Le pagelle di Siena-Ostiamare

Narduzzo 6: l’estremo difensore dimostra una discreta sicurezza nelle uscite e sulle palle alte, disinnescando almeno tre traversoni pericolosi. Da rivedere il posizionamento in occasione del goal di De Sousa

Crocchianti 6: dà sicurezza ad un reparto giovanissimo di fronte ad un tridente che spaventerà diverse difese del girone E. Lasciata la serie di infortuni alle spalle, questa può essere davvero la stagione del riscatto. Mezzo voto in meno per la marcatura persa su De Sousa sul 2-1

Carminati 6: l’esperto De Sousa non è un cliente facile, tutto sommato se la cava 

Farcas 6: non demerita e cerca di limitare l’insidioso Nanni. Quando ha spazio sale palla al piede dimostrando buona gamba

Bedetti 6: abbastanza bloccato nel primo tempo, ma tutto sommato autore di una prova sufficiente considerata anche l’età. Riesce, in tandem con Crocchianti, a limitare le iniziative di un cliente pericoloso come Mastropietro, dimostrandosi concentrato per tutti i novanta minuti

Nunes 7,5 (il migliore): in mezzo al campo è l’uomo che fa la differenza. Oltre a delle ottime doti tecniche dà sfoggio di grande fisicità e sicurezza in ogni giocata. Dimostra personalità nel far ripartire l’azione. Sfortunato sulla punizione, che avrebbe meritato maggiore fortuna

Schiavon 5,5: appare un po’ indietro di condizione, in mezzo al campo è spesso ostaggio del pressing dell’Ostiamare che non lo lascia ragionare più di tanto. Perde due palloni sanguinosi che per fortuna non si materializzano in occasioni (Sare 6: ha un buon impatto con la gara, offre dinamismo e si limita ad organizzare la manovra senza grosse intuizioni ma facendo lo stretto necessario)

Bani 6: mezzo voto in meno per il goal sbagliato a tu per tu con Giannini. Nel complesso è però autore di una prova generosa, sia in fase di copertura che di accompagnamento dell’azione offensiva

De Angelis 6,5: schierato un po’ a sorpresa largo a sinistra, sfodera una prova di personalità soprattutto in fase offensiva, dove è lucido e propositivo. Come Bedetti, soffre qualcosa di più dall’altra parte del campo dove però ha un cliente scomodo (Ruggeri 6: si mette a disposizione della squadra entrando in campo con il piglio giusto ed aiutando a tenere alta la concentrazione nel finale concitato)

Sartor 7: al posto giusto nel momento giusto. Forse la doppietta più facile della carriera, ma anche la più importante. I primi gol del nuovo Siena sono i suoi

Guidone 7: sfiora il gol nel primo tempo e regala l’assist del 2-0, facendo ammattire a suon di sterzate mezza difesa ospite. Non aveva mai giocato in D finora, ci ha messo poco per ambientarsi (Forte 5,5: non segna da 5 anni e avrebbe la chance al primo pallone toccato, ma spreca un cioccolatino di Guidone)

Giuseppe Ingrosso-Jacopo Fanetti

Fonte: FOL