MACCARONE: SICURO CHE DOMENICA I NOSTRI TIFOSI CI INCITERANNO

E’ la prima volta da quando è in bianconero, che Massimo Maccarone si trova ad affrontare una situazione di questo genere. Da quando il Siena milita in serie A, neanche ai tempi di Mandorlini, i tifosi della Robur avevano manifestato con tanta fermezza il proprio disappunto, tanto da presentarsi al campo di allenamento e inveire contro chi considerano i responsabili di un inizio di stagione nero. “E’ un momento difficile – dice l’attaccante –, quello che è successo martedì ci dispiace, anche se i tifosi sono liberi di fare ciò che vogliono. Verso noi giocatori non hanno contestato, ma se la sono presa con il mister che fa, comunque, parte della squadra. Io sono due volte dispiaciuto, mi sento responsabile per la partita di Livorno: quell’incontro dimostra come le colpe siano anche di noi giocatori che scendiamo in campo”. “Allenarci con persone che urlano – aggiunge Big Mac –, un po’ di timore ce lo trasmette. Negli ultimi due giorni, comunque, abbiamo lavorato bene, preparando la sfida di domenica al meglio. La Juventus è una grande squadra e per noi sarà una gara difficile. Ma lo sarà anche per loro: mercoledì hanno vinto in Champions, ma hanno anche subito tanto. Di punti deboli ne hanno. Noi usciremo dagli spogliatoi con la cattiveria giusta e determinati a fare risultato: è di quello che abbiamo bisogno in questo momento”. Con la speranza di ricevere per novanta minuti l’incitamento del “Franchi” sponda Robur. “Spero, anzi sono sicuro che tutti domenica, ci tiferanno per novanta minuti – afferma Maccarone –. Confido nella loro intelligenza. Alla fine, poi, saranno liberi di dire qualunque cosa vorranno a chiunque. In tutte queste partite, comunque, l’impegno della squadra non è mai mancato, è solo un periodo negativo dal qual vogliamo venire fuori al più presto”. Il presidente Giovanni Lombardi Stronati si è avvicinato molto alla squadra ultimamente… “Sì, in questi ultime settimane è stato al campo a seguire gli allenamenti – conferma il bianconero –, sta facendo vedere che è presente e per noi, questo, è una spinta in più. Lui comanda tutto, è la punta dell’iceberg, ed è importante che venga: la sua presenza è un piacere e uno stimolo”. Contro la Juventus è possibile che Giampaolo adotti un sistema di gioco diverso rispetto a quello delle ultime uscite. “Sul fatto che non sia importante con quale modulo giochiamo, ma con quanta cattiveria affrontiamo gli avversari – sottolinea l’attaccante –, sono in perfetta linea con il mister. Qualsiasi modulo, senza la determinazione, è inefficace: serve il giusto approccio. Nel 4-1-4-1, già utilizzato a Napoli, come unica punta, mi trovo bene. Starà a lui la scelta”. “Fisicamente sto benissimo – conclude Maccarone –, non ho mai avuto questa forma a inizio stagione. Sto lavorando duro per mantenerla. Se mi sento carico di responsabilità? E’ normale: sono uno dei giocatori che sta a Siena da più anni e che ha più esperienza. E’ importante che questa esperienza venga trasmessa ai giovani. Sono tutti ragazzi intelligenti, che hanno voglia di fare e dimostrare. Nelle prossime partite faremo grandi cose”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line