Morgia: Andiamoci a prendere questo campionato

Sembra un sabato come tutti gli altri a Rosia: qualche bianconero fugge via dopo l'allenamento, qualche altro rimane fuori dagli spogliatoi con il cellulare in mano, qualche altro scherza con i compagni. Ma tutti sanno che non è un sabato come tutti gli altri. Lo sa il mister bianconero Massimo Morgia. “Se perdiamo – risponde alla provocazione -? Vinciamo a Massa. Ma non voglio neanche sentirle dire certe cose. Dobbiamo solo essere positivi. Il Lecce che già retrocesso fa perdere lo Scudetto alla Roma è un'eccezione alla regola. Di solito vince il più forte. E noi domani dobbiamo vincere. On settimana ho visto i ragazzi carichi, concentrati, attenti, entusiasti, consapevoli del campionato meraviglioso di cui si sono resi protagonisti e che domani hanno la possibilità di chiudere da campioni. Domani dobbiamo prendercelo questo campionato”. “Sappiamo bene che il Gavorrano si giocherà la sua partita – ha proseguito Morgia -. Ho letto le dichiarazioni di Nofri ed è giusto così. Hanno bisogno di un punto per la salvezza matematica. E in più sono una biona squadra con attaccanti di valore come Zizzari, Tarantino e Tranchitella. Ma se loro hanno tanti stimoli, noi ne abbiamo di più. Spero facciano la fine che al Franchi hanno fatto in tanti, a parte tre squadre. I ragazzi dovranno scendere in campo senza pressioni, liberi di testa, che non significa però con arroganza o presunzione. Dovranno essere calmi, anche se le cose dovessero mettersi male: una partita dura 90 minuti, farsi prendere dall'ansia sarebbe solo controproducente. Dalla nostra ci sarà un grande pubblico, che sarà tutto dalla nostra parte e aiuterà la Robur a tagliare il traguardo”. E, sulla scia di quanto accaduto durante tutta la stagione, ecco il forfait dell'ultima ora… “Redi purtroppo non sarà della partita – ha chiuso il mister -. Ha la tonsillite. Non sta in piedi oggi figuriamoci domani. Inutile portarlo. No, questo non significa che rinuncerò a Riva, voglio cambiare il meno possibile: nel ruolo di Nicholas in settimana ho provato Venuto. Ma non è al top, ha un piccolo problema al menisco. Le altre due possibilità sono Rascaroli e Varricchio. Sono certo che Andrea farà bene. E poi noi ci siamo abituati… Mi sarebbe piaciuto ci fossero tutti anche Russo o lo stesso Vergassola, ma è andata così. E poi alla fine, in una partita come quella di domani i nomi non contano. Conta la testa, conta solo vincere”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line