Malotti: “Avevamo controllato bene il Siena, sofferto solo sulle palle da fermo”

Nel post-gara è intervenuto anche il tecnico del Montevarchi, Roberto Malotti. Queste le sue impressioni:

Partita – “Quello dei gol subiti in apertura purtroppo è un ritornello che si ripete spesso. Contro Pontedera ed Entella avevamo grossissime attenuanti, perché eravamo andati a giocare con solo un allenamento sulle gambe. Oggi visto il solito Montevarchi, che crea tantissimo e a tratti ha la superiorità territoriale sull’avversario ma poi subisce gol evitabilissimi. Quel contropiede improponibile ci è costato la partita”.

Complimenti – “La sorte non gira nemmeno dalla nostra parte, mi auguro che in tempi migliori a noi capiti di fare gol sbucciando un tiro e che la squadra avversaria non segni mai pur creando tantissimo. Si viene via con tanti complimenti ma prendiamo gol troppo mediocri. Tolte le due prestazioni a cui mi riferivo prima, siamo sempre usciti tra i complimenti. Difficilmente sbagliamo la prestazione, purtroppo anche la giovane età e la differenza di categoria possiamo un po’ pagarle. Però è da inizio che lo diciamo, quindi qualcosa va cambiato”.

Atteggiamento – “Oggi abbiamo subito solo su palla da fermo, per una squadra che deve rimontare nel risultato ci sta di prendere qualche ripartenza. Per cambiare rotta qualcosa di diverso va fatto, abbiamo bisogno di punti per tirarsi fuori da questa situazione. Sia con quelle con cui dobbiamo lottarci la salvezza, sia con quelle di medio-alta classifica. L’atteggiamento di oggi fa ben sperare”.

Siena – “L’arrivo di Padalino ha organizzato e ha ridato una mentalità combattiva alla squadra, ma dalla panchina non l’ho mai visto così in grado di impensierirci più di tanto. Se non sulle palle da fermo, dove sono veramente bravi. È chiaro che vedere il Siena oggi rispetto a quello di prima dà l’idea di una squadra diversa, ma onestamente oggi l’avevamo controllato benissimo”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol