Magrini: “Non molliamo niente. Cavallari torna titolare”

Dopo un lungo periodo di assenza dovuto alla squalifica rimediata alle Due Strade contro la Rondinella, è tornato a parlare mister Lamberto Magrini e lo ha fatto nella conferenza stampa di presentazione del testacoda in programma al “Berni” domani, quando la Robur affronterà il Pontassieve. “Da fuori le sensazioni sono state le stesse sensazioni della panchina – esordisce il tecnico bianconero – perché spesso ero in prossimità del campo, però comandare la partita da dentro è sempre un vantaggio. Fortunatamente abbiamo superato bene questo disagio, ma non avevo dubbi perché Gill è un ragazzo preparato che segue quotidianamente ogni allenamento nel migliore dei modi”.

A Badesse arriva il fanalino di coda, ma sono vietati i cali di concentrazione: “Domenica ho lasciato la famiglia da Perugia e sono andato a vedere la partita a Pontassieve, questo per far capire che non molliamo nulla. Loro hanno cambiato allenatore e sistema di gioco, bisognerà stare concentrati. Ci siamo allenati una settimana piena, con carichi di lavoro importanti fino a giovedì, mentre ieri e oggi sono stati di scarico. Oggi nel calcio tra prima e ultima non c’è differenza se non si interpretano bene le partite”. Nessuna novità dall’infermeria: “La condizione è buona, tranne Ivan e Cristiani sono tutti a disposizione. Avevo paura per Boccardi dopo l’uscita di sabato, ma si è rivelato solo un affaticamento, che ha smaltito in settimana. Perché non Ricciardo? Sono sempre molto onesto. Quando ho visto uscire Boccardi ho pensato subito a Ricciardo in prospettiva di questa domenica. Preferisco Filippo dall’inizio perché si muove di più e attacca maggiormente la profondità. Sono due giocatori diversi, Giovanni ci aiuta di più nella manovra. Comunque resta quello con la migliore media gol per minuti giocati. Tutti sono fondamentali per capacità tecnico-tattiche, per questo spero di averli sempre a disposizione”.

Poche le novità di formazione: “Rientra Cavallari in difesa al fianco di Achy. Emmanuel è quello che nel girone di ritorno ha il minutaggio più alto e in queste 5-6 gare ha fatto sempre bene. Biancon si è comportato altrettanto bene ma il Pontassieve ha giocatori più veloci, per cui preferisco uno con le caratteristiche di Achy”.

Il tecnico bianconero commenta brevemente anche la vicenda stadio. “Ci dispiace, dentro di noi c’è la speranza che il Comune prenda una decisione netta, ma vedo che non la pensa come noi. Sicuramente se non lo fa avrà i suoi motivi, perché avrebbe tutti i requisiti per rientrarne in possesso essendo un campo abbandonato. Non poter utilizzare lo stadio è un disagio in primis per le persone di Siena che hanno difficoltà a muoversi – sottolinea Magrini – ma anche per la nostra società. Lo è anche per noi che non possiamo giocare in un bel campo, un terreno come Badesse avvantaggia l’avversario che viene a difendersi. Inizialmente si pensava di poterci tornare a dicembre, ma vedo che è sfumato tutto anche se la speranza è l’ultima a morire”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol