Morgia: Nocentini e Russo titolari, Siena merita la Lega Pro

In certe partite conta solo la testa, ed è su quella che ha lavorato mister Morgia in settimana. Per far smaltire ai suoi ragazzi la delusione e il dispiacere e perché a Massa “la Robur si prenda ciò che merita”. “Ciò che merita la squadra, la società e la città”. Conta la testa, i nomi arrivano dopo. E la pretattica ha il peso relativo: nella sua, di testa, il tecnico bianconero ha già fatto le sue scelte di formazione, tenendo conto delle squalifiche di Varutti e Riva. “Non ho sostituiti naturali né per Mickael, né per Riccardo e allora cambierò – ha ammesso -. Troverà spazio Nocentini, perché ha la personalità giusta per una gara come quella che ci aspetta. E per fare nostra la partita fin dal primo minuto mi giocherò la carta Russo”. Buone notizie anche da Viola. “Il dottore, dopo la risonanza cui è stato sottoposto – ha dichiarato il mister -, mi ha detto che è a disposizione. Vediamo, nel caso sarebbe un recupero importante”. E' da quanto di buono, comunque, fatto domenica che la Robur deve ripartire. “Ho rivisto Siena-Gavorrano almeno sette volte – ha commentato Morgia -, una di quelle partite che se le giochi 150 volte, 149 le vinci. Abbiamo creato tantissimo, loro tre tiri, tre gol. Si vede doveva andare così. Ma abbiamo voglia di prenderci ciò che ci spetta. Smaltite le scorie nei primi giorni, e c'erano, non lo nego, i ragazzi hanno ritrovato la giusta carica. Sappiamo che sarà dura a Massa, come sempre, noi dovremo giocare con organizzazione e temperamento”. “Vogliamo vincere anche per i nostri tifosi – ha chiuso l'allenatore della Robur -: mi dispiace che domenica scorsa siano passati per ciò che non sono. Che sul nervosismo del post partita sia stato montato un caso fuori luogo e irrispettoso nei confronti di una città che ha ben altre tradizioni. Il Franchi era pieno di bimbi, di donne e di famiglie, cosa che non vedevo dagli anni '80 e i nostri tifosi, su ogni campo, hanno sempre dimostrato attaccamento ed educazione. Se non ci fossero state dichiarazioni del tipo 'Vi roviniamo la festa'…”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line