News

06/11/19 22:38 | Ferrari: “Contento per il passaggio del turno e per il clean sheet”
Ferrari: “Contento per il passaggio del turno e per il clean sheet”

Seconda partita e seconda porta inviolata per Lorenzo Ferrari. “Prima di tutto sono contento per passaggio del turno, almeno abbiamo un’altra opportunità per giocare – dichiara il portiere bianconero – ma ovviamente i clean sheet danno sempre soddisfazione. Per questo devo ringraziare i compagni, che sono stati attenti a livello difensivo, si sono chiusi bene per poi ripartire. Il merito va condiviso con la squadra”. Ferrari torna indietro alla gara col Renate, dove “c’è il rammarico per il rigore, un errore grande ma gli arbitri sono umani e possono sbagliare. Dobbiamo essere più forti degli episodi e andare a prenderci i punti che ci hanno tolto”. E poi un consiglio a Confente, da estendere poi a tutta la rosa. “Deve continuare così, e dare il massimo ogni giorno, senza lasciare niente al caso, anche negli allenamenti. Con lui ho un rapporto molto buono, e pure i ragazzi della Berretti si impegnano sempre e mantengono alto il ritmo dell’allenamento”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 

 
06/11/19 22:38 | Polidori: “Con l’altro modulo avevo più occasioni, tocca a me risolvere il problema”
Polidori: “Con l’altro modulo avevo più occasioni, tocca a me risolvere il problema”

È tornato al gol, che mancava da oltre due mesi, Alessandro Polidori. L’ultima volta, in campionato, era il 1 settembre, in casa della Juventus U23. Poi una serie di gare a secco e le panchine, tre nelle ultime quattro di campionato, a vantaggio di Guidone. “Sono contento per il gol, continuerò a lavorare affinchè ne arrivino altri – dice l’attaccante viterbese - con l’altro modulo avevo più occasioni, adesso è diverso ma il problema dipende da me, le soluzioni devo trovarle io.

Ma sono tranquillo, sento la fiducia. È normale che quando non arrivano i gol manca sempre qualcosa”. La contentezza arriva anche per aver vinto “una partita importante e delicata, perché comunque è sempre un derby. Per di più in un campo pesante”. Alla domanda se preferisce al fianco una prima o una seconda punta, Polidori risponde che “mi trovo bene con tutti gli altri attaccanti, la mia caratteristica principale è l’attacco alla profondità, ma se devo fare la guerra per lottare sui palloni non c’è problema”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 

 
06/11/19 09:30 | Il programma completo dei sedicesimi della Coppa italia di serie C
Il programma completo dei sedicesimi della Coppa italia di serie C

Le partite di oggi
ore 15:00 Pro Vercelli Carpi
ore 15:00 Catanzaro Monopoli
ore 17:30 Monza Pro Patria
ore 18:30 Viterbese Teramo
ore 20:30 Padova Vicenza
ore 20:30 Juventus U23 Alessandria
ore 20:30 Ravenna Cesena
ore 20:30 Siena Arezzo
ore 20:30 Ternana Fermana
ore 20:30 Avellino Cavese
ore 20:30 Casertana Bisceglie
ore 20:30 Reggina Potenza

7 novembre
ore 20:00 FeralpiSalò-Lecco

13 novembre
ore 17:00 Triestina-Virtus Verona

20 novembre
ore 20:45 Catania-Sicula Leonzio

Fonte: Fol

 

 
06/11/19 09:01 | Coppa Italia-Le probabili formazioni di Siena-Arezzo
Coppa Italia-Le probabili formazioni di Siena-Arezzo

Siena (3-5-2) Ferrari; Romagnoli, Buschiazzo, Varga; Lombardo, Vassallo, Argento, Andreoli, Setola; Polidori, Ortolini. A disposizione: Confente, D’Ambrosio, Panizzi, Oukhadda, Migliorelli, Discepolo, Gerli, Serrotti, Cesarini, Campagnacci, D’Auria, Guidone. Allenatore: Alessandro Dal Canto
Arezzo (3-5-2) Pissardo; Nolan, Ceccarelli, Borghini; Piu, Benucci, Foglia, Raja, Corrado; Rolando, Mesina. A disposizione: Daga, Aramini, Mosti, Barbini, Luciani, Belloni, Caso, Sbarzella, Zini, Cheddira, Cutolo, Gori. Allenatore: Daniele Di Donato Arbitro: Francesco Meraviglia di Pistoia. (Luca Testi - Marco Lencioni).
Stadio: A. Franchi ore 20.30.
TV: www.elevensports.it
Live: www.sienaclubfedelissimi.it

Fonte: Fol

 

 
05/11/19 18:57 | Oltre 150 gli aretini in trasferta a Siena.
Oltre 150 gli aretini in trasferta a Siena.

Il derby, anche se di Coppa Italia, ha sempre il suo fascino. Saranno infatti 167 i tifosi amaranto nel settore ospiti.

Fonte: Fol

 

 
05/11/19 18:29 | Sono 23 i convocato dell'Arezzo per la trasferta di Coppa Italia a Siena
Sono 23 i convocato dell'Arezzo per la trasferta di Coppa Italia a Siena

L'allenatore Daniele Di Donato ha diramato la lista dei 23 convocati che prenderanno parte alla gara di Coppa Italia Siena-Arezzo in programma mercoledì 6 novembre alle ore 20:30.

Portieri
1 PISSARDO Marco 1998
22 DAGA Riccardo 2000

Difensori
2 MOSTI Luca 1998
4 NOLAN Ryan 1999
5 BORGHINI Diego 1997
13 CECCARELLI Luca 1983
16 LUCIANI Alessio 1990
17 BARBINI Marco 1998
19 CORRADO Niccolò 2000

Centrocampisti
8 FOGLIA Fabio 1989
15 SBARZELLA Adriano 1999
21 BENUCCI Massimiliano 1998
28 RAJA Gabriele 2000
    ARAMINI Riccardo 2000

Attaccanti
7 BELLONI Niccolò 1994
11 ZINI Andrea 1998
9 MESINA Antonio 1993
10 CUTOLO Aniello 1983
14 PIU Alessandro 1996
18 GORI Gabriele 1999
20 CASO Giuseppe 1998
23 ROLANDO Mattia 1992
30 CHEDDIRA Walid 1998


Fonte: Fol

 

 
05/11/19 17:33 | Le decisioni del giudice sportivo dopo la 13a giornata
Le decisioni del giudice sportivo dopo la 13a giornata

Il giudice sportivo in merito alle gare della 13a giornata del girone A ha multato con 1.500€ l'Arezzo perché propri sostenitori in campo avverso, durante la gara intonavano cori offensivi verso l'istituzione calcistica.
Squalifica per due giornate all'allenatore Filippi (Olbia)
Tre giornate di stop al giocatore Madonna (Giana Erminio), due a Sereni (Arezzo) e una gara Pissardo (Arezzo), Frabotta (Juventus U23), Murolo (Carrarese), Melgrati (Lecco), Scaglia (Monza).

Fonte: FOL

 

 
05/11/19 17:22 | Arezzo, Di Donato: “Giocare il derby miglior modo per sbollire la rabbia dopo Pontedera”
Arezzo, Di Donato: “Giocare il derby miglior modo per sbollire la rabbia dopo Pontedera”

Alla vigilia del derby di Coppa Italia l'allenatore Daniele Di Donato ha rilasciato alcune dichiarazioni al sito ufficiale della società amaranto.

Ripartiamo subito perché c’è una partita molto importante da giocare, un derby. E ci teniamo a passare il turno. Giocare è il miglior modo per sbollire la rabbia dopo Pontedera. C’è tanta rabbia perché dopo una prestazione del genere devi portare a casa punti. Domani ci sarà sicuramente un turnover perché è giusto che giochi chi fin qui ha trovato meno spazio. Questa però non significa che non ci teniamo a passare il turno, ci mancherebbe. Giocare con il Siena è sempre stimolante e ci teniamo a fare bene, anche nell’ottica della partita di domenica prossima con l’Olbia.”

Fonte: FOL


 

 

 
05/11/19 17:13 | I convocati del Siena per la partita di Coppa Italia con l'Arezzo
I convocati del Siena per la partita di Coppa Italia con l'Arezzo

L'allenatore Alessandro Dal Canto, al termine della seduta di rifinitura che si è tenuta questo pomeriggio all’Acquacalda, ha convocato 24 giocatori per la partita di domani in Coppa Italia con l’Arezzo. Proseguono nel lavoro differenziato Arrigoni, Baroni e Da Silva, si è allenato regolarmente Guberti che tornerà a disposizione per la sfida di domenica con il Gozzano.

Portieri: 
1 FERRARI Lorenzo 1996
22 CONFENTE Alessandro 1998
31 MARCOCCI Gianmaria 2002

Difensori:
3 MIGLIORELLI Lorenzo 1998
5 D'AMBROSIO Dario 1988
13 VARGA Atila 1996
14 ROMAGNOLI Mirko 1998

24 BUSCHIAZZO Fabrizio 1996
28 SETOLA Carmine 1999
26 PANIZZI Erik 1994

Centrocampisti: 
8 SERROTTI Matteo 1986
16 GERLI Fabio 1996
17 OUKHADDA Shady 1999
23 ANDREOLLI Nicola 1999
25 VASSALLO Francesco 1993
30 ARGENTO Giuseppe 1999
32 DISCEPOLO Alessandro 2002
33 LOMBARTO Mattia 1995

Attaccanti:
9 ORTOLINI Raffaele 1992
10 CESARINI Alessandro 1989
11 CAMPAGNACCI Alessio

18 POLIDORI Alessandro 1992
20 D'AURIA Gianluca 1996
27 GUIDONE Marco 1986

Fonte: FOL


 

 

 
05/11/19 15:08 | Dal Canto: Vogliamo passare il turno: 'facce nuove' e personalitĂ 
Dal Canto: Vogliamo passare il turno: 'facce nuove' e personalitĂ 

Riecco l’Arezzo. Questa volta per la Coppa Italia. Una sfida a cui la Robur, che l’allenatore bianconero Alessandro dal Canto cambierà “parecchio” negli uomini, tiene. E alla quale si presenta ad appena tre giorni dal pareggio in campionato con il Renate: una grande partita macchiata dall’erroraccio dell’arbitro Rutella. Che ancora brucia.

RENATE-SIENA. “Abbiamo giocato una buona gara, complicata, per il valore dell’avversario e per le condizioni del terreno di gioco. Eppure ricca di occasioni. La squadra ha fatto bene sotto il profilo del palleggio anche se difficoltoso, ha creato diverse situazioni, qualcuna clamorosa, qualcuna potenzialmente pericolosa. Avevo detto che non potevamo vincerle tutte in trasferta, ma c’è stato un episodio che avrebbe potuto allungare la striscia…”.

SI E’ VISTA PERSONALITA’. “Come canovaccio le nostre partite sono tutte molto simili. Siamo una squadra votata al palleggio, quando l’avversario ce lo consente a imporci. Non sapevamo che tipo di terreno avremmo trovato: era pesante ma non ci ha impedito di fraseggiare. Dopo 20 minuti di fasi alterne abbiamo preso campo e sicurezza. Ho detto alla squadra che deve sempre sapere adeguarsi a quello che trova. Già in B trovi squadre che tentano di fare quello che va per le loro caratteristiche. Poche lesinano su qualcosa. In C invece è diverso: affronti il Monza che viene dentro la tua area, un’altra squadra che rimane dentro la propria. Un giorno trovi il pantano, un altro un caldo della Madonna. Dobbiamo riuscire sempre a ad adeguarci a quello che offre la partita”.

I CAMBI RITARDATI. “Non avevo, dal campo, la sensazione che stessimo dominando così tanto da poter azzardare qualcosa di più: loro quando ripartivano davano il sentore di essere pericolosi. Non c’era la necessità di andare all’arma bianca. E il terreno di gioco non era adatto a giocatori di pura tecnica e brevilinei. Ci sono gare in cui hai la percezione di poter forzare per vincere, in altre no. E a conti fatti, soprattutto in campionati tanto equilibrati, anche un punto ha la sua importanza. Inoltre venivamo da una sconfitta in casa, meglio evitare di fare una frittata”.

SIENA-AREZZO. “Una partita importante che può farci andare avanti in Coppa Italia, una competizione che in caso di vittoria, può dare dei vantaggi ai play off. Un trofeo bello. Daremo spazio a chi ha giocato di meno perché è la soluzione più conveniente per tutti. E non ne sono preoccupato. L’Arezzo? E’ un derby, sì, ma resta una partita di calcio, come altre. Cercheremo di fare il meglio che possiamo. Loro sono una squadra di alto livello, l’ultima, con il Pontedera, hanno disputato una grande partita. Ho l’impressione che qualche valutazione sia sbagliata: se in una rosa ci sono giocatori come Luciani, Borghini, Foglia, Belloni, Caso, Cutulo, non mi sembra così disastrosa”.

LOMBARDO E IL CENTROCAMPO. “Rispetto a quando l’ho schierato un tempo con la Pro Vercelli ha guadagnato 10 giorni: un pezzo di partita la farà, se riusciamo dall’inizio è meglio. Poi nessuno pretende niente di clamoroso. Sì, è vero, gli esterni hanno tirato la carretta, qualche giocatore necessità di respirare. Anche in mezzo al campo. Poi domenica c’è un’altra partita importante”.

GUBERTI. “Faremo insieme una valutazione serena. E’ rientrato ieri dopo 40 giorni. L’ultima volta che ha ripreso si è subito fermato. E’ un giocatore importante, recuperato, ma vogliamo tenerlo integro perché possa darci una mano. D’Auria? Fondamentalmente è una punta. Può giocare da trequarti, da mezzala in qualche partita. Ma costringere un giocatore a fare un lavoro che lo penalizza no. Contro una difesa a tre è marginale il lavoro che farebbe da mezzala. Ma se l’Arezzo dovesse giocare a 4 rischio di farlo correre e fargli perdere lucidità”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fol

 

 
05/11/19 14:54 | Rutella tra i peggiori arbitri della 13a giornata. Pesa il rigore non dato.
Rutella tra i peggiori arbitri della 13a giornata. Pesa il rigore non dato.

Il giudizio di tuttoc.com su Daniele Rutella, terzo anno alla CAN C, conferma l'errore grossolano dell'arbitro siciliano in Renate-Siena.
“Indecisione fatale e gravissimo errore  del ddg all'82' quando fischia giustamente il fallo di mano commesso in area di rigore dal calciatore locale Damonte assegnando una punizione dal limite invece del penalty in favore degli ospiti. Evidenziamo che l'arbitro era molto vicino, sorge spontanea una domanda: come si può sbagliare in questo modo? “

Fonte. FOL

 

 
05/11/19 13:28 | Siena-Gozzano diretta da Vigile.
Siena-Gozzano diretta da Vigile.

La partita Siena-Gozzano, in programma domenica 10 novembre alle ore 17.30, sarà diretta da Mario Vigile della sezione di Cosenza. Gli assistenti saranno Francesco Valente e Francesco Rizzotto entrambi di Roma.
Vigile ha già diretto la Robur in Entella-Siena (0-0) della scorsa stagione.

Fonte: FOL


 

 

 
05/11/19 13:19 | Orario per attaccare gli striscioni prima di Siena-Arezzo di Coppa Italia.
Orario per attaccare gli striscioni prima di Siena-Arezzo di Coppa Italia.

Prima della partita di Coppa Italia Siena-Arezzo in programma mercoledì 27 6 novembre alle ore 20.30, i tifosi autorizzati potranno accedere allo stadio per attaccare gli striscioni dalle ore 16 alle 17. La società bianconera comunica che i cancelli dello stadio apriranno alle ore 19 e che dalle ore 18.30 saranno aperte le biglietterie del Sottopassaggio a La Lizza e quella adiacente la statua di Santa Caterina.

Fonte: FOL

 

 
05/11/19 13:15 | Serrotti nella top 11 della 13a giornata
Serrotti nella top 11 della 13a giornata

Il centrocampista bianconero Matteo Serrotti è stato inserito nella top 11 di tuttoc.com per la 13a giornata con queste motivazioni: “Porta dinamismo e inserimenti nel cuore del centrocampo bianconero. Guida le incursioni offensive”.

Fonte: FOL

 

 
04/11/19 19:08 | Siena bagnato e sfortunato, ma quanto pesa il rigore negato
Siena bagnato e sfortunato, ma quanto pesa il rigore negato

Diciamocelo apertamente: il pareggio scaturito col Renate sta stretto al Siena. A testimoniarlo la mole di occasioni create non capitalizzate quanto per errori propri quanto per altri fattori. Doveva e poteva essere più preciso Panizzi quando nel primo tempo svetta indisturbato su un calcio d'angolo spedendo alto, doveva essere più attento l'arbitro quando non concede inspiegabilmente il calcio di rigore. Già perché l'errore del direttore di gara pesa come un macigno nell'economia di un incontro che poteva essere sbloccato solo da un episodio. La sicurezza con cui decreta l'inesistente fallo dal limite lascia di stucco. L'amarezza e lo stupore nelle parole del DS Vaira e del tecnico Dal Canto a fine gara non sono che specchio di ciò. Nel pesante e zuppo terreno di gioco del 'Città di Meda' la Robur le prova tutte, ma finisce per sbattere contro i riflessi di Satalino e una squadra che ha pensato prima a non prenderle e poi a darle. Occasioni sporadiche quelle della compagine guidata di Aimo Diana, arrivate sfruttando qualche leggerezza o incomprensione nei bianconeri. Difatti Confente sporca i propri guantoni solo nel primo tempo, nella ripresa il nulla.

In terra brianzola si è visto un undici che, sebbene non con la solita velocità e qualità, ha fatto il suo gioco. Il che ci sta viste le precarie condizioni del manto erboso. Dando uno sguardo generale possiamo affermare che le idee e le scelte di Dal Canto stanno portando i propri frutti. Incluse quelle sulla gestione dei cambi, sulle quali ultimamente tanto si sta discutendo. Ieri avrebbe potuto operare prima qualche sostituzione, eppure D'Ambrosio e compagni stavano girando bene nonostante la stanchezza generale. In panchina le alternative erano poche, specie a centrocampo, e l'inserimento di elementi più di tecnica che di stazza non avrebbe portato agli effetti sperati. Così come detto in passato, la strada è quella giusta. Serve solo un pizzico di fortuna e applicazione in più. E che i direttori di gara sbaglino meno? Anche. E che non venga fuori qualcuno con la soliti frase fatta secondo cui “gli arbitri sono la scusa di chi perde”, perché certi errori non sono tollerabili. Né in Serie A né in Terza Categoria.

 

(Giacomo Principato)

Fonte: FOL - Foto: La Nazione

 

 
04/11/19 18:35 | Renate-Siena... da 1 a 10
Renate-Siena... da 1 a 10

La Robur impatta allo Stadio Città di Meda e porta a casa un punticino che muove la classifica. Quello contro il Renate è stato un match molto combattuto, che ha visto i bianconeri tenere il pallino del gioco praticamente per tutti i 90 minuti, ma i ragazzi di Diana sono risultati essere attenti e precisi nelle coperture difensive. Ospiti che ci hanno provato diverse volte nel primo tempo soprattutto con Cesarini e Panizzi, ma le pantere si sono difese alacremente e hanno provato a graffiare con alcune sortite senza esito positivo. Il campo pesante ha condizionato molto la manovra di due formazioni che, solitamente, lavorano il pallone con molta rapidità, muovendosi da un lato all'altro del campo con dinamismo. Nella ripresa monologo bianconero dal punto di vista del possesso palla, ma poca concretezza nei 25 metri finali, con Satalino quasi mai impegnato. A pochi istanti dal termine la traversa del centrale Damonte ha negato ai nerazzurri la possibilità di portare a casa l'intera posta in palio. Il Renate rimane dunque imbattuto in casa, così come il Siena lo è in trasferta.

Sono zero le reti subite da Confente nelle ultime cinque gare affrontate in trasferta dal Siena. Rendimento davvero incredibile del portiere classe 1998 che, lontano dal Franchi, ha subito solamente due goal, entrambi siglati dal portoghese (di origini lussemburghesi) Dany Mota Carvalho, centravanti della Juventus U23. La pesante eredità di Nikita Contini sembra essere in buone mani. L'ex Reggina ha fatto ottimi interventi nel primo tempo, ma è stato spettatore non pagante nella ripresa di ieri.

Con il risultato maturato in Brianza, la Robur ha centrato il primo pareggio esterno in campionato. Finora erano arrivate cinque vittorie in trasferta, ci sono voluti i brianzoli a fermare la grande marcia esterna dei bianconeri, che non perdono in trasferta dalla gara contro l'Albissola dello scorso campionato (3-2 a Chiavari).

Continua, nonostante la mancata vittoria, il buonissimo momento del Renate, che nelle ultime dieci partite giocate tra campionato e coppa Italia serie c, ha perso solamente in due occasioni.

Quello ottenuto contro il Siena, è il terzo pareggio consecutivo per i ragazzi di Aimo Diana. Il segno x era uscito anche nelle sfide con Novara (pareggio interno per 1-1) e Monza, dove Maritato e compagni sono riusciti a recuperare nei minuti di recupero uno svantaggio di due reti sul campo della capolista.

Negli ultimi dieci incontri giocati in trasferta (dobbiamo risalire dunque all'anno scorso, più precisamente al 10 marzo per la sfida contro la Pro Vercelli) il Siena ha pareggiato per ben quattro volte: tre nella scorsa stagione e una volta quest'anno.

Restando in tema pareggi, il Renate ne ha collezionati ben cinque in questa prima parte di stagione. I nerazzurri hanno perso, come l'Alessandria e il Pontedera, solamente in due occasioni.

Sei è invece il numero che rispecchia i successi di Siena e Renate in questo primo spezzone di torneo: rendimento totalmente opposto per le due squadre, con i toscani che hanno conquistato cinque delle sei vittorie totali in trasferta, mentre il Renate ha portato a casa 12 punti davanti ai propri tifosi.

Il Siena ieri ha battuto sette calci d'angolo, senza però riuscire a trarne vantaggio. I calci da fermo vanno sfruttati meglio, soprattutto in partite, come quella di ieri, condizionate dal campo pesante. 

Se il rendimento del Renate in casa è molto positivo, diverso è il discorso in trasferta, dove le pantere hanno conquistato otto punti (un terzo del totale) a fronte dei ventitrè complessivi.

Sono nove le reti siglate dalla Robur in trasferta: è una media niente male considerando che si sono giocati sei incontri. Notevole la capacità realizzativa dei ragazzi di Dal Canto, che trovano la via del goal con maggior facilità rispetto a quanto non riescano a fare in casa.

Nelle ultime venti partite giocate in trasferta dal Siena, sono stati dieci i pareggi ottenuti dai bianconeri, partendo dal match dello Speroni di Busto Arsizio contro la Pro Patria giocatosi quasi un anno fa, arrivando al pari di ieri sul campo del Renate.

(Niccolò Anfosso)

FONTE: FOL

Foto: La Nazione

 

 

 

 

 

 

 
04/11/19 15:50 | Ripresi gli allenamenti. Guberti disponibile.
Ripresi gli allenamenti. Guberti disponibile.

Sono ripresi questa mattina gli allenamenti della squadra in vista della partita di Coppa Italia Siena-Arezzo in programma mercoledì 6 novembre alle ore 20.30.
I giocatori impiegati ieri con il Renate dal primo minuto hanno effettuato una seduta di scarico in piscina, lavoro tecnico-tattico per il resto della squadra. Guberti è rientrato regolarmente in gruppo, lavoro differenziato per Arrigoni, Baroni e Da Silva. La squadra tornerà ad allenarsi domani pomeriggio con una seduta a porte chiuse.

Fonte: Fol
Foto: La Nazione-LaPresse
 

 

 
04/11/19 15:48 | L'analisi tecnica di Renate-Siena a cura di Francesco Guidarelli
L'analisi tecnica di Renate-Siena a cura di Francesco Guidarelli

Finisce a reti bianche l’incontro con il Renate, squadra rivelazione del campionato, al termine di una partita molto equilibrata e fortemente condizionata dal terreno di gioco, impregnato dall’acqua caduta in abbondanza.

La Robur ha schierato la migliore formazione possibile, al netto degli infortunati, con il rientro a tempo pieno di Vassallo in mezzo al campo e quello di Romagnoli in difesa senza cambiare i concetti base del gioco seppur con l’applicazione di qualche variante: la già vista inversione tra Oukhadda e Migliorelli con posizionamento più stabile del mancino a sostegno del centrocampo e linea difensiva a quattro.

Gli avversari hanno adottato un 3-5-2 molto abbottonato in fase di contenimento confidando sulle verticalizzazioni improvvise che hanno esaltato fino ad oggi le caratteristiche dei loro giocatori e consentito alla squadra di attestarsi al secondo posto.

La Robur ha sofferto un po’ nella fase iniziale a causa del terreno inzuppato che ha rallentato la fase di appoggio del pallone, rischiando anche di prendere un gol, ma soprattutto perché non è riuscita ad arginare adeguatamente la spinta sulla destra, spesso ad opera di Kabashi, che ha costretto Confente a dare il meglio sulle conclusioni avversarie.

Poi Dal Canto ha riequilibrato lo schieramento spostando Migliorelli a sinistra ed i bianconeri hanno condotto la gara in assoluta padronanza del gioco con la distribuzione iniziale della palla ad opera di un formidabile Gerli e la rifinitura affidata ad un Serrotti onnipresente ed in vena di proporre passaggi ficcanti per le punte.

La difficoltà nel controllo della palla in quel terreno imbevuto di pioggia non ha consentito a Cesarini di calciare in rete un invito in profondità, intercettato miracolosamente dal portiere, come pure in una precedente occasione quando la palla rinviata dall’estremo difensore si è fermata in una pozzanghera al limite dell’area.

E’ la Robur a fare la partita, seppur con un ritmo gioco forza adeguato al terreno, ma con continuità e con movimenti tra le linee avversarie che hanno portato i bianconeri a tentare conclusioni a rete, purtroppo senza esito, mostrando una buona preparazione tecnico-tattica dell’incontro. 

Gli ospiti sono rimasti abbottonati nella propria metà campo per non concedere spazio ai bianconeri, mostrando a più riprese ottime doti atletiche combinate, in alcuni di essi, con un buono spessore tecnico ma per un’ora non si sono neppure affacciati al limite dell’area senese, preoccupati prima di tutto di non prenderle.

Il Siena ha giocato in scioltezza e si è fatto apprezzare per l’autorità con cui ha tenuto il campo, è mancato l’acuto ma non per demerito proprio, ieri oltre che con gli avversari c’era da fare i conti con un terreno infame e ancora con le decisioni arbitrali. 

La partita si è snodata sul solito canovaccio anche nella ripresa, talvolta abbiamo visto giocate piacevoli ma per un verso o l’altro sono state in difetto tutte le conclusioni; Panizzi si è fatto apprezzare per la spinta offensiva offerta e per l’efficacia in copertura risultando tra i migliori ma più in alto di tutti bisogna collocare Gerli e Serrotti che hanno letteralmente dominato a centrocampo.

Il primo ha tessuto senza interruzioni la fase iniziale della manovra senese, il secondo si è sempre fatto trovare tra le linee avversarie obbligando spesso i nerazzurri a ripiegamenti affannosi che hanno limitato possibili ripartenze; insieme hanno recuperato una quantità industriale di palloni che ha sopito a lungo le velleità offensive del Renate.

Così si è arrivati al minuto 83’ quando il centrale renatese ha utilizzato un braccio per controllare il pallone, l’arbitro ha assegnato alla Robur un calcio di punizione dal limite lasciandoci a bocca aperta: decisione sbagliata, risultato determinato da errore.

La punizione non viene trasformata in gol e la Robur non vince.

Negli ultimi dieci minuti Dal canto ha messo in campo Ortolini e Polidori per dare peso in attacco ed anche gli avversari hanno armato la linea avanzata spostando in avanti il baricentro della squadra.

La Robur è costretta a chiudersi e difendere il pareggio, c’è coraggio e determinazione nei bianconeri che si salvano in due occasioni intercettando un tiro a centro area e avvalendosi dell’aiuto della traversa su un colpo di testa ma tutte situazioni nate da calci da fermo perché i renatesi non sono riusciti a proporre azioni manovrate.

Un punto che significa rimettersi in moto dopo l’ultimo schiaffo casalingo, ottenuto grazie ad una prestazione convincente che ci lascia ben sperare; la squadra è risultata compatta e determinata e gli interpreti hanno contribuito tutti al risultato.

Buono il rientro di Vassallo e Romagnoli, conferma per Panizzi, crescita significativa di Serrotti che consente a Gerli di rendere al meglio e Confente, del quale si parla poco ma si apprezza molto ciò che fa. 

Fonte: FOL - foto La Nazione

 
04/11/19 14:37 | Coppa Italia - Siena-Arezzo arbitra Meraviglia,
Coppa Italia - Siena-Arezzo arbitra Meraviglia,

La partita di Coppa Italia Arezzo-Siena, in programma mercoledì 6 novembre alle ore 20.30, sarà diretta da Francesco Meraviglia della sezione di Pistoia. Gli assistenti saranno Luca Testi di Livorno e Marco Lencioni di Lucca.

Fonte: FOL

 

 
04/11/19 14:11 | La prevendita per Siena-Arezzo di Coppa Italia
La prevendita per Siena-Arezzo di Coppa Italia

E' attiva la prevendita dei biglietti per la partita do Coppa Italia Siena-Arezzo in programma mercoledì 6 novembre alle ore 20.30.
La Gradinata Paolo De Luca resterà chiusa questi i prezzi per gli altri settori:

Curva Lorenzo Guasparri:
8 € Intero 
5 € Ridotto over 65/donne
2 € Ridotto under 18

Tribuna Danilo Nannini Laterale:
15€ Intero 
10€ Ridotto over 65/under 18/donne 

Tribuna Danilo Nannini Centrale:
15€ Intero 
10€ Ridotto over 65/under 18/donne 

Tribuna Danino Nannini d’Onore:
30€ Intero
20€ Ridotto over 65/under 18/donne 

Tribuna Danilo Nannini Excutive:
50€ Biglietto unico

Settore ospiti:
8 € Intero 

Online
https://www.ciaotickets.com/biglietti/robur-siena-arezzo
Per questo evento è abilitato il PRINT@HOME: stamperai il biglietto PDF già fiscalizzato con la tua stampante di casa/ufficio (è sufficiente una stampa in bianco e nero), e non sarà necessaria alcuna spedizione con corriere espresso, nè ritiro presso la cassa dell'evento ----- Presenterai direttamente all'ingresso il biglietto stampato su foglio A4, esibendo all'operatore il codice a barre in maniera ben visibile perchè possa essere smarcato con il lettore ottico.

I punti vendita Ciaotickets a Siena:
- Tabaccheria Chiasso Largo, via Rinaldini 7 - 0577282162
- Siena Club Fedelissimi , via Mencattelli 11 0577236677 (martedì dalle 21.30 alle 24e mercoledi dalle 18 alle 19.45)
- Mcm, Via Marzi 6 - 057745483
- Tabaccheria Narghilè, via Aretina 6 - 0577285307
- Tabaccheria Scacciapensieri, via Orlandi 65 - 0577334040
- Tabaccheria Cartoleria Carnasciali, via Duccio di Boninsegna 29 - 0577 42068
- Tabaccheria La Radica, via Simone Martini 24 – 0577286156
- Non Solo Edicola, via Dario Neri 2 - 0577349543
- Tabaccheria Gerace Francesco, Piazza Giacomo Matteotti, 15 – 0577270918
- Biglietteria Marvit - Piazza Antonio Gramsci - 0577228352

Fonte: Fol

 

 
04/11/19 14:05 | Monza in scioltezza, il Pontedera si conferma seconda forza. Prima vittoria per D'Agostino
Monza in scioltezza, il Pontedera si conferma seconda forza. Prima vittoria per D'Agostino

Finisce quasi inevitabilmente in parità la sfida tra la squadra con il miglior rendimento interno e quella col miglior rendimento esterno. Renate e Siena non si fanno male, e a Meda va in scena un pari (0-0) che fa contente le altre squadre.

Sprint – Solo le prime due però ne approfittano per prendere ulteriore margine dal resto delle avversarie. Il Monza fa il suo dovere e sbanca Crema all’inglese: la Pergolettese regge un tempo poi capitola per effetto delle reti di Iocolano e D’Errico. Seconda forza si conferma invece un sempre più lanciato Pontedera. I granata battono anche l’Arezzo grazie alle reti di Serena e De Cenco (di Gori il goal del momentaneo pareggio amaranto) e certificano il miglior avvio degli ultimi anni. A riavvicinarsi è anche l’Alessandria, vincente nell’anticipo del Sabato nel derby contro il Novara; Scazzola ringrazia Eusepi e torna a muovere la classifica dopo qualche gara sottotono.

Passo lento – Non ingrana la Carrarese che dopo aver espugnato Busto perde malamente in casa. I marmiferi si fanno sorprendere dal Lecco: i blucelesti tornano alla vittoria dopo sette giornate, finisce 0-2 con Giudici e D’Anna che regalano la prima gioia a D’Agostino. Frena anche la Juventus Under 23 fermata sul pari dalla Giana. Il solito Mota Carvalho illude Pecchia, a pochi minuti dal termine arriva infatti il pareggio di Cortesi. Finisce in parità anche il derby lombardo tra Como e Pro Patria, con il più classico dei risultati a occhiali.

Movimento – Pergolettese a parte, dietro fanno tutte punti. Inciampa solo la Pianese, che a Pistoia perde una buona occasione per tornare alla vittoria. All’olandesina è sufficiente il penalty di Stijepovic per avere la meglio degli uomini di Masi. Fondamentale anche il successo del Gozzano in chiave salvezza, dove i piemontesi si portano a casa l’intera posta contro l’Albinoleffe: al ‘D’Albertas’ i rossoblu fanno festa con Budkva e Bruzzaniti. Finisce in parità invece la sfida tra Olbia e Pro Vercelli. Le bianche casacche vanno in vantaggio con un autogol di La Rosa, poi i sardi sono bravi a recuperarla con Ogunseye; alla fine arriva un punto per ciascuna che però fa più contenti i piemontesi. (Jacopo Fanetti)

Foto: Facebook Calcio Lecco 1912

Fonte: Fol

 
04/11/19 12:36 | Precedente con l’arbitro Rutella: rigore negato in Albissola-Siena 2018-19
Precedente con l’arbitro Rutella: rigore negato in Albissola-Siena 2018-19

Il Siena alza la voce e lo fa affidando la sua rabbia all’allenatore Dal Canto e al DS Vaira. Il rigore non assegnato ai bianconeri è clamoroso e ancora non si capisce come l’arbitro, posizionato a tre metri e con la visuale libera, abbia valutato fuori area il fallo di mani volontario di Dametto. L’errore è evidente, anzi gli errori, perché fuori o dentro l’area, il giocatore del Renate doveva essere ammonito comunque. Non è la prima volta che il Siena subisce torti dal fischietto siciliano. Nella scorsa stagione, Daniele Rutella di Enna, arbitrò Albissola-Siena terminata 3-2 per i padroni di casa. Al minuto 82, con l’Albissola in vantaggio, Rutella assegna una punizione per fallo su Di Livio. Si incarica dell’esecuzione Aramu, il pallone viene respinto da Cisco e sulla ribattuta piomba Gerli che scarica un bolide verso la porta. La sfera viene intercettata con un braccio da un difensore in piena area di rigore, ma Rutella giudica involontario il fallo tra le proteste dei bianconeri. (nn)

Fonte: FOL

 
04/11/19 09:54 | Le pagelle di Renate-Robur Siena
Le pagelle di Renate-Robur Siena

Confente 6: quando chiamato in causa risponde sempre presente. Reattivo e sicuro come al solito. 

 

Romagnoli 6,5: torna titolare a distanza di tempo e lo fa con una prestazione positiva. Nel finale si rende protagonista con un ottimo anticipo che evita pericoli maggiori alla retroguardia.

 

D’Ambrosio 6: al centro della difesa a tre, il capitano si mostra tranquillo e sicuro. Prestazione ordinata e zero pericoli corsi sulla pressione avversaria. 

 

Panizzi 6: avanza spesso in avanti facendosi vedere prima mandando alto su un corner e poi scoccando un tiro dalla distanza a fil di palo. Nel primo tempo di un suo errore non ne approfitta al meglio Galuppini.

 

Migliorelli 6,5: il terreno inzuppato ne limita le capacità atletiche, ma per il resto lo scuola Atalanta è ottimo. Diversi cross e tanto movimento.

 

Serrotti 6: paga la stanchezza dei tanti impegni ravvicinati la mezzala che non ha il solito ritmo. Preciso nelle battute dei corner, si rende utile alla squadra.

 

Gerli 6,5: preciso, ordinato e tranquillo il metronomo bianconero che gestisce il gioco su un campo difficile. Nella prima frazione un suo illuminante lancio per Cesarini stava per rivelarsi decisivo.

 

Vassallo 6: rientra in campo dopo gli acciacchi delle scorse settimane. Il livello di condizione non è dei migliori e si vede, avrà modo di riprendere il giusto ritmo-partita.

 

Oukhadda 6: un colpo di testa facile per Satalino e non molto altro per l’ex Albissola che non incide più di tanto sull’economia della gara.

 

Cesarini 6: ogni volta che tocca palla su di lui si avventa sempre qualcuno. Ha dalla sua qualità e colpi di classe di alta scuola, ma su un campo impregnato d’acqua e con un avversario così non è semplice. (Dall’82’ Ortolini sv)

 

Guidone 6: può e deve fare di più. Sa tenere palla e offrire spunti ai compagni, ma deve migliorare sul piano delle conclusioni. Nel finale salva con la schiena una conclusione di Plescia. (Dall’82’ Polidori sv)

 

Un punto che, visto il campo difficile e l'avversario, ci sta. Se non fosse che diverse occasioni chiedano vendetta: una su tutte il mancato rigore concesso. Una scelta inspiegabile, soprattutto con l'arbitro a due passi ad osservare il tutto. Magari con quell'episodio sarebbe andata diversamente. Per il resto rimane una buonissima prova contro una squadra, il Renate, che dietro ha lasciato pochi spazi e davanti si fa vedere solo nei minuti iniziali e finali di gara. Il resto è tutto di marca bianconera. Nota dolente di giornata le condizioni di un terreno di gioco portato sulla via dell'impraticabilità dall'incessante pioggia.

 

(Giacomo Principato e Niccolo Anfosso)

Fonte: FOL - Foto: La Nazione

 

 
04/11/19 00:08 | La classifica marcatori dopo la 13a giornata
La classifica marcatori dopo la 13a giornata

7 reti:
Mota Carvalho (Juventus U23). 

6 reti: 
Cesarini (1, Siena), Infantino (Carrarese).

5 reti: 
De Cenco (Pontedera), Eusepi (Alessandria), Galuppini (Renate).

4 reti: 
Giorgione (Albinoleffe), Gabrielloni (Como), Chiarello (Alessandria), Udoh King (Pianese), Gori (Arezzo), Gucci (Pistoiese), Mastrianni (Pro Patria), Fedato (Gozzano), Guglielmotti (Renate), 

3 reti: 
Cutolo (Arezzo), Ogunseye (Olbia), Arrigoni (Siena), Ganze (Como), Stijepovic (Pistoiese), Finotto (Monza), Piana (Pontedera), Iovine (Como), Bortolussi (Nocara), Comi (Pro Vercelli), Olivieri (Juventus U23), Rinaldini (Pianese), Lanini (Juventus U23), Barba (Pontedera), Gelli (Albinoleffe), Cortesi (Giana Erminio), Arrighini (Alessandria), Tavano (Carrarese), Maritato (Renate).

Fonte: FOL

 

 
03/11/19 19:58 | La classifica dopo la 13a giornata
La classifica dopo la 13a giornata
SQUADRE   TOTALE
Pt G V N P F S
Monza 32 13 10 2 1 24 7
Pontedera 25 13 7 4 2 21 17
Alessandria 23 13 6 5 2 19 12
Renate 23 13 6 5 2 18 7
Carrarese 22 13 6 4 3 21 15
Siena 21 13 6 3 4 16 12
Juventus U23 20 13 5 5 3 16 17
Novara 19 13 5 4 4 12 9
Como 18 13 4 6 3 13 10
Pro Patria 17 13 4 5 4 15 15
Pro Vercelli 17 13 4 5 4 11 11
AlbinoLeffe 16 13 4 4 5 12 11
Pistoiese 16 13 3 7 3 14 13
Arezzo 14 13 3 5 5 14 16
Pianese 13 13 3 4 6 12 14
Gozzano 13 13 2 7 4 13 17
Olbia 11 13 2 5 6 14 22
Lecco 11 13 3 2 8 10 22
Giana Erminio 8 13 1 5 7 10 25
Pergolettese 5 13 0 5 8 4 17

 

 
03/11/19 19:51 | Vittoria in trasferta per Robur Siena Women
Vittoria in trasferta per Robur Siena Women

Nella terza giornata del Campionato femminile di Eccellenza Toscana la Robur Siena Women vince per 4-0 a Lucca contro la Libertas Academy. Le ragazze bianconere calano il poker con due reti per tempo e ottengono la seconda vittoria consecutiva.
Le reti, su un campo al limite della praticabilità, sono state realizzate da Toppi (doppietta), Tordini e Presentini.

Fonte: FOL


 


 

 

 
03/11/19 19:25 | Risultati e marcatori della 13a giornata
Risultati e marcatori della 13a giornata

Alessandra-Novara 1-0
Rete: 39' Eusepi (A).

Gozzano-Albinoleffe 2-0
Reti: 40' Bukva (G), 87' Bruzzaniti (G).

Olbia-Pro Vercelli 1-1
Reti: 44' La Rosa (PV), 51' Ogunseye (O).

Renate-Siena 0-0

Carrarese-Lecco 0-2
Rete: 39' Giudici (L), 92' D'Anna (L).

Como-Pro Patria 0-0

Giana-Erminio Juventus U23 1-1
Reti: 78' Mota (J), 89' Cortonesi (GE).

Pergolettese-Monza 0-2
Reti: 62' Iocolano (M), D'Errico (M).

Pistoiese-Pianese 1-0
Rete: Stijepovic' (P)

Pontedera-Arezzo 2-0
Reti: 29' Serena (P), 38' Mesina (A), 87' De Cenco (P)

Fonte: FOL


 

 

 
03/11/19 18:55 | Militari: “Il pareggio ci sta stretto”
Militari: “Il pareggio ci sta stretto”

Il calciatore del Renate Alessio Militari, entrato nel secondo tempo, ha parlato in sala stampa. Queste le sue dichiarazioni:

“Il Siena ha fatto più di noi in quanto a volume di gioco, però per le occasioni avute il pareggio ci può stare stretto. Siamo stati sfortunati, il campo pesante anche se ha retto bene non ci ha aiutato. Puntiamo a stare più in alto possibile, vogliamo vincere con chiunque. Personalmente mi sto trovando bene, l’infortunio è passato, speriamo di star bene tutto l’anno”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

 
03/11/19 18:47 | Diana: “Sprecate 5 palle gol, ma c’era un rigore per il Siena”
Diana: “Sprecate 5 palle gol, ma c’era un rigore per il Siena”

Aimo Diana, mister del Renate, ha parlato in sala stampa. Queste le sue dichiarazioni:

La gara – “Una partita difficile, anche per le condizioni climatiche, soprattutto per il nostro modo di giocare da dietro. Non siamo stati pulitissimi nel primo tempo e abbiamo fatto un po’ fatica, anche se poi conto 5 palle gol nostre. Dall’altra parte c’era forse un rigore per loro, un paio di situazioni dove abbiamo rischiato. Il Siena ha avuto un predominio nel palleggio”.

Soddisfatto a metà – “Abbiamo fatto una gara discreta, posso considerarmi felice. L’unica cosa è che abbiamo affrontato consecutivamente 4-5 squadre che sono costruite per vincere e non ne abbiamo vinta nemmeno una. Abbiamo fatto pareggi importanti, come col Monza e oggi, però quando hai cinque occasioni col Siena devi far gol, altrimenti lo puoi subire”.

Campionato – “Siamo a 23 punti, non dico che l’asticella si è alzata, ma aldilà del Monza ci sono buonissime squadre e possiamo starci anche noi. Te la puoi giocare con tutti”. (G.I.)

Fonte FOL

 

 
03/11/19 18:30 | Dal Canto: “Penalizzati dall’ennesimo errore arbitrale”
Dal Canto: “Penalizzati dall’ennesimo errore arbitrale”

Mister Dal Canto ha parlato a fine partita. Queste le sue dichiarazioni:

Il match – “Loro sono partiti con un paio di situazioni pericolose, ne abbiamo avute due anche noi con Cesarini. Abbiamo avuto il predominio del gioco su un campo difficile per il terreno di gioco e per il valore dell’avversari”.

Rigore – “Senza nulla togliere al Renate, siamo stati penalizzati dall’ennesimo errore arbitrale. Abbiamo una foto clamorosa del fallo di mano, involontario ma dentro l’area di un metro, che ha fatto Damonte. In C, dove regna un grande equilibrio, l’episodio condiziona. Ci hanno levato un gol buono con l’Arezzo e ne hanno dato uno a loro in fuorigioco, con la Carrarese non ci hanno dato un calcio di rigore e ci hanno annullato un gol buono. Incominciano ad essere un po’ troppi gli errori, sono punti che vanno pesando sulla classifica. Ho letto due giorni fa un’intervista di Pjanic che dice che l’arbitro non indirizza le partite. Invece le indirizza le partite. Può fare cose buone o errori come i calciatori, fa parte di una partita e l’errore suo può diventare un macigno. Come è successo oggi”.

Giocatori - “Non abbiamo grandi differenze tra chi gioca e non chi gioca, però sono pagato per fare delle scelte e alle volte penalizzo qualcuno. In 13 partite la squadra non ha mai sbagliato la prestazione, l’approccio e la gestione. Ci manca qualcosa nel cammino che abbiamo fatto, dobbiamo andarcelo a riprendere”.  

Cambi – “Le partite vivono di equilibrio, avevamo il predominio però il Renate dava l’impressione di essere sempre pericoloso. Per la tipologia di partita e per il terreno di gioco non era una gara in cui poter usare tanto fioretto. Avrei potuto mettere un altro cinghialotto davanti, però credo che serva equilibrio. Ci saranno partite in cui si potrà osare di più. Ho fatto due cambi e la traversa di Damonte è arrivata per un cambio di marcatura (prima lo marcava Guidone, poi Ortolini, ndr). A volte posso pure far danni”. (G.I.)

Fonte: FOL
Foto: La Nazione- LaPresse