Le pagelle di Siena-Olbia a cura di Federico Castellani

PANE  6,5

Praticamente inoperoso per quasi tutta la gara si fa trovare pronto in un paio di tiri dalla lunga distanza.

RONDANINI 7

Continua il magic – moment. Fisico e grinta. Si propone con assiduità e da un suo bel cross nasce il goal

D’AMBROSIO 7

Il campo e la giornata polare sembrano esaltarlo. Non tira mai dietro la gamba e il fisico e non concede niente.

SBRAGA 6,5

Solita partita di sostanza e posizione. Neutralizza le poche velleitarie sortite dei sardi con autorità e tempismo

IAPICHINO 7

Ha gamba e si propone tantissimo. Meriterebbe il goal quando il bravo portiere ospite glielo nega con un prodigioso intervento a terra.

GERLI 6,5

Il campo lo limita un po’ e si concede un paio di errori. Del resto solita partita di qualità

BULEVARDI 7,5

Rivediamo il Danilo migliore. Rabbia, corsa, grinta e anche soluzioni pregevoli. Sfodera anche il tiro su punizione. Bene a sapersi che abbiamo un tiratore dalla grande distanza. Con la sua determinazione e intensità dà una notevole spinta a tutta la squadra. Il migliore

GUBERTI 7

Nonostante un terreno infame non tralascia giocate di fino e soluzioni interessanti. Un primo tempo un po’ frenato e una ripresa sicuramente più positiva.

VASSALLO 6,5

Cuce e cerca di dare copertura accorciando spesso su Guberti. Rischia l’espulsione per una reazione comprensibile ma non giustificabile per un fallaccio subito. Non è il momento di fare stupidaggini.

SANTINI 7

Ritorna al goal e lo fa da opportunista qual è. Tanta corsa, si sacrifica, rientra, lotta. Ti vogliamo così. E’ già un beniamino del pubblico. Grande acquisto.

MAROTTA 6,5

Peccato per il rigoraccio sbagliato malamente che forse lo condiziona nel resto della gara. Il palo gli nega la gioia del 10 centro personale.

CRISTIANI 7

Entra ed è subito in partita. Pur nel breve minutaggio si fa vedere alla grande e si produce in buoni spunti.

DAMIAN SV

Cosa va

La decisione, la voglia, la determinazione che stasera tutti hanno messo in campo. L’intensità giusta che qualche volta era mancata. In pratica la testa concentrata sull’evento. Quando siamo così non possiamo che vincere.

Cosa non va

Il Siena espugna il Rastrello. Sembra una contraddizione in termini ma l’incubo che, ancora una volta, proprio in casa dovessimo accontentarsi del punticino incombeva minaccioso come il cielo carico di neve. Occasioni mancate di un soffio, rigori non trasformati, pali e parate. Tutto sembrava remare ancora contro. Ho bisogno di vedere una partita 4 a 0 al 15° minuto della ripresa………ve lo chiediamo per favore! Forza ragazzi!

Fonte: FOL