Lecce-Siena 4-1

LECCE (3-5-2): Benassi, Oddo, Carrozzieri, Esposito (dal 12' pt Di Matteo), Cuadrado, Giacomazzi, Blasi, Obodo (dal 14' st Bertolacci), Brivio, Muriel (dal 48' st Delvecchio), Di Michele. All. Cosmi
A disp.: Farelli, Belmonte, Gazzi, D'Agostino, Giorgi, Mannini, Destro
SIENA (3-4-2-1): Pegolo, Rossettini, Contini (dal 25' st Giorgi), Terzi; Angelo, Parravicini (dal 7' st Gazzi), Vergassola Del Grosso, Reginaldo (dal 13' st Destro), Brienza, Calaiò. All. Sannino
A disp.: Gabrieli, Di Matteo, Giandonato, Bertolacci, Delvecchio, Bojinov, Corvia
ARBITRO: Rizzoli (Copelli-Nicoletti/Ciampi)
AMMONITI: 20' pt Reginaldo (S), 36' pt Terzi (S), 38' st Obodo (L), 9' st Rossettini (S), 10' st Carrozzieri (L), 30' st Del Grosso (S), 36' st Cuadrado (L), 9' st Vergassola (S)
ESPULSI: 47' st Blasi (L)
MARCATORI: 25' pt Del Grosso (S), 32' pt Muriel (L), 23' st rig. Di Michele (L), 37' st Cuadrado (L), 50' st Brivio (L)
ANGOLI: 4-5
SPETTATORI: 6.519 (senesi 58)

A Lecce la Robur aveva l'occasione giusta per dare una bella sterzata al suo campionato. O almeno mantenere a debita distanza una diretta concorrente nella corsa salvezza. Al 25' del primo tempo, con il primo gol di Del Grosso in serie A, i bianconeri erano virtualmente a +8 dalla zona retrocessione. Alla fine si ritrovano a +2 (e Brienza out per una forte contusione alla schiena): la squadra di Cosmi vince 4-1 e, con il poker ai bianconeri, calato in una grintosa ripresa, riapre tutti i giochi nella zona bassa della graduatoria.

Per quella che aveva definito alla vigilia "una partita di corsa e sofferenza" mister Sannino ha cambiato gli uomini. Tenendo conto anche dell'impegno di mercoledì, recupero di Siena-Catania, fuori Vitiello, Gazzi, Giorgi e Destro, dentro Contini, nel terzetto di difesa, Parravicini (alla prima da titolare), Angelo e Reginaldo. Cosmi si è affidato al 'suo' 3-5-2 con davanti Di Michele e Muriel.

Nei primi minuti di gioco al Via del Mare succede ben poco: prima Cuadrado, poi Muriel provano a sfondare, ma la difesa bianconera neutralizza entrambi. E' al 12' la prima vera azione: su angolo Brienza poi Rossettini, causa la deviazione di Oddo in scivolata, non inquadrano la porta. Al quarto d'ora Calaiò parte in linea, aspetta un compagno in area, ma Benassi anticipa Reginaldo sul cross dell'Arciere. Bene il portiere al 16' anche sulla punizione battuta da Brienza. Dall'altra parte completamente sbilenco il colpo di testa di Giacomazzi. Al 18' i bianconeri ci provano in maniera insistita, prima con Reginaldo, poi con Vergassola, alla fine è ancora il fantasista ex Reggina a concludere. Nessun problema per Benassi. Al 20' Oddo prova senza fortuna ad anticipare Reginaldo, il brasiliano parte in contropiede cade in area contrastato da Carrozzieri: Rizzoli ammonisce il bianconero, ma il contatto c'è. E' un bel Siena, che si difende e attacca con grande organizzazione. Il meritato vantaggio della Robur arriva al 25': Angelo dalla destra sforna il cross perfetto, Del Grosso arriva a gran velocità e con il piattone non lascia scampo a Benassi. Al 31' Muriel prova a scuotere i suoi: dalla distanza con il destro chiama in causa Pegolo. E' proprio il giovane giallorosso a segnare l'1-1: in una mischia in area, il portiere bianconero riesce ad opporsi alla conclusione ravvicinata di Di Michele, sulla breve ribattuta il numero 24 insacca. Dopo il pareggio il Lecce si rianima un po', ma il Siena non demorde: vita dura per Carrozzieri, con Reginaldo e Brienza che lo chiamano agli straordinari; è il difensore a deviare a fine primo tempo prima il traversone poi il corner di Del Grosso.

Il Lecce, all'uscita dagli spogliatoi, prova ad accelerare un po', al 4' Muriel in rovesciata manda a lato, al 6' Cuadrado, bravo a liberarsi di tre avversari, tira potente, ma alto. Al 10' il Siena riesce a sventare il pericolo di un'azione offensiva prolungata gialorossa e riparte con Angelo: il brasiliano trova Calaiò che in area, solo, stoppa di petto ma tira su un ottimo Benassi in uscita (il Lecce protesta perché l'azione era partita con un uomo a terra, ammonito Carrozzieri). Al 14' deviata in angolo la botta dalla distanza di Brienza. Al 19' Del Grosso mette in area, Benassi respinge, Destro non riesce a coordinarsi sulla respinta. Al 22' Muriel, indiavolato, si beve la retroguardia bianconera, entra in area, cade pressato da Gazzi: rigore per il Lecce. Di Michela dal dischetto porta in vantaggio il Lecce. Al 25' Calaiò ci prova subito: tira al volo, ma è in fuorigioco. Ora il Siena fatica a trovare spazi. Ammonito Del Grosso: diffidato, salterà il recupero di Siena-Catania. Al 31' l'Arciere serve Brienza, Benassi in uscita devia in angolo. Sugli sviluppi blocca il portiere. Al 35' ancora Brienza serve perfetto Angelo: l'estremo difensore leccese salva ancora. Al 37' grande azione di Cuadrado: cinquanta metri palla al piede senza che nessun bianconero lo contrasti, segna il 3-1 dei padroni di casa. Al 41' Brienza esce dal campo in barella, Giorgi zoppica. Sannino non ha più cambi: Robur in 10 uomini. Al 45' completamente sbagliato il cross di Destro per Calaiò. Allo scadere punizione per il Lecce: Brivio, con un gran tiro, fissa il risultato sul 4-1. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line