Napoli, tolti i due punti di penalizzazione

La notizia dell'appello? L'ho capita sentendo le urla di gioia dal Napoli Club di Mater Dei». Così Rosalba, una giovane tifosa azzurra, racconta la gioia con cui è stata accolta in città la notizia della restituzione dei due punti al Napoli e dell'annullamento della squalifica a Cannavaro e Grava. Una sentenza accolta come un gol, con esultanza nei Napoli club e nei bar dove da ore i tifosi erano in attesa della sentenza. Pochi invece i tifosi che hanno esultato in strada visto che la città è in queste ore sotto un forte temporale.

«E ora andiamo all'attacco della Juventus». Questa una delle frasi più lette sui social network subito dopo la sentenza che ha restituito al Napoli i due punti di penalizzazione e ha annullato la squalifica di Cannavaro e Grava. Il Napoli sale infatti a quota 42 punti in classifica, raggiungendo la Lazio al secondo posto a sole tre lunghezze dalla Juventus capolista e i tifosi, complici anche le tre vittorie consecutive ottenute dalla squadra di Mazzarri, tornano a credere nello scudetto. 

Tanti i commenti anche per Cannavaro e Grava che sono entrati nei dieci «trend topic» di Twitter Italia. Molti i complimenti ai due giocatori, ma anche le critiche da tifosi avversari: «Conte (23 testimonianze a favore), 4 mesi al TNAS Cannavaro e Grava (nessuna testimonianza a favore), assolti al primo ricorso», scrive infatti un utente di Twitter.

In metropolitana. La decisione della Corte di giustizia federale di annullare la penalizzazione di due punti al Napoli e di assolvereGianluca Grava e Paolo Cannavaro è stata diffusa, come riporta Radio Marte, anche dagli altoparlanti in alcune stazioni della linea 1 della metropolitana di Napoli.

«Il presidente ha risposto con un urlo liberatorio quando gli ho dato la notizia e poi ha voluto subito chiamare Mazzarri» ha dichiarato in serata l'avvocato del Napoli Mattia Grassani, intervistato da Kiss Kiss Napoli.  «Ho avuto il privilegio – ha raccontato il legale del Napoli – di avvisare io De Laurentiis visto che ho ricevuto il fax con la sentenza alcuni minuti prima che la notizia circolasse su internet. Il presidente ha esultato con un urlo. Poi ci ha tenuto a chiamare subito Mazzarri per dargli personalmente la notizia della restituzione dei due punti che l'allenatore aveva guadagnato in campo».  Grassani ha sottolineato anche che «la presenza di De Laurentiis all'udienza di oggi è stata importante, perché con il suo intervento ha fatto capire quanto ci tenesse e quanto pesasse un'ombra così infamante sulla correttezza della società da lui gestita».

È una gioia immensa sto ancora piangendo dalla commozione. È stato un mese terribile, un inferno. Ora è una liberazione». Sono le prime parole del capitano del Napoli, Paolo Cannavaro, sul twitter del club partenopeo , dopo la decisione della Corte di giustizia federale di annullare la penalizzazione di due punti al Napoli e di assolvere il capitano azzurro che era stato squalificato in primo giudizio a sei mesi e l'altro difensore del Napoli Gianluca Grava.

Cannavaro, prosciolto dalla Corte Figc dall'accusa di omessa denuncia per il caso calcioscommesse, ha voluto «ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino: dalla Società, per tutto ciò che ha fatto, al mister e ai compagni che mi hanno confortato tutti i giorni». «Quando ci siamo sentiti io e Paolo ci siamo messi a piangere dalla gioia», è invece stato il commento di Gianluca Grava alla sentenza di assoluzione. «È la fine di un incubo – ha aggiunto il calciatore – solo noi possiamo sapere quanto abbiamo sofferto e cosa abbiamo provato in questo mese». «Sembrava un incubo – ha concluso – dal quale non riuscivo più a svegliarmi. Provo una gioia immensa e sono felice che giustizia sia stata fatta». «Sono commosso, ti do la felicità di tutta la famiglia Cannavaro, siamo tutti in lacrime, si è tolta una grande macchia che ci stava facendo annegare. È la notizia più bella che può esistere nel mondo dello sport, per quello che ha dato la famiglia Cannavaro al calcio». Sono le parole di Pasquale Cannavaro, padre di Fabio e Paolo. «Ti parlo da Dubai con Fabio mio figlio. Era la cosa più bella che poteva succedere in questa serata, anche se dicono che il 17 porta sfortuna…», ha aggiunto papà Cannavaro.

La gioia di Grava. «Quando ci siamo sentiti con Paolo ci siamo messi a piangere dalla gioia. È la fine di un incubo». Sono le parole del difensore del Napoli, Gianluca Grava, sul twitter del club partenopeo, dopo la decisione della Corte di giustizia federale di annullare la penalizzazione di due punti al Napoli e di assolvere Grava e Cannavaro. «Sembravaun incubo dal quale non riuscivo più a svegliarmi. Provo una gioia immensa e sono felice che giustizia sia stata fatta».

«Innanzitutto sono contentissimo per Paolo e Gianluca, due ragazzi dai valori umani eccezionali. Hanno trascorso un Natale bruttissimo, vittime di una grande ingiustizia. E naturalmente sono felice per la classifica». Così Walter Mazzarri ha commentato sul sito della Società la sentenza della Corte Federale sul calcioscommesse. «Quei due punti – ha concluso Mazzarri – ce li siamo meritati sul campo e sarebbe stata un'altra grande ingiustizia se ci fossero stati sottratti».

Fonte: ilmattino.it