Lo Scivolone

 

La ROBUR non riesce ad inanellare sua la quarta vittoria consecutiva ed è costretta a cedere i tre punti all’odiosa squadra novarese che si impone per 2 reti a zero.

Buon primo tempo di marca bianconera con un super BRIENZA (VOTO 7) che trottola come un matto sulla fascia sinistra creando non pochi grattacapi agli spaesati difensori ospiti.

Un NOVARA chiuso ermeticamente riesce a districarsi alla meglio per poi provare a colpire in contropiede: un colpo lento di MASCARA (VOTO 5 per la bruttezza) a due passi dalla porta fa tremare le gambe ai tifosi bianconeri ma SAN PEGOLO (VOTO 8) respinge l’offensiva.

Il secondo tempo inizia senza apparenti novità e con un SIENA che piano piano tira i remi in barca.

Il NOVARA ne approfitta e l’ex JEDA (VOTO 6) colpisce in mischia l’incrocio dei pali.

E come piace spesso dire i vecchi parrucconi giornalistici questo “è il preludio del goal”: il neo entrato CARACCIOLO (VOTO 7) fa sponda sull’accorrente RIGONI (VOTO 7) che infila per l’uno a zero ospite.

Il SIENA ci prova ma non riesce mai ad effettuare un tiro in porta degno di nota.

E il NOVARA chiude la pratica con un’azione fotocopia del primo goal con PORCARI (VOTO 7) che scarica in rete per la gioia ospite.

Brutta partita degli uomini di SANNINO e, anche se mi dispiace dirlo, tre punti meritati per il NOVARA

Sfortunatamente è andata così. Forse la testa era già alla storica partita di mercoledì.

Ci aspetta un traguardo prestigioso, un palcoscenico riservato solo alle grandi squadre e alle grandi partite.

Di fronte a 60.000 napoletani la ROBUR scriverà un’altra pagina della sua centenaria storia, con il meraviglioso sogno della finale di Coppa Italia.

E come qualcuno una volta ci ha ricordato, sognare non costa niente. (Senio Losi)

Fonte: Fedelissimo online