Rassegna Stampa

08/09/19 10:02 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
08/09/19 10:02 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
07/09/19 11:55 | Calcioatalanta - Migliorelli, da Bergamo a Siena: “Sogno il ritorno, Barrow super”
Calcioatalanta - Migliorelli, da Bergamo a Siena: “Sogno il ritorno, Barrow super”

È un esterno sinistro, a quattro o a tre: “Ma il mio unico gol a livello Under 19 l’ho fatto di destro, all’incrocio, all’Inter, scambiando con Rilind Nivokazi. In effetti il gioco di Gian Piero Gasperini sarebbe adatto alle mie caratteristiche: è uno che esige tantissimo dai suoi giocatori, giusto per uno come me abituato a dare al 110 per cento”. Estate 2019, Lorenzo Migliorelli riparte l’avventura da atalantino in prestito al Siena: “Una città magica, che vive di contrade e di Palio. Ho preso casa a Rosia, qui vicino”. Estate 2017, il lavoro con la prima squadra e una manciata di amichevoli, tra cui quella del 12 agosto allo stadio col Venezia: “Allora in panchina c’era Pippo Inzaghi, io ci andai l’anno dopo con Stefano Vecchi. Sei mesi e poi Virtus Entella”.

MIGLIORELLI E BERGAMO. “Difficile un confronto tra Bergamo e Siena, anche perché a Bergamo non ci ho mai vissuto. Facevo la spola con Zingonia, in pulmino, da Castiglione delle Stiviere, casa mia – ricorda il difensore di fascia classe ’98 -. Passava anche da Brescia e provincia, quindi mi sono fatto tantissimi viaggi con Andrea Colpani. Ma come per tutti quelli che sono passati dal settore giovanile dell’Atalanta, il sogno, anzi l’obiettivo, è conquistare la prima squadra”.

MIGLIORELLI E GLI ALLENATORI. “Sono cresciuto nella FeralpiSalò, in nerazzurro ho fatto una stagione di Allievi con Sergio Porrini e tre di Primavera: due con Valter Bonacina e l’ultimo con Massimo Brambilla. Tutte brave persone e bravi maestri di calcio da cui imparare. Ora ho Alessandro Dal Canto, compagno all’AlbinoLeffe di Ivan Del Prato, papà di Enrico, altro mio compagno storico nella Primavera dell’Atalanta”.

MIGLIORELLI E LA C. “Scegliere di fare il calciatore di professione richiede lavoro e sacrifici, non ho certo paura di partire dal basso. Facciamo il rombo e sono titolare, abbiamo un presidente, Anna Durio, importante e autorevole: ce ne sono poche nel calcio, ci vuole coraggio. Lottiamo per accedere ai playoff per la B: situazione ideale per un giovane che vuole crescere passo dopo passo”.

MIGLIORELLI E BARROW. “Ho un ottimo ricordo di tutti i compagni di squadra e di tutti quelli che lavorano al Centro Sportivo Bortolotti. Anche dei giocatori della prima squadra, che mi hanno sempre dato una mano e buoni consigli. Musa Barrow, ai tempi della Primavera, era due spanne sopra chiunque, un attaccante fuori categoria. Sono contento che sia rimasto a Bergamo, potrà avere ulteriori occasioni per dimostrare il suo valore. Che è altissimo: si è già visto durante la sua prima mezza stagione”.

Fonte: calcioatalanta.it


 

 

 
07/09/19 11:50 | Gazzetta – Ghirelli: “Giovani e regole La C è una scuola di cittadinanza”
Gazzetta – Ghirelli: “Giovani e regole La C è una scuola di cittadinanza”

La chiacchierata inizia con una battuta, perché uno impiega una decina di secondi per capire che trattasi di persona estremamente ironica. L’ironia di chi sa stare al mondo, con la «presunzione» di migliorarlo, quel mondo.

Presidente Ghirelli, dieci mesi alla guida della Lega Pro. Riforme, battaglia per le regole, ricerca di risorse. Faticoso?
«Scusi, perché dieci? Io ricordo solo dal 5 maggio...». Sorrisino...

Ehm, come dal 5 maggio, era il 6 novembre 2018...
«Ma sì, il 5 maggio, l’inizio dei playoff di C, partite bellissime, il pallone al centro di tutto, gli stadi pieni. Mi sono divertito. Era il 5 maggio, sbaglio?».

Vabbé, apprezziamo l’ironia. Però c’è stato un lungo e sofferto pre-cinquemaggio. Fideiussioni fantasma, gironi monchi, squadre sparite...
«È stata una stagione complicata, soprattutto per quei presidenti che in C fanno sacrifici e le cose per bene. È stato compromesso l’equilibrio tra competizione sportiva, regolamenti, tribunali. Non ero ancora presidente ma non ho capito la ratio dei mancati ripescaggi e delle fideiussioni. Bastavano buon senso e rispetto delle regole».

Abbia pazienza, da decenni si dice che il problema è il rispetto delle regole. Poi puntualmente le regole vengono aggirate, modulate, interpretate. Abbiamo detto “basta”?
«Beh, datemi atto che abbiamo cambiato, con il presidente Figc Gravina, il corso delle cose. Primo: la riammissione dei club virtuosi è diventata regola, niente spazio a banditi e furbetti. Secondo: l’anno scorso oltre quaranta stadi erano fuori norma, quest’anno abbiamo impianti in regola, illuminazione adeguata, seggiolini per tutti e addirittura in plastica riciclata, vedi Pontedera. Significa rispetto per la gente. Terzo: stretta decisa sulle iscrizioni, con la documentazione da presentare in unica soluzione, non a puntate. Parola chiave: credibilità».

Oh, credibilità: infatti la gente è tornata allo stadio.
«La credibilità è decisiva. E poi c’è il cambio del regolamento sui giovani. Non si lavora più solo per valorizzare talenti di A e B. I nostri club prendono incentivi per formare giovani propri. È la mission della Serie C».

Eppoi il 5 maggio, giusto?
«Già, i playoff. Formula eccitante, 320mila biglietti venduti, stadi pieni. E aggiungo: nessun incidente e nessuna restrizione ai tifosi. Trapani-Catania, derby delicatissimo nei playoff: i tifosi catanesi, cui per buona parte del campionato era stato vietato di spostarsi, in tribuna. Tutto liscio, neanche un problema. E a Trieste? Finale col Pisa, ventimila persone, i presidenti in campo assieme. Questa è civiltà». 3Quanto vi aiuta avere Monza, Bari e Vicenza? Silvio Berlusconi, la famiglia De Laurentiis, Renzo Rosso... «Attraggono. Grandi piazze, per tacere di Catania, Modena, Cesena. Ma la cosa eccezionale sono i 12mila abbonati alla Ternana, il boom a Monopoli».

Perché le squadre B non decollano?
«Sarebbe un enorme trampolino per i giovani delle big. Eppure solo la Juve ha colto l’occasione. Però a luglio è venuto a trovarmi Joe Barone, braccio destro di Commisso alla Fiorentina. Mi ha detto: “Vogliamo fare la seconda squadra, ne beneficeremmo noi e l’Italia”.

Forse siamo sulla strada giusta. Come per il movimento femminile. Noi in C abbiamo un vicepresidente come la Capotondi, un proprietario come Anna Durio a Siena, e per cavalcare il boom del Mondiale in Francia lavoriamo tantissimo per aumentare le praticanti, al momento 25mila circa».

Avete bisogno di più soldi?
«Viviamo delle risorse della Legge Melandri sui diritti tv. E se facciamo formazione, e la facciamo, bisogna ragionare sulla ripartizione delle risorse. Ma andiamo oltre il calcio, perché la C è una scuola per tutti: giocatori, allenatori, cittadini. Per esempio abbiamo fatto un accordo con la Coldiretti, andiamo nelle scuole per parlare di educazione al cibo, ai prodotti genuini, al consumo sostenibile. Non è educazione civica questa? Noi siamo il reticolo sotterraneo del Paese. Ecco perché chiediamo la defiscalizzazione per i club. Il nuovo ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, sa che siamo la “Lega dei pulmini”, prendiamo i ragazzi e li portiamo al campo, li togliamo dalla strada. Ebbene la defiscalizzazione sarebbe un modo per aumentare le risorse: noi educhiamo. Educhiamo contro il razzismo, educhiamo all’inclusione, alla salute. La C è una scuola di cittadini».

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
07/09/19 11:50 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
07/09/19 11:49 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
06/09/19 09:42 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
06/09/19 09:41 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
05/09/19 12:49 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
05/09/19 12:48 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
04/09/19 11:03 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
04/09/19 11:02 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
03/09/19 09:36 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
03/09/19 09:36 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
02/09/19 09:58 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

Tutto entro le 22 di questa sera. Scatta il count down per il mercato di B, le ultime ore sono decisive per quasi tutti Il Chievo è a caccia di un terzino e il nome nuovo è Dickmann della Spal, in corsa c’è sempre anche De Col dello Spezia, l’ultimo nome è Casasola della Lazio. Il Cittadella tratta De Santis dell’Entella e Perticone della Salernitana. Il Benevento stringe la trattativa col Cosenza per D’Orazio. Affare in prospettiva per l’Ascoli, che ha preso Miguel Alcantara, difensore mancino classe 2000 del San Paolo a titolo definitivo per 400 mila euro più una percentuale sulla futura rivendita. 
Il Perugia ieri si è mosso andando ad Alessandria per Nicolussi Caviglia, talento della Juventus Under 23 che può essere un colpo dell’ultimo minuto; poche speranze per Falcinelli, che preferisce restare in A al Bologna. Lo Spezia ha annunciato il prestito di Ragusa dal Verona. Ufficiale all’Entella il prestito di Coulibaly dall’Udinese. Non si trova l’accordo per il passaggio di Deiola alla Cremonese, che non vorrebbe l’obbligo di riscatto in caso di A. In C infine la Reggina definisce due colpi: Blondett e Rivas.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
02/09/19 09:57 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
02/09/19 09:56 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
01/09/19 11:45 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
01/09/19 11:45 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
31/08/19 10:08 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C. Varga è del Carpi
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C. Varga è del Carpi

SERIE B L’Ascoli si regala esperienza e qualità con Simone Padoin (ex Cagliari). La Cremonese oggi annuncia Valzania (Atalanta, era a Frosinone) e cerca di limare i dettagli per Ceravolo (Parma), poi potrebbe avere un altro centrocampista (Gustafson, Deiola o altri). L’Entella ha in mano Coulibaly dell’Udinese (era a Carpi) e supera il Chievo per De Col (Spezia). Doppietta Livorno: il giovane Ruggiero ex Palermo e l’attaccante Sven Braken dal Nec, serie B olandese. Il Cosenza sta definendo Lazaar dal Newcastle, poi darà D’Orazio al Benevento. Il Frosinone, incassati i no da Matri e dalla Spal per Moncini, guarda all’estero. Falcinelli (Bologna) se scende in B andrà solo al Perugia, che ha ufficializzato Balic (Udinese) e cerca Nicolussi Caviglia (Juventus). Il Chievo s’è inserito nella corsa a Millico (Torino).

SERIE C Il Padova si regala una nuova punta: Pesenti (Pisa). Il Vicenza in mediana ingaggia Icardi (Entella). Crescenzi (Como) verso la Pro Vercelli. Il Gozzano riporta in Italia Maximiliano Uggè, nelle ultime stagioni in Lituania ed Estonia. Varga (Siena) è del Carpi. Al Piacenza va Borri, che la Juve Stabia aveva preso a Pontedera. L’Alessandria chiude per Cosenza (Lecce), il Rende per Nossa (ex Albissola) e il Francavilla per il ritorno di Puntoriere (Entella). Bis Catanzaro con Gondo (Lazio, era a Rieti) e Quaranta (Ascoli). Infine il Bisceglie: in arrivo il difensore Santiago Carrera (1994) dal Defensor Sporting (Uruguay).

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
31/08/19 10:07 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
31/08/19 10:07 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
30/08/19 11:52 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Rush finale e trattative frenetiche in serie B. Resta il rebus attaccanti. Con la Cremonese che può chiudere Ceravolo (Parma) nelle mire anche al Frosinone che tiene vive pure le soluzioni Matri (Sassuolo) e soprattutto Falcinelli (Bologna); quest’ultimo interessa molto anche al Perugia. Proprio gli umbri hanno definito dall’Udinese il prestito del centrocampista Balic (era al Fortuna Sittard). Per la difesa si tratta Dickmann della Spal, mentre Moscati è destinato al Trapani. A Cremona l’innesto a centrocampo sarà Valzania (Atalanta) che approderà da Rastelli in prestito secco. Vanno sistemati alcuni dettagli prima della firma. Il Pescara invece chiude una doppia operazione con l’Udinese: arrivano l’ala Ingellson e l’attaccante Bocic. Il Crotone piazza un bel colpo in difesa che si sposa bene con il modulo a tre voluto dal tecnico Stroppa: il d.s. Ursino ha infatti chiuso per il jolly Marrone che arriva in prestito dal Verona; con la stessa formula i calabresi hanno ceduto la punta Nanni al Monopoli. La Salernitana ufficializza dalla Fiorentina il difensore Pinto e presta alla Sambenedettese Carillo (proprietà Genoa). Il Cosenza ha preso Leandro Greco, centrocampista, svincolatosi dal Foggia.

SERIE C Diversi movimenti anche nella serie C. Il Padova acquista Buglio dall’Arezzo per il centrocampo, la Virtus Verona prende Di Paola dall’Entella, il Piacenza per la difesa rileva Milesi dalla Pro Vercelli, la Casertana annuncia l’arrivo del centrale Silva (Piacenza). Il Novara chiude Capanni dal Milan, Pinzauti dal Pontedera e prolunga il contratto a Sbraga fino al 2022. La Ternana tratta Crimi dall’Entella. A Ravenna giunge in prestito dal Monza il centrocampista Filippo Lora, Camilleri passa dalla Vibonese alla Pistoiese. A Siena arriva il terzino Panizzi dell’Alessandria, contratto annuale. Paganese vicina a Caetano (Flamrun), mentre Vigolo e Mirati passano dal Milan al Rende.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
30/08/19 10:38 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
30/08/19 10:38 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
29/08/19 08:29 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B La Cremonese ancora protagonista. I grigiorossi stanno per concludere altri colpi. Per l’attacco, la cessione di Montalto che passa al Venezia in prestito, apre all’ingaggio di Ceravolo (Parma) che piace anche al Frosinone; in alternativa le difficili piste di Paloschi e Moncini della Spal. Ma i lombardi hanno i fari accesi anche a centrocampo: in corso un ballottaggio tra Gustafson (Verona) (favorito al momento) e Valzania che arriverebbe in prestito dall’Atalanta. A Livorno va in prestito Antonino Ragusa (Verona). Il Benevento cerca i rinforzi chiesti da Inzaghi e sta per ingaggiare Basit, centrocampista dell’Arezzo, mentre per l’out sinistro continua il pressing per D’Orazio (Cosenza). La Juve Stabia invece ha ufficializzato Ricci, esterno difensivo del Parma in prestito con diritto di riscatto e contro riscatto, ed è ad un passo da Bifulco esterno del Napoli. Sempre molto attivo il Pescara che oggi chiude per l’ala svedese Ingelsson (Udinese), mentre l’altro obiettivo Matos dai friulani è diretto al Lucerna. Al lavoro anche il Crotone che studia l’accordo per il jolly Marrone e non molla Silvestre (svincolato, era ad Empoli). Il Cosenza sempre vicino a Buchel per il centrocampo, come terzino sinistro sonda Falasco (Perugia) in alternativa a Curcio (Brescia). Il Pordenone ufficializza il rinnovo dell’attaccante Ciurria fino al 2022 e il Venezia cede Strechie alla Dinamo Bucarest. La Salernitana prende il difensore Pinto (Fiorentina, era ad Arezzo). L’Ascoli vuole Leali (Perugia).

SERIE C Diverse le mosse del Vicenza: oggi la firma della punta Saraniti in prestito dal Lecce. In uscita c’è Curcio vicino all’Olbia, mentre Pasini interessa al Como. Il Bari rescinde con Feola. Il Bisceglie fa firmare un biennale a Mauro Estol, centrocampista (Racing Club Montevideo). La Pianese ufficializza Regoli della Pistoiese. Che prende Ferrarini in prestito dalla Fiorentina.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
29/08/19 08:28 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
29/08/19 08:28 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
28/08/19 10:15 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Tutti all’attacco per le rifiniture nei vari reparti. In difesa dove un bel colpo lo ha messo a segno il Pisa che ha prelevato Varnier in prestito dall’Atalanta. Si muove anche la Juve Stabia che si avvicina allo svincolato Garofalo, ex Venezia. La Salernitana invece spinge forte per Capuano (Frosinone) per il quale ci sono stati nuovi contatti. Mentre il Benevento per gli esterni ha chiesto D’Orazio al Cosenza. Passando agli attaccanti, diventa strategica la probabile partenza di Montalto dalla Cremonese, che farebbe partire un effetto domino. Il Venezia si è fatto sotto all’ex Ternana, superando Livorno e soprattutto Catanzaro che da giorni ha messo sul piatto un ricco biennale. Via Montalto, a Cremona il primo indiziato per sostituirlo è Ceravolo (Parma) seguito anche dal Frosinone che spera di convincere Matri (Sassuolo) o Falcinelli (Bologna). Al Pescara in prova l’esterno offensivo Keba Coly (Roma) era all’Ascoli. La Juve Stabia segue la punta Bonazzoli (Sampdoria) sul quale c’è ora anche lo Spezia, mentre il Pisa sprinta per Millico (Torino). L’Entella tratta Capezzi (Sampdoria). Il Perugia ha fatto un sondaggio con il Cagliari per Deiola, 24 anni, ma il primo obiettivo resta Scozzarella del Parma

SERIE C Un’accoglienza da star a Reggio Calabria per German Denis, ex attaccante di Atalanta e Napoli atteso da 200 tifosi festanti in aeroporto. Quindi El Tanque ha sostenuto le visite mediche prima di firmare il contratto biennale che lo legherà alla Reggina. Il Piacenza invece sta provando in tutti i modi a chiudere l’esperto difensore Cosenza (Lecce), mentre Tsonev può finire alla Casertana. Il Como ufficializza Bolchini (Arconatese), la Ternana invece ingaggia l’esterno Celli (Teramo) che firma un contratto annuale. Ufficiale il ritorno del difensore Costa (Benevento) alla Reggiana. La Viterbese, infine, tessera il centrocampista spagnolo Fran Alvarez, era svincolato.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
28/08/19 10:14 | Le prime pagine dei quotidiani locali