MEZZAROMA: L’ARBITRO? SEMMAI GLI ARBITRI, CE NE ERANO DUE…

Alberto Malesani non ha rilasciato dichiarazioni, in sala stampa si è presentato il presidente.

Massimo Mezzaroma: “Porto rispetto per un mestiere difficile e complicato come quello dell’arbitro e con tutto il rispetto per essere l’ultimo arrivato in questo mondo non mi piace il sistema. Oggi in campo ho visto due arbitri: sul fallo di Ghezzal Giannoccaro è stato eccezionale, lo ha notato da quaranta metri di distanza, poi me lo sono perso, mah… forse è subentrato il suo gemello. Chiariamo: non abbiamo non vinto per colpa sua. Ma oggi a Siena ho visto tanti napoletani che hanno passeggiato, mangiato, vissuto senza l’incubo di essere aggrediti o senza sentire cori razzisti. Mi dispiace che ora questo clima sia stato macchiato da un direttore di gara che ha sbagliato nelle piccole cose, in fondo le più importanti, prendendo decisioni a senso unico. Decisioni che ti fanno sentire piccolo. Siena è un patrimonio del calcio italiano: attenzione, il Siena in B, per la serie A sarebbe una grandissima perdita, spero di non vedere più simili arbitraggi. Non è necessario aiutare le grandi corazzate e far cadere a picco noi. Se hanno influito le parole di De Laurentiis? Sarebbe quanto di più meschino esiste nel genere umano. Gli arbitri sono uomini e non possono lasciarsi pressare dalle parole di un presidente. Ho rispetto per la classe e non credo serva star lì a insistere ogni settimana.
Un aspetto positivo della partita di oggi è sicuramente il non aver preso gol, come a Verona. I nuovi innesti si stanno integrando. Credo che l’immagine di questa squadra sia stato oggi Aleandro Rosi che ha dimostrato quanta voglia di lottare ci sia. I ragazzi mi hanno dato grande soddisfazione, Alberto ha trovato il modo per far giocare bene la squadra. Domenica a Livorno in campo voglio vedere la voglia di oggi raddoppiata. Non sarà l’ultima spiaggia, ma è una partita che vale doppio. Ci vorrà convinzione, la vittoria potrebbe essere un passaggio ulteriore verso il sogno. Ai ragazzi chiedo il sangue, di macchiare di sangue le loro maglie”.

Fonte: Fedelissimo Online