Le pagelle di Siena-Olbia a cura di Federico Castellani

CONTINI  7

Poco impegnato in generale risponde presente sull’unica vera conclusione verso la porta alla fine della partita con un balzo felino che ribadisce le sue qualità soprattutto fra i pali. Possiamo dedicare a lui il ritorno alla vittoria

IMPERIALE 5,5

Schierato a sorpresa in fascia non si fa mai vedere in fase di spinta dove ne avevamo un bisogno come il pane. E dietro qualche volta risulta incerto e timoroso

ESPOSITO 6,5

Sembra un giocatore di rendimento. Sicuramente non un campione ma altrettanto sicuramente un interprete affidabile.

ROSSI 7

Ancora una buona prestazione. Molto attento a guidare la difesa e ogni tanto fa valere l’esperienza che ne ha da vendere. Bene così. Il migliore

D’AMBROSIO 6,5

Giornata relativamente tranquilla non va mai in serio affanno. Propizia il goal con una incornata delle sue.

SBRISSA 5,5

Partita modesta con il compito semplice di stare sulla difensiva senza svolazzi. E lui si adegua ma non si vede quasi mai in fase propositiva e anche su alcuni alleggerimenti pecca con errori banali.

GERLI 5,5

Partita bruttina. Errori non da lui in fase di palleggio e costruzione. Sembra un po' in calo

VASSALLO 5,5

Altro interprete lontano da una forma accettabile. Schierato con il passare dei minuti a fare il tre quartista si sperde e la vede raramente. Ammonito scioccamente per proteste salterà la prossima. Che gli serva per rifiatare.

ARRIGONI 6

Sempre in mezzo a battagliare anche se un po' in confusione. Qualche tiro e tanto lavoro di copertura. 

GUBERTI 6,5

Lasciato fuori agli inizi entra fra i cori entusiasti della curva. Un simbolo e una speranza che con qualche giocata delle sue risolva una partita bloccata. Nella testa e nelle gambe. CI prova a corrente alternata ma sicuramente dà una spinta alla ricerca della vittoria

ZANON 6

Entra e vivacizza la fascia dove invece fino ad allora si latitava.

FABBRO 5,5

Tanta corsa e volontà. Rincorre un po' tutti ma non punge mai e non duetta con Gliozzi

CIANCI 6

Mossa tipica della ripresa. E lui fa quello che gli viene chiesto . Da notare una bella spizzata di testa che esce di poco a lato.

CESARINI 6,5

Finalmente bagna il suo rientro con il goal. Lo aspettava da tempo e noi con lui. Dopo, sulle ali dell’entusiasmo dà modo di farci vedere qualche giocata sopraffina degna del soprannome “ mago”. Avanti così. Potrebbe essere l’arma letale; bisogna insisterci.

GLIOZZI 5,5

Non è certamente il bomber di qualche mese addietro. Lento e compassato si vede pochissimo. Sbaglia anche il rigore ma questo fa parte del bagaglio di ogni giocatore.

BULIVARDI 6

Entra dando un po' di grinta e vivacità ma dà sempre l’impressione di giocare sui nervi e il fisico che con la testa. Però ce la mette tutta.

Cosa va

La vittoria. In questi momenti di crisi generale psico- fisica  l’importante è acciuffare il risultato. Al di là della prestazione che oggi, sinceramente, è stata modesta.

Cosa non va

Una formazione iniziale che sembra avere sorpreso tutti; dai tifosi e forse dagli stessi giocatori che stentano a ritrovarsi per almeno 10 minuti dove, a fatica, facciamo tre passaggi in fila. Poi con Vassallo riposizionato dietro le punte si vede qualcosina in più. Siamo o sembriamo sulle gambe e la  scelta di una squadra di corsa non porta i risultati sperati dovendo ricorrere ai panchinari di super lusso lasciati inaspettatamente tutti a sedere. Flop dell’esperimento Fabbro Gliozzi. Non vanno nemmeno i risultati e una classifica che non ci sorride relegandoci in un gruppone misto dal quale sarà difficile arrivare ad un piazzamento oltre il quarto posto. Speriamo…. forza e coraggio non ci devono mancare. Crediamoci e soprattutto credeteci.

Fonte: FOL