Materazzi-Matrix: la maschera di Berlusconi e il Far West con Cirillo

Marco Materazzi ha festeggiato la vittoria nel derby di domenica sera indossando una maschera del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

 

Ora, proprio per quel gesto, il giudice sportivo gli ha inflitto un’ammonizione. Se l’è cavata con poco, il difensore dell’Inter, campione del Mondo con l’Italia di Lippi e ora finito ai margini dell’Inter di Mourinho.

 

Un calciatore sempre  sopra le righe, Materazzi, cresciuto a Roma nelle giovanili del Tor di Quinto e affermatosi presto nel calcio che conta.

 

Vanta anche un’esperienza in Inghilterra con la maglia dell’Everton, con un bilancio di 27 presenze, un gol e quattro espulsioni.

 

Un ragazzo di temperamento, che in più di un’occasione ha pagato con la squalifica reazioni a volte spropositate. Come quando venne alle mani con il difensore del Siena, Cirillo. La resa dei conti, da far-west, andò in scena nel tunnel di San Siro e Matrix pagò quel gestaccio con otto giornate di squalifica.

 

Se viene provocato, risponde, ma succede anche il contrario. Come durante la finale del Mondiale del 2006 in Germania, quando il francese Zidane lo mise ko con una testata in pieno petto.

 

Un anno dopo, in un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni, l’interista spiegò cosa realmente accadde: Zidane, infastidito dalla stretta marcatura del difensore italiano, avrebbe chiesto a Materazzi se volesse la sua maglietta e, nel caso, di aspettare la fine dell’incontro. Lapidaria la risposta dell’interista: «Preferisco la put..na di tua sorella ».

 

Nel 2007 ha pubblicato un’autobiografia dal titolo eloquente: Una vita da guerriero. Due anni dopo querelò la produzione della serie tv (L’ispettore Coliandro) per una battuta ritenuta lesiva nei suoi confronti. Chiese un risarcimento danni pari a un euro per ogni spettatore della puntata. La frase incriminata era: “Quel bastardo di Materazzi si è fatto espellere pure sta domenica, e ho perso al fantacalcio”.

 

C’è chi lo ama e chi lo odia. Come un gruppo nato su facebook che non lascia nulla all’immaginazione: quelli che odiano Materazzi

fonte: Blitzquotidiano