Mignani: “Domani ci vorrà un’impresa. Ma nessun sogno è proibito”

Un campionato sottotono, con molti giovani da valorizzare. E poi un “Viareggio” che non ti aspetti. La formazione di Michele Mignani vola ai quarti di finale del prestigios torneo giovnaile e domani, alle 15 a Sarzana, incontrerà il Genoa. Di uesta bella cavalcata ne abbiamo paralto proprio con il mister dei giovnai bianconeri, Michele Mignani.

Un Viareggio sicuramente positivo.
Senza dubbio. Stiamo facendo molto bene, forse al di la delle nostre aspettative. Ma guardando le gare che abbiamo fatto, ritengo che abbiamo tutte meritato di vincerle e siamo arrivati a giocarsi un’altra gare importante. Come allenatore sono contento perché il Viareggio è una vetrina prestigiosa, sia per me che per la squadra. Dai ragazzi ho avuto risposte importanti, da tutto il gruppo e dalla voglia che tutti i ragazzi hanno messo in campo. Adesso siamo sereni e felici di quanto fatto, speriamo di fare più strada possibile. Anche perché nessun sogno è proibito

Domani arriva il Genoa, che sfida vedremo?
Ci attende una gara tremenda sotto l’aspetto sportivo perché il Genoa ha valori importanti, sia nei singoli che nel collettivo e dovrebbe essere al completo. Inoltre è tra le prime in campionato e può contrare su giocatori che hanno già esordito in A..

La tua Robur come arriva a questa sfida?
Inutile negare che cominciamo a sentire la stanchezza: arriviamo da cinque gare in dieci giorni (il campionato due sabati fa, il girone eliminatorio al Viareggio e gli ottavi). Inoltre abbiamo due ragazzi con la nazionale, uno squalificato e un infortunato. Siamo chiamati a fare un’impresa, ma l’idea è quella di provarci.

Una domanda sulla Robur. Dopo la vittoria sulla Lazio si deve credere alla salvezza?
La vittoria di lunedì ha dato consapevolezza a tutto l’ambiente e ai ragazzi,. Adesso per me la Robur, per quanto dimostrato nelle ultime gare, è una squadra che se la può giocare con tutti.  Inutile però negare che la strada da percorrere è ancora tutta in salita, perché ci sono ancora  alcuni punti da recuperare e il Siena si può permettere di sbagliare molto meno delle dirette rivali. Però adesso l’idea deve essere quella di crederci fino in fondo, sarà un’impresa ma è giusto provare a farla. (Luca Casamonti)

Fonte: Fedelissimo Online