.net" al

termine della partita di beneficienza giocata per il "Comitato Aurora". Sul

campionato aggiunge: "La fortuna non ci ha aiutato. Anche domenica -

continua il capitano bianconero- abbiamo creato tre occasioni limpide, tra

cui un calcio di rigore, e non siamo riusciti a fare gol. Se avessimo vinto

contro il Livorno avremmo avuto qualche punto in più e la nostra classifica

non sarebbe così deficitaria."

Contro il Parma, quindi, sarà una partita importante per cercare di fare punti anche fuori dal Franchi:

"A Parma non sarà facile visto le buone prestazioni che stanno facendo e gli ottimi

giocatori che hanno tra cui il nostro ex compagno Daniele (Galloppa,

n.d.r.)".

Proprio su Galloppa, Vergassola spende parole di profonda stima:

"E' un ragazzo in gamba e un ottimo giocatore. Siamo stati insieme quasi

tre anni a Siena dove abbiamo centrato traguardi importanti. Questa estate è

andato in una nuova realtà dove si sta ritagliando il suo spazio alla

grande. Sono sicuro che in futuro potrà giocare in una grandissima squadra,

con le qualità tecniche e con la testa che ha può diventare un giocatore

importante del nostro campionato".

Sul campionato in corso il mediano della Robur conclude:

"E' ancora lungo, il cammino altrettanto e noi ce la metteremo tutta. Alla fine sono sicuro che raggiungeremo il nostro obiettivo che è la salvezza". (Marco Montanari – laroma.net)

Fonte: Tuttomercatoweb

 

 
12/10/09 00:00 | BUFFON KO? NESSUNA PAURA, MANNINGER È GIÀ CALDO!
BUFFON KO? NESSUNA PAURA, MANNINGER È GIÀ CALDO!

La notizia del problemi al ginocchio per Gigi Buffon ha scosso l'ambiente della Juve. Il portiere bianconero prima o poi dovrà operarsi, ma cercherà di stringere i denti il più possibile, almeno fino alla sfida con l'Inter del prossimo 5 dicembre. Solo il campo dirà se l'estremo difensore potrà disimpegnarsi al meglio nonostante un menisco lesionato, ma nel caso peggiore è già pronto un sostituto di sicuro affidamento, Alexander Manninger.

 

Già lo scorso anno l'austriaco aveva avuto il probante compito di sostituire il miglior portiere del mondo dopo i guai muscolari. Test superato a pieni voti, con 23 presenze di cui 16 in campionato, 2 in Coppa Italia e 5 in Champions League. Prestazioni di livello assoluto, soprattutto nei due match vinti contro il Real Madrid e una sola uscita a vuoto, con un errore vistoso su una punizione di Ledesma in un Lazio-Juve 1-1.

 

L'ex giocatore di Arsenal e Siena si sta allenando con la solita professionalità a Vinovo ed è prontissimo a dare il suo contributo nel caso che Gigi sia costretto ad alzare bandiera bianca.

 

Per amore della Juventus, che l'anno scorso gli ha dato la possibilità di un rilancio a livello internazionale, Manninger ha detto no alla nazionale austriaca, come ha ribadito sulle pagine del quotidiano 'Tuttosport': "Lavoro solo per la Juve. Per essere pronto quando servirà, senza intralci, con convocazioni che poi non necessariamente venivano seguite da un impegno sul campo. E allora basta, ho deciso così, anche perché non mi sentivo parte di un progetto. Sono orgoglioso di giocare con la maglia di una squadra che mi può consentire di vincere qual­cosa di importante".

Fonte: Goal.com

 

 
12/10/09 00:00 | GALLOPPA: “Giampaolo è l’allenatore che mi ha insegnato di più”
GALLOPPA: “Giampaolo è l’allenatore che mi ha insegnato di più”

Daniele Galloppa ha la faccia bella di chi si diverte. Pro­prio come i ragazzi del Parma ed è questo il segreto del piccolo, grande gruppo di Guidolin. Danie­le ha la faccia pulita di chi c’è rima­sto male, perché qualcuno non ha creduto in lui.
Se nemmeno la Roma punta sui giovani, bisogna andare per forza a giocare in provin­cia?
«È una verità. Il problema è enor­me, soprattutto a Roma, dove la società è anche in crisi e a maggior ragione dovrebbe puntare sul viva­io. Dopo il prestito, la comproprie­tà, sono stato io a rifiutare il rinno­vo: non mi sentivo parte del pro­getto. Rimpianti? No. In Italia non c’è mai tempo per aspetta­re un giovane. Come per Balo­telli. Manca l’equilibrio: oggi è un fenomeno, la settimana do­po un brocco. Ha 19 anni, biso­gna dargli tempo».
Com’è andata con l’Under 21?
«Con Gentile avevo trovato spa­zio, anche quando non giocavo tanto, con Casiraghi non più. È una scelta che rispetto ma non co­nosco il perché».
Però Lippi l’ha fatta debuttare in Nazionale.
«Ho trovato un gruppo incredibi­le, ma anche tanta umiltà. La cosa buffa è stata quando dovevo en­trare (il 6 giugno, Italia-Irlanda del Nord 3-0, ndr ), Lippi mi dice di giocare esterno. Io gli rispon­do: 'Mister, fammi stare in mez­zo'. E lui: 'Vabbè, gioca in mez­zo' ».
L’allenatore più importante?
«Tanti, ma Giampaolo è quello che mi ha insegnato di più».
Da chi prova a copiare qualco­sa?
«In verità non mi ispiro a nessu­no. Io voglio essere me stesso e ba­sta. Il mio segreto è l’allenamen­to. Poi, sì, mi piacciono Gerrard, Lampard, De Rossi, Pirlo. Ma io sono io».
I suoi genitori, Rita e Maurizio, la seguono ovunque. Ma i geni­tori troppo tifosi sono un pro­blema?
«Si, sono deleteri. Ho una fami­glia presente, ma che non mi ha mai spinto ad arrivare per forza, né mi ha mai elogiato troppo quando ho fatto bene. Per loro era normale. Per questo dovrò sempre ringraziarli, è una forma di educazione. Purtroppo essere un calciatore significa anche che molte persone ti girano intorno solo per questo».
Il giocatore che le ha dato i mi­gliori consigli?
«A Trieste, era il primo anno in cui ero fuori casa, William Pianu mi ha un po’ adottato. Poi tanti al­tri con il loro esempio».
Da Ghirardi a Guidolin, ha rice­vuto tanti complimenti e «sponsorizzazioni» per la Na­zionale. Esagerano?
«Mi fanno piacere, ma so che de­vo lavorare senza sentirmi mai ap­pagato. Altrimenti è facile perder­si. Il Mondiale? Beh, perché no? Sognare non costa niente».
Esageri lei ora: dove può arri­vare il Parma?
«Continuiamo a pensare solo alla salvezza. L’entusiasmo è tanto, l’ambiente è pazzesco. Ma non di­mentichiamo di essere una neo promossa. Iniziamo a salvarci, poi si vedrà».
E domenica c’è il Siena...
«Per me è una seconda casa, an­che a livello umano, con la gente, con la città. Sono stato a Siena lu­nedì e martedì scorsi a trovare i miei ex compagni. Sarà un
a parti­ta strana, particolare per me».

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
11/10/09 00:00 | Bianconere tradite dall’emozione. Sconfitte al “Franchi” dal Sezze (1-3)
Bianconere tradite dall’emozione. Sconfitte al “Franchi” dal Sezze (1-3)

ASD SIENA CF – UCF SEZZE: 1 - 3 (0 - 2)
SIENA CF: Dainelli, Pecorelli, Bianchini (37’ st Mundi), Pecchia (30’ st Marraccini), Saravalle, Frizza, Ballotti (1’ st Talanti), Catastini, Santacroce, Fambrini, Migliorini. A DISPOSIZIONE: Mazzola, Piazzini, Crescioli, Fiorilli. ALL: Bongi.
UCF SEZZE: Severino (12’ st Giammarco), Fusco, Tadloui (32’ st Pisa), Boccia, Duo’, Rizzato (37’ st Circio), Presutto, Colasuonno, Caccamo, Capponi, Corradini. A DISPOSIZIONE: Nessuna. ALL: Carconi.
ARBITRO: Sig. Maule di Grosseto; Assistenti: Sig.ra De Giuli di Valdarno e Sig.ra Pessina di Prato.
RETI: 20’ Colasuonno, 27’ Caccamo, 24’ st Frizza, 42’ st Corradini.
NOTE: Ammonite: 36’ Caccamo, 45’ st + 3 Colasuonno; Espulse: 3’ st Duo’ (fallo ultimo uomo): Calci d’angolo 7 a 3 per il Siena; Recupero 7’ (2’ + 5’).

SIENA – La splendida cornice creata dalla tribuna gremita dello stadio “Artemio Franchi – Montepaschi Arena” intimidisce le ragazze del Siena Calcio Femminile che, nella partita che segna l’esordio della società in serie A2, si fanno tradire dall’emozione. Le bianconere esprimono un calcio inferiore ai loro abituali livelli, concretizzano molto meno di quanto creano e si lasciano infilare tre volte dal Sezze che tira poco in porta e che, pur dimostrando buone individualità, non è certo una corazzata irraggiungibile. Il Sezze parte forte, approfittando di un iniziale sbandamento delle locali, e già al 20’ Colasuonno sfrutta bene un calcio d’angolo e, nella mischia, infila la porta di Dainelli. Le bianconere reagiscono, ma si imbattono nella sfortuna; un bel tiro di Migliorini si infrange sul portiere e per due volte Saravalle, di testa, non trova lo specchio. Al 27’ invece il raddoppio delle ospiti con Caccamo che, da trenta metri, trova un eurogol. Il Siena potrebbe accorciare le distanze, ma Fambrini calcia fuori di un soffio, poi Migliorini si allunga troppo il pallone e favorisce l’intervento di Severino. In avvio di ripresa l’episodio che potrebbe cambiare la partita; dopo soli tre minuti Duo’ si fa espellere per fallo da ultimo uomo sulla neo-entrata Talanti e, all’8, Severino deve abbandonare il campo per infortunio. Il Sezze – in mancanza del secondo portiere – è costretto a mandare tre i pali Caccamo ma, evidentemente, per il Siena non è giornata. Le bianconere ci credono, spingono, creano, ma solo al 40’ riescono a trovare il gol; Migliorini scende sulla destra e mette in mezzo un cross sul quale arriva con precisione Frizza che insacca di testa. Gli ultimi minuti di gioco sono un assalto senese alla porta del Sezze e, come spesso accade in questi casi, le ospiti trovano la terza rete in contropiede al 42’, quando Corradini pesca una palla vagante e, con un pallonetto, scavalca Dainelli. Un vero peccato, dunque; il risultato rovina una grande domenica di sport in cui il pubblico senese aveva risposto con grande entusiasmo alla chiamata del Siena Cacio Femminile. Ora le bianconere dovranno archiviare in fretta la brutta esperienza: domenica prossima – abbandonato il “Franchi”saranno di nuovo in campo, a Cerchiaia, per il terzo turno di Coppa Italia. Arriva il Firenze; quella sì, che è una corazzata. (Giulia Maestrini)   I RISULTATI: 1 GIORNATA ANDATA  

1 GIORNATA ANDATA

11/10/09 - ore 15,00

PROSSIMO TURNO

 01/11/10 - ore 14,30

ORISTANO – UPEA ORLANDIA 9

2 – 6

ARIETE CALCIO - SIENA CF

JESINA FEMM. - NAPOLI

0 – 3

NAPOLI - ORISTANO

GRIFO PERUGIA - PISA CF

5 – 0

FEMM. SEZZE - GRIFO PERUGIA

OLBIA CF - FIRENZE A.S.D.

2 – 2

FIRENZE A.S.D. - VIS FRANCAVILLA

SIENA CF – FEMM. SEZZE

1 – 3

PISA CF - JESINA FEMM.

VIS FRANCAVILLA - ARIETE CALCIO

8 – 2

UPEA ORLANDIA 9 - OLBIA CF

 LA CLASSIFICA: SERIE A2 GIRONE B

CLASSIFICA

PT

G

V

N

P

RF

RS

DR

VIS FRANCAVILLA FONTANA

3

1

1

0

0

8

2

+ 6

GRIFO PERUGIA

3

1

1

0

0

5

0

+ 5

CARPISA YAMAMAY NAPOLI

3

1

1

0

0

3

0

+ 3

FEMMINILE SEZZE

3

1

1

0

0

3

1

+ 2

UPEA ORLANDIA 9

3

1

1

0

0

6

2

- 4

FIRENZE ASD

1

1

0

1

0

2

2

=

OLBIA CALCIO FEMMINILE

1

1

0

1

0

2

2

=

SIENA CALCIO FEMMINILE

0

1

0

0

1

1

3

- 2

JESINA FEMMINILE

0

1

0

0

1

0

3

- 3

ALLSYSTEMSERVICE ORISTANO

0

1

0

0

1

2

6

- 4

PISA CALCIO FEMMINILE

0

1

0

0

1

0

5

- 5

ARIETE CALCIO

0

1

0

0

1

2

8

- 6

 

 
11/10/09 00:00 | Curci taglia il traguardo dei 100 tra i professionisti
Curci taglia il traguardo dei 100 tra i professionisti

Siena-Livorno ha segnato le 100 presenze tra i professionisti per Gianluca Curci. L'esordio fu proprio in un Roma-Siena di coppa Italia (19 novembre 2004), mentre quello nel massimo campionato risale al 19 dicembre 2004, nel match vinto contro il Parma con un secco 5-1.Questo il riepilogo delle gare disputate dal numero 85 bianconero:
Campionato: 68
Coppa Italia: 23
Coppa Uefa: 8
Champions League: 1

Fonte: www.gianlucacurci.it

 

 
10/10/09 00:00 | VERGASSOLA, MACCARONE E GALLOPPA PER IL COMITATO AURORA
VERGASSOLA, MACCARONE E GALLOPPA PER IL COMITATO AURORA

Domani, 11 Ottobre, presso la polisportiva Tirreno-Bufalotta, Via di Settebagni 340, si terrà una manifestazione per sostenere l’Associazione Comitato Aurora e la lotta contro l’Adrenoleucodistrofia. Ancora una volta, il protagonista sarà il Capitano dell’AC Siena Simone Vergassola, che si è reso disponibile per questo evento. Ma non solo lui. Altri volti noti del mondo dello Sport e dello Spettacolo sono attesi, per sostenere la lotta contro l’Adrenoleucodistrofia. Il bomber del Siena Massimo Maccarone, il centrocampista del Parma Daniele Galoppa, gli attori Primo Reggiani, Edoardo Leo e Billo, i cabarettisti Carmine Farmaco e Gianfranco Phino, saranno tra i protagonisti.
Il programma prevede una partita di beneficenza alle ore 14, che vedrà in campo la formazione del “Vergassola Team” costituita dagli amici dell’Associazione Comitato Aurora, contro la selezione “All Star Ebay” composta da ragazzi che hanno partecipato alle aste su Ebay pur di divenire protagonisti di questo momento di solidarietà.
Ma non c’è solo la partita. E’ previsto un incontro dei bambini della scuola calcio con i campioni della serie A, una riffa con in palio tanti oggetti memorabilia, e ancora animatori, giochi e tanto altro. Ovviamente importante sarà la presenza del pubblico e della stampa che potrà darci spazio per pubblicizzare l’evento. Come ogni manifestazione che realizziamo, diventa molto importante avere la gente attorno a noi. Il nostro obiettivo è rendere tutti partecipi e protagonisti, far passare qualche ora in serenità grandi e piccoli e, allo stesso tempo, sensibilizzare tutti sulle problematiche che incontrano quotidianamente i bimbi affetti da malattie genetiche rare e dalle loro famiglie. Quindi non potete mancare e vi aspettiamo in tanti per rendere questa giornata importante. Sarà un modo diverso per passare una domenica che ci vedrà tutti più liberi visto lo stop del campionato di calcio.

FONTE: www.comitatoaurora.com