MEDIASET: STRONATI DICE IL FALSO

Lombardi Stronati parla ma non sa cosa dice. Leggendo La Gazzetta dello Sport, ci siamo imbattuti in una intervista del presidente del Siena. Furioso con l’arbitro, che mercoledì sera aveva decretato il rigore decisivo nella partita contro il Milan, aggiunge: “Ma ancora più fastidioso è stato il comportamento di Mediaset: hanno completamnete oscurato l’errore. A Studio Sport non hanno mandato in onda l’intervista al nostro allenatore Giampaolo. (…) Capisco che a Mediaset qualcuno voglia ingraziarsi il padrone, ma io, al posto di Berlusconi non sarei soddisfatto“.

I nostri legali valuteranno se le dichiarazioni di Lombardi Stronati potranno essere giudicate in altre sedi; in attesa diamo a tutti la possibilità di giudicarle per quello che sono: una spudorata menzogna, un’invenzione bella e buona, un attacco gratuito e vile. Come? Guardate le registrazioni di Controcampo di mercoledì sera dove, a partire da Casarin, c’è un’unanime ammissione che il rigore concesso al Milan era inesistente. Poi guardate la registrazione di Studio Sport del giorno dopo, edizione di punta delle 13, dove, nel servizio sulla partita, l’allenatore del Siena Giampaolo dice che gli dispiace perdere la partita così, con un rigore inventato.

Le due accuse del presidente del Siena non sono oggetto di discussione: si può discutere su un’idea, si può sostenere un’opinione, ma non si può negare l’evidenza delle prove. Quello che ha detto Lombardi Stronati è falso: Studio Sport e Controcampo non hanno oscurato alcunchè e le registrazioni sono a disposizione di tutti.

Il minimo che ci aspettiamo da questo signore sono le scuse. Il suo è stato un attacco ingiustificato. Se la sua squadra ha perso contro il Milan e l’arbitro ha sbagliato, mandi una lettera al presidente dell’Aia (non si potrebbe ma questi sono dettagli…). E soprattutto, prima di sproloquiare, si documenti. (Nicola Calathopoulos)
Fonte: sportmediaset