Le pagelle di Siena-Fiorenzuola

Lanni 6: sostanzialmente compie solo una parata, quando smanaccia il tiro da fuori area di Di Gesù. Anche stavolta prende rete al primo vero tiro nello specchio, sul quale però non può nulla

Raimo 5,5: Sartore lo mette in croce in svariate circostanze, dalla prima di queste nasce il vantaggio del Fiorenzuola. Limita le sue avanzate e pensa più che altro a non scoprirsi troppo

Crescenzi 6,5: un paio di buone chiusure e una guardia sempre attenta su Mastroianni, al quale rende la vita dura. Prende le misure a Sartore e nel secondo tempo è praticamente un regista aggiunto, visto come la squadra alza il suo raggio d’azione

Riccardi 6: va vicino al gol svettando su corner ma non riuscendo ad angolare a sufficienza il suo colpo di testa. Sostituisce Silvestri facendo la sua parte, non andando mai in affanno e rendendosi partecipe del forcing finale

Favalli 6,5: sul gol del Fiorenzuola Mastroianni è più avanti, a dimostrazione di come avesse interpretato bene la salita per mandarlo in fuorigioco. Dai suoi piedi nasce il pareggio, ma è come sempre costante di rendimento per tutto l’arco dell’incontro nonostante qualche imprecisione in più del solito dovuta ad una condizione non perfetta

Meli 6: comincia benino, facendosi vedere spesso nell’area di rigore del Fiorenzuola. Nel secondo tempo viene sacrificato per passare ad uno schieramento a trazione maggiormente offensiva (dal 59’ Paloschi 6,5: la sua presenza nell’area di rigore è fondamentale, perché catalizza tutti i palloni diretti a centro area. Firma poi un’altra rete decisiva con una delle sue zampate)

Leone 6: perde qualche pallone di troppo rispetto alle sue abitudini ma accompagna con più frequenza l’azione, soprattutto nel secondo tempo, sfruttando al meglio la pressione di tutta la squadra

Castorani 6,5: partita in cui interpreta bene entrambe le fasi, le sue incursioni in modo particolare rappresentano una spina nel fianco della difesa del Fiorenzuola. Il secondo assistente gli nega la gioia del gol, resta comunque l’ottimo contributo dato alla squadra

Frediani 7 (il migliore): avrebbe forse bisogno di un esorcista, tra legni colpiti e salvataggi avversari sulla linea. Al netto della sfortuna, certifica il suo ottimo momento di forma con un’altra buona prova, cominciata sul lato destro del campo ma nella quale svaria molto non dando punti di riferimento (dall’80’ Arras sv)

Belloni 6: mette numerosi palloni precisi a centro area, che non sempre vengono sfruttati a dovere, ma in alcuni momenti della partita gli manca continuità. Va però ad un passo dalla rete, su un colpo di testa murato da Battaiola

Disanto 6,5: ci prova in tutti i modi, o attraverso un’iniziativa personale o con un suggerimento in area, ma sulla sua strada c’è sempre qualcuno a strozzargli l’esultanza. Esce stremato (dall’87’ Bianchi sv)

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol